Europa: la crisi energetica uccide l’interruttore, avverte Draghi di estrema destra

Sufficienza energetica, precisione e inflazione creano un’atmosfera esplosiva nel vecchio continente – Problemi con l’aumento dell’estrema destra – Putin spegne i rubinetti e aspetta l’inverno

Vari rischi, mentre Vladimir Putin ha giocato pienamente un ruolo nella crisi energetica, hanno cominciato a emergere in Europa. La crisi energetica, da un lato, mette a rischio la sufficienza dei paesi europei in petrolio e gas naturale in vista del prossimo inverno e, dall’altro, crea uno scenario esplosivo a livello comunitario, poiché la precisione si diffonde in tutta l’Unione Europea. Stati membri, allo stesso tempo l’inflazione sta mangiando i redditi, con la Banca Centrale Europea che continua con successivi aumenti dei tassi, pesando ulteriormente sui bilanci delle famiglie, delle imprese e dello Stato.

Già, un Paese dopo l’altro, hanno annunciato misure di risparmio energetico. Famosi monumenti e illuminazione pubblica sono stati tra i primi ad essere sacrificati sull’altare della battaglia per la sufficienza energetica, allo stesso tempo Mosca ha chiuso i rubinetti e si è mossa per rafforzare i suoi legami e collaborazioni soprattutto con i grandi mercati asiatici.

Tuttavia, la crisi energetico-economica-sociale non è l’unico pericolo sulla strada che l’Europa ha intrapreso nelle acque inesplorate del nuovo ordine, che dovrebbe trionfare sul primo. Partiti e organizzazioni di destra cominciarono a farsi sentire, accrescendo il loro potere in paesi potenti, come Francia, Svezia, ma anche Italia, che versavano in un periodo di grave instabilità politica.

Campane di Mario Draghi

Mario Draghi ha inviato il suo messaggio privato, una settimana prima delle elezioni del 25 settembre. Come riportato DW, il premier tecnocratico italiano ha presentato un nuovo pacchetto di misure a sostegno delle famiglie e delle imprese per un valore complessivo di quattordici miliardi di euro. I principali interventi riguardano la dichiarazione dei redditi per le imprese, il prolungamento della riduzione delle tasse statali sui carburanti e un “bonus” di 150 euro, che sarà assegnato a 22 milioni di cittadini.

Tuttavia, allo stesso tempo, il presidente del Consiglio dei tecnocrati italiani fa riferimento direttamente e indirettamente a questioni relative alla campagna pre-elettorale. “La democrazia del nostro Paese è forte, non cede ai nemici stranieri e ai loro mercenari. Dobbiamo avere fiducia nella nostra democrazia”, ​​ha detto Draghi.

Secondo gli analisti, il riferimento è alla Lega italiana di destra e ad Adelphia, forza politica di punta nelle intenzioni di voto di tutti i sondaggi d’opinione. La Lega – e in passato – è stata accusata di avere rapporti troppo stretti e amichevoli con Putin, mentre l’estrema destra sostiene ancora le famose posizioni di Ungheria e Polonia.

Riferendosi a Viktor Orbán e alla schiacciante relazione del Parlamento europeo, Mario Draghi ha aggiunto: “Tutto il nostro approccio e la nostra idea sull’Europa sono concreti. I nostri alleati sono Germania e Francia, così come altri paesi europei che combattono per lo stato di diritto”.

Interrogato sul nuovo governo italiano che emergerebbe dalle urne, ha significativamente aggiunto che “i partner dovrebbero essere scelti non solo in base alle somiglianze ideologiche ma anche agli interessi degli italiani. In altre parole, rispondendo alla domanda “chi sono i partner che mi aiuterà di più a proteggere questi interessi?” e chi è il più importante?”

Un Draghi con una posizione chiara, che lancia il messaggio che non c’è spazio per pericolosi nazionalismi e isolazionisti e esclude ancora una volta che possa essere interessato a un secondo mandato da presidente del Consiglio.

Fonte: skai.gr

Xaviera Violante

"Premiato studioso di bacon. Organizzatore. Devoto fanatico dei social media. Appassionato di caffè hardcore."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.