La guerra potrebbe essere finita entro maggio, secondo un consigliere presidenziale

È probabile che la guerra in Ucraina finisca all’inizio di maggio, quando la Russia esaurirà le risorse per continuare la sua offensiva nel suo vicino, ha detto lunedì scorso Alexei Arestovich, consigliere della presidenza ucraina.

I negoziati tra Kiev e Mosca, in cui Arestovich non era coinvolto, hanno prodotto pochi risultati tangibili oltre a un accordo su un’organizzazione chiamata corridoio umanitario, che avrebbe consentito ai civili di lasciare le città ucraine assediate.

Arestovich prevede che il momento in cui il conflitto finirà dipenderà da quante risorse il Cremlino è disposto a spendere per questa campagna.

“Penso che entro maggio, inizio maggio, avremo un accordo di pace, forse molto prima, vedremo”, ha detto il consigliere presidenziale.

“Siamo a un bivio: un accordo di pace sarà raggiunto presto, tra una o due settimane, con il ritiro delle truppe e tutto il resto, oppure si cercherà di radunare alcuni, diciamo, siriani, per il secondo turno, e dopo di loro. l’abbiamo anche tritata, (l’accordo verrà fatto a metà aprile o alla fine di aprile”.

Un altro scenario, “assolutamente folle” per Arestovich, è che la Russia inizi a inviare nuove reclute in guerra dopo un mese di addestramento, ha aggiunto.

“Anche dopo la firma del trattato di pace, è probabile che le ostilità su scala minore continueranno per un altro anno”, ha affermato Aresovic. Kiev chiede che tutte le truppe russe si ritirino dal territorio ucraino.

La guerra in Ucraina è scoppiata il 24 febbraio, quando il presidente russo Vladimir Putin ha ordinato il lancio di quella che ha definito una “operazione militare speciale”.

Xaviera Violante

"Premiato studioso di bacon. Organizzatore. Devoto fanatico dei social media. Appassionato di caffè hardcore."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.