Putin può essere evitato?

L’autore è ricercatore associato presso la Chair Raoul-Dandurand, dove il suo lavoro si concentra sullo studio e l’analisi della politica americana.

Dopo il più grande conflitto XXe secolo, con 50 milioni di morti, tra cui mezzo milione di americani, i vincitori della seconda guerra mondiale, in particolare gli Stati Uniti, scelsero di finanza ricostruzione dei paesi sconfitti e responsabili delle ostilità.

A parte la Gran Bretagna e la Francia, la Germania e l’Italia lo erano davvero più beneficiato del Piano Marshall, il grande programma messo a punto dall’amministrazione Truman per ricostruire un’Europa in cui ulteriori relazioni saranno determinate dalla cooperazione.

Poi, subito dopo, iniziò la Guerra Fredda tra gli Stati Uniti ei loro alleati nell’Europa occidentale da un lato e l’Unione delle Repubbliche Socialiste Sovietiche (URSS) dall’altro. Gli Stati Uniti sono usciti di nuovo in testa. Solo che il destino in serbo per i perdenti sovietici da questo confronto latente non era lo stesso dell’Asse Overgeared.

Prima durante il periodo della perestrojka Iniziata nel 1986 da Mikhail Gorbaciov negli ultimi anni dell’Unione Sovietica, poi negli anni successivi alla caduta della cortina di ferro, segnata dalla miseria sotto la presidenza di Boris Eltsin, la potenza russa ha chiesto solo una cosa all’America: il nostro aiuto. La risposta dell’America a questa richiesta, da una presidenza all’altra, da George Bush, è stata limitata al vuoto.

Mikhail Gorbachev, Ronald Reagan e George Bush visitano Governors Island, New York, il 7 dicembre 1988. Foto: National Archives and Records Administration.

L’economia emersa dal crollo dell’Unione Sovietica ha impedito alla Russia di sanguinare. Dal 1990 al 1998, il paese ha vissuto grave depressione. L’economia si è addirittura contratta del 14,5% nel 1992 e del 12,6% nel 1994. Allo stesso tempo, l’inflazione elevata ha colpito il portafoglio russo, con tassi annui che raggiungono l’84% e mai meno del 15%. La Federazione si è persino trovata a non pagare i suoi debiti nel 1998.

Ciò che seguì fu la povertà e la criminalità diffuse: migliaia di bande organizzate che sconvolsero la vita nei centri urbani della nazione. Questa miseria umana è stata accompagnata da un profondo senso di umiliazione nazionale.

È in questo contesto che emerge il fenomeno di Vladimir Putin a cavallo del secolo. Restituirà alla Russia la sua dignità, il suo orgoglio, la sua grandezza. una specie di ” Rendi di nuovo grande la Russia ».

La proposta di Putin avrebbe una tale eco se la Russia non avesse assaporato la sconfitta appena subita per mano dell’Occidente, in particolare dell’America?

Cosa fare adesso ?

Ora che il “danno è stato fatto”, cosa dovrebbe fare l’Occidente?

La risposta sembra, da un punto di vista americano, abbastanza semplice: fare pressione sulla Russia. Il mancato invio di truppe per affrontare frontalmente l’esercito russo, l’escalation delle sanzioni economiche e finanziarie contro il regime costringerà il presidente Putin a dimettersi, o addirittura porterà a una rivolta popolare contro di lui.

E se questo non lo sblocca, c’è un’opzione più diretta: rimuovere Putin, un desiderio che il senatore repubblicano Lindsey Graham ha espresso esplicito all’inizio di questo mese.

Da una prospettiva occidentale, questa “soluzione” è interessante: sbarazzarsi del dittatore pone fine alle atrocità e alle ingiustizie in Ucraina e Russia. Nel parole del senatore Graham, i russi devono quindi trovare nelle loro file Bruto pronto a porre fine al regno di Cesare.

Tuttavia, la Russia, va ricordato, non è una democrazia liberale. In un paese affollato una priorità con fervore nazionalista, non vuol dire che la miseria imposta alla Russia non possa funzionare, infatti, come un appello a radunarsi attorno a un dittatore che controlla ampiamente le informazioni che circolano lì – e che può usare queste sanzioni per alimentare le lamentele popolari contro l’Occidente .

Inoltre, il rovesciamento di governi tirannici, spesso sponsorizzato dagli Stati Uniti, raramente si traduce in pace e armonia. La Libia, che è stata liberata da Muammar Gheddafi 10 anni fa, ne è un esempio convincente. Da allora il paese è stato coinvolto in una sanguinosa guerra civile.

La stessa storia della Russia dovrebbe servire da serio avvertimento al riguardo. L’ultima volta che una rivoluzione popolare ha sconfitto un regime dittatoriale è stato un secolo fa. Dopo 300 anni di governo zarista e della famiglia Romanov, il tiranno Nicola II si vide rimosso dal trono. Questo ci porta a Lenin, poi a Stalin.

C’è anche lo stimolante Shakespeare: le sue opere Giulio Cesare si concluse non con la fine dello statista, ma con ciò che portò alla sua morte: la guerra civile.

In breve, non esiste una soluzione semplice all’attuale conflitto ucraino. Motivo in più per essere dispiaciuti di non essere venuti in aiuto della Russia quando la Russia era in una crisi economica.

Franco Fontana

"Fanatico della musica amatoriale. Ninja dell'alcol. Piantagrane impenitente. Appassionato di cibo. Estremamente introverso. Nerd di viaggio certificato."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.