Tencent ha restrizioni sui videogiochi

Le vendite sono aumentate del 13% su base annua, la crescita più debole da quando la società è diventata pubblica nel 2004, secondo Bloomberg.

Il colosso cinese di Internet Tencent mercoledì ha annunciato una crescita dei ricavi del terzo trimestre di appena il 3% rispetto al trimestre precedente, in rallentamento a causa dei limiti normativi sui settori dei videogiochi e della tecnologia. Le sue vendite sono state di 142,4 miliardi di yuan (19,2 miliardi di euro) nel periodo luglio-settembre, un aumento del 13% nell’anno, meno del previsto: secondo un’agenzia Bloomberg, si tratta del tasso di crescita più lento da quando il gruppo è quotato in borsa nel 2017. 2004 a Hong Kong.

Le autorità hanno imposto dalla fine dell’estate un drastico limite settimanale di tre ore di videogiochi online per i minori di 18 anni, per limitare la dipendenza tra i più giovani. Una misura che colpisce in particolare Tencent, il suo peso massimo nel settore, e i suoi popolari giochi online multiplayer.Onore del reche ha più di 100 milioni di utenti attivi giornalieri. Le autorità di regolamentazione cinesi, ora molto esigenti in materia di concorrenza e questioni relative ai dati personali, negli ultimi mesi hanno intrappolato diversi giganti dei settori di Internet e della tecnologia.

Le nuove normative vengono “attivamente” adottate dall’azienda

I minori possono giocare ai giochi online solo nei fine settimana, nei giorni festivi e durante le vacanze scolastiche. Questo passaggio non si applica ai giochi che non richiedono l’accesso a Internet. Le autorità hanno chiesto alle società collegate, tra cui Tencent, “per richiedere una lettera“regolamento.

Il gruppo con sede a Shenzhen (Cina meridionale) ha sottolineato con calma mercoledì, in un comunicato stampa dei risultati”,adottare attivamente questo nuovo contesto normativo“CHI”deve contribuire allo sviluppo di un settore più sostenibileLe nuove regole, tuttavia, hanno un effetto significativo: secondo Tencent, i minori rappresentavano solo lo 0,7% del tempo di gioco sulla sua piattaforma cinese a settembre, contro il 6,4% dell’anno precedente. All’inizio di quest’anno, Tencent è stata costretta a rinunciare ai diritti .streaming della sua musica esclusiva, con i regolatori che accusano la compagnia di “concentrazione illecita di operatori commerciali».

Rodolfo Cafaro

"Inguaribile piantagrane. Professionista televisivo. Sottilmente affascinante evangelista di Twitter. Imprenditore per tutta la vita."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.