16 città in allerta per il caldo

L’Italia sta affrontando la giornata più calda di un’ondata di caldo oggi e 16 città sono state messe in allerta dal nord al sud della penisola italiana, alcune in aree dove infuriano gli incendi.

Al nord Milano, capoluogo della Lombardia, prevede temperature di 40 gradi, mentre a Bologna e Roma dovrebbero raggiungere i 39 gradi. Ieri la città di Padova ha battuto il record registrando una temperatura di 39,6°C.

L’Italia sta affrontando la massima forza dell’anticiclone africano Apocalypse4800, secondo ilmeteo.it, il quale spiega che la cifra di 4.800 descrive molto bene la situazione, poiché le temperature scendono a 0°C solo ad altitudini superiori ai 4.800 metri.

Anche dopo che la nuova ondata di caldo è passata, non ci si aspettava tregua. “Per tre mesi consecutivi, maggio, giugno e luglio, sono state confermate anomalie climatiche, con temperature registrate su scala nazionale di almeno due o tre gradi al di sopra della media normale per la stagione termica”, secondo ilmeteo.it, che rileva che Questa anomalia di temperatura durerà fino all’inizio di agosto.

I vigili del fuoco sono intervenuti ieri in decine di incendi. L’area in fiamme più importante è in Toscana vicino a Massarosa, dove sono stati bruciati 8.600 ettari e circa 1.000 persone sono state evacuate. Si sospetta che l’incendio in Toscana sia stato penale e la procura di Lucca ha aperto un’inchiesta.

Secondo il servizio europeo Copernicus, nel 2022 in Italia sono stati ridotti in cenere 275.710 ettari, rispetto a 399.040 in Francia, 1.996.510 in Spagna, 1.493.240 e 481.060 in Portogallo.

Secondo Copernicus, gli incendi boschivi in ​​Europa nelle ultime settimane hanno colpito più terra di quella bruciata nel 2021. In 27 paesi dell’Unione Europea, gli incendi boschivi hanno bruciato 5.178.810 ettari dall’inizio dell’anno.

Xaviera Violante

"Premiato studioso di bacon. Organizzatore. Devoto fanatico dei social media. Appassionato di caffè hardcore."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.