Ripete in Italia l’urgenza di agire contro l’amianto

In merito alla commemorazione della Giornata mondiale delle vittime dell’amianto, l’organizzazione ambientale ha rilasciato una dichiarazione.

Il documento lamenta che più di tre decenni dopo l’approvazione di una legge che vieta l’estrazione, l’importazione, la produzione e la commercializzazione dell’amianto e di quanti prodotti contiene, le persone nel paese continuano a morire a causa di esso.

Andrea Minutolo, responsabile scientifico di Legambiente, ha commentato che “la situazione si fa sempre più drammatica e sottolinea la necessità di un cambio di rotta, con interventi netti e irreversibili per mettere in sicurezza e ripristinare edifici e aree contaminati, per più adeguate campagne di informazione e sensibilizzazione”.

Ha aggiunto che, nonostante gli effetti dannosi, l’azione contro l’amianto “non sembra essere una priorità per il governo”.

Ha sottolineato che il Piano nazionale per la ripresa e la resilienza difficilmente fa riferimento agli investimenti nei parchi agrosolari, senza la possibilità di destinare risorse per limitarne l’uso, dare priorità alla salute delle persone e proteggere l’ambiente.

Il testo di Legambiente ricorda che l’indagine ecologica della rivista La Nuova, che corrisponde ad aprile, è dedicata all’emersione dell’amianto, raccogliendo gli ultimi dati del Rapporto del Registro Nazionale del Mesotelioma.

L’indagine ha mostrato che degli oltre 31.000 casi di persone con mesotelioma pleurico, registrati dal 1993 al 2018, l’80% ha risposto all’esposizione all’amianto.

Ad oggi, ha aggiunto, solo il 25 per cento della “fibra killer” è stato rimosso e se continua così, ci vorranno altri 75 anni per eliminarla.

Dal nord al sud Italia, notano le organizzazioni ambientaliste, il recupero è lento sia per i grandi siti industriali di amianto che per gli edifici pubblici e privati ​​che spesso espongono inconsapevolmente le persone a queste fibre nocive.

Rodolfo Cafaro

"Inguaribile piantagrane. Professionista televisivo. Sottilmente affascinante evangelista di Twitter. Imprenditore per tutta la vita."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.