L’idea di un leader di estrema destra divide le donne italiane

Se l’Italia elegge per la prima volta una donna primo ministro, le donne italiane saranno felici o sorprese?

Se i sondaggi saranno esatti, Giorgia Meloni e Fratelli d’Italia, il partito di estrema destra da lui fondato meno di un decennio fa, vinceranno le elezioni del 25 settembre. Quindi il presidente potrebbe chiedere a Meloni di provare a formare un governo vero e proprio con alleati conservatori.

Per molti elettori, questa è una questione di genere contro politica.

Alcuni temono che Meloni, che celebra la maternità, possa tentare di erodere i diritti delle donne, compreso l’accesso all’aborto.

Per i suoi seguaci, ciò che conta è il suo messaggio conservatore di “Dio, paese e famiglia”, non il suo genere.

The Brothers of Italy ha le sue radici nel movimento neofascista che ha difeso l’eredità di Benito Mussolini, che onora le donne che hanno avuto molti figli. Il partito si è assicurato il 4% dei voti nelle ultime elezioni, nel 2018, ma alcuni sondaggi stimano che potrebbe guadagnare il 25% alle prossime elezioni.

Da giovane attivista comunista negli anni ’60, Licia Donati ha sostenuto la legalizzazione del divorzio, raggiunta nel 1970. Ha anche mobilitato i tribunali italiani per riconoscere che le mogli hanno lo stesso diritto alla giustizia dei loro mariti, in un paese dove, fino al 1981, la legge La legge prevede delle attenuanti per gli uomini che uccidono le donne al fine di preservare “l’onore della famiglia”.

Se la Meloni diventasse il primo presidente del Consiglio donna in Italia, sarebbe “un verdetto (con il passato) nel senso che è una donna, ma sarebbe un passo indietro in termini di cultura conservatrice delle donne”, ha affermato Donati, 84 anni, residente a Roma e di origine toscana.

Donati ha detto che se potesse parlare alla politica direbbe: “Che battaglie hai combattuto per le donne, cosa hai fatto? Ogni”.

Meloni, 45 anni, è l’unico grande leader del partito che non fa parte del governo di unità nazionale guidato da Mario Draghi durante la pandemia dal 2021. Dopo che le forze populiste, tra cui due alleati di Meloni nella campagna elettorale, hanno ritirato il loro sostegno al presidente del Consiglio a luglio , la coalizione dell’ex capo della Banca centrale europea è crollata e si sono svolte elezioni anticipate.

Oria Gargano, la cui organizzazione BeFree aiuta le donne a Roma che subiscono violenze domestiche, ha notato con costernazione che i leader della Fratellanza italiana avevano spinto i cimiteri a seppellire i feti abortiti e elencato i nomi delle donne che erano state abortite, anche senza il loro permesso. .

La Meloni ha recentemente fatto arrabbiare diverse donne ritwittando un video in cui una donna viene violentata per strada “per il semplice fatto che colei che l’ha violentata era un’immigrata”, ha detto Gargano.

Meloni ha rimproverato la maggior parte dei migranti – la maggior parte uomini – che sono arrivati ​​sulle coste italiane su barche di contrabbandieri e li ha bollati come lavoratori occasionali che non meritano lo status di rifugiato.

In generale evitava di chiedere il suffragio femminile solo perché era una donna. Ma ha confutato l’argomento secondo cui il suo potere non sarebbe una vittoria per le donne.

“Sfido chiunque a dire che non romperà il soffitto di vetro”, ha detto mentre arrivava sul circuito di Monza per assistere alla gara di Formula 1, ha affermato l’agenzia di stampa italiana ANSA.

“Sono una donna, quindi dire che non sei una donna se dici le cose che dico, francamente, mi fa ridere”, ha aggiunto.

Secondo i sondaggi, tra gli elettori di Meloni c’è una maggioranza maschile.

La senatrice Emma Bonino, leader del partito minore +Europa, si alleò in campagna elettorale con il rivale di Meloni, il boss del Pd Enrico Letta, battendosi da giovane per la legalizzazione del divorzio e dell’aborto.

Durante la sua campagna elettorale, la Meloni è stata sottoposta a pressioni per chiarire se avrebbe applicato la legge italiana che legalizza l’aborto nelle prime 12 settimane di gravidanza, o più tardi se la vita o la salute della donna fossero in pericolo. Insiste sul fatto che rispetterà la legge, ma vuole che venga applicata in un modo che aiuti le donne che decidono di continuare la gravidanza.

“Sarebbe intelligente, senza molti dibattiti, semplicemente ‘non applicheremmo’ la legge”, ha detto Bonino.

I rivali politici hanno fatto notare che in alcuni luoghi d’Italia, come le Marche, dove è al potere il partito di Meloni, mancano medici disposti ad abortire. In base a una legge del 1978, il personale del sistema sanitario pubblico può dichiararsi “sfidante di coscienza” per evitare di intervenire.

Alla sua prima manifestazione elettorale il mese scorso ad Ancona, una città delle Marche, circa 1.000 sostenitori entusiasti hanno superato di gran lunga le diverse dozzine di manifestanti, la maggior parte delle quali donne, che protestavano lungo la strada.

“Trasmettono odio e non ci rappresentano”, ha scritto una donna sullo striscione.

La Meloni, che ha una figlia piccola con il compagno, ha criticato quelli che definisce “lobbisti” LGBTQ, deridendo il concetto di fluidità di genere e sostenendo il divieto italiano di adozione da parte dei single.

Per lui la famiglia “tradizionale” è il fondamento della società.

Le sue opinioni conservatrici hanno portato alla resistenza di alcune donne, come Alice Riboli, che ha 18 anni e sta per votare per la prima volta.

“Sarebbe bello vedere una donna in politica svolgere un ruolo del genere (come primo ministro), ma forse non lei. Magari qualcuno con un’idea un po’ più aperta, più aggiornata”, ha detto Riboli, aostano, nel nord Italia.

Ma altre donne sostengono l’agenda di Meloni.

Lavinia Mercante, 25 anni, ha detto di sostenerlo “come politico, non come donna”. Mercante voleva il diritto di governare.

Altri, invece, sono indifferenti all’emancipazione femminile come questione elettorale: vogliono solo un governo che possa rimanere in carica. Dal 2018, l’Italia ha tre coalizioni di governo, spesso contrassegnate da divisioni, provenienti da tutto lo spettro politico.

“Non credo che mi importi se vince la destra o la sinistra”, ha detto Caterina Bazzani, 52 anni, consulente finanziaria di Agrate Brianza, nel nord Italia. “Voglio un governo, eletto dagli italiani, che duri cinque anni e porti a termine il suo programma”.

Quanto alla Meloni, «c’è chi dice che deve arrivare al governo perché è una donna, ma io non la vedo così. Abbastanza per me da fare. Ragazzo o ragazza, non importa per me”.

___

Sabrina Sergi ha contribuito a questo rapporto.

Rodolfo Cafaro

"Inguaribile piantagrane. Professionista televisivo. Sottilmente affascinante evangelista di Twitter. Imprenditore per tutta la vita."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.