È a danno dei cristiani, li distrugge. La chiesa dovrebbe servire più da ospedale da campo

Tomáš Halík chiede: Qual è il potenziale spirituale della società laica occidentale? Che ruolo ha giocato e può svolgere il cristianesimo in Occidente?

Durante la crisi dei rifugiati del 2015, potremmo aver sentito mille volte che l’Europa è cristiana. Il cristianesimo si oppone Islamcontro i terroristi islamici, ma paradossalmente – nel nostro Paese e in Polonia, Ungheria e Slovacchia – contro chi è fuggito dallo “Stato islamico”, prima di morire.

Nella crisi odierna, quando stiamo facendo molto più umanamente nella Repubblica Ceca e siamo disposti ad accogliere i profughi dall’Ucraina, non si parla più di diventare una “civiltà cristiana”. Seguiamo uno strano paradosso: quando le persone si comportano da “cristiane”, i politici smettono improvvisamente di parlarne. Forse perché non può essere abusato, distorto.

In un’intervista per iRozhlas.cz Il sacerdote e teologo cattolico Tomáš Halík ne ha parlato: “Il mio rapporto con i rifugiati mi porta a credere che la società ceca, per la maggior parte, sia ‘ecclesiastica’ ma non non cristiana. Il cristianesimo non è la stessa cosa della ‘religione’ e non è misurata dal numero delle persone nel mondo la chiesa, ma la pratica della vita: accogliere estranei e bisognosi è un comandamento che permea tutta la Bibbia, e Gesù non onora chi lo chiama semplicemente ‘Signore, Signore’, ma coloro che fanno la volontà di Dio, anche se non hanno ‘motivazione religiosa’ per farlo”.

Secondo Halík, siamo da qualche parte, forse inconsciamente, nella società cristiana, perché nella nuova crisi dei rifugiati stiamo aiutando le persone bisognose. In passato, siamo stati manipolati, il profondo cristianesimo oscurato dalla paura artificiale.

Sorge la domanda su come i cristiani oggi, ad esempio, nel nostro paese nella Repubblica Ceca, non vadano in chiesa, non pratichino in nessuna denominazione cristiana e influenzino i non credenti. E cosa dovrebbero fare esattamente adesso? Che notizie mandano all’azienda non solo da qui, ma anche da altre parti del mondo, dalla Polonia, dalla Russia, dal Vaticano, dall’America…

I cristiani possono essere divisi in due gruppi. Alcuni di loro non li vediamo, non ne sentiamo parlare, semplicemente credono, non vanno in chiesa o vivono come cristiani. Questo non significa che vivano meglio dei non cristiani, anche loro divorziano, rubano, commettono, imbrogliano, odiano, ma allo stesso tempo credono che Dio, Gesù, è con loro, che loro soli non sono la misura di tutto . qualcosa.

Poi abbiamo i cristiani che si vedono e si ascoltano. Ciò include persone come Tomáš Halík, come il pastore evangelico Sváťa Karásek, ma molto più forte e più spesso le persone sentono nomi come Cardinale Dolore, Papa Francesco o, più recentemente, il patriarca ortodosso russo Kirill. Sentiamo e leggiamo della posizione conservatrice dei cristiani americani, delle loro divisioni più rigide, che cercano disperatamente di vietare l’aborto, di riportare la società ai decenni.

Silenzioso a terra e rumoroso a terra

Questi cristiani tranquilli e meno visibili sono raramente nei media, di loro non sappiamo quasi nulla. Ma possono gestire una casa di riposo per anziani, aiutare i bisognosi, i più deboli e vulnerabili, oppure potrebbero non fare nulla di tutto questo e semplicemente andare a lavorare o andare in pensione.

I cristiani famosi attirano l’attenzione soprattutto quando commettono un errore, quando dicono qualcosa di stupido, di brutto, quando se ne vanno. Persiste ancora nel nostro paese, l’educazione comunista anticristiana è radicata in noi. Il cardinale Grief ha sempre attirato l’attenzione quando ha creato qualcosa di confuso, quando si è schierato con Zeman, quando era sotto processo per un’opera teatrale, per proteggere la sua immagine di Gesù quando ha difeso l’ultra-ortodosso Movimento Cattolico per la Vita.

Il russo ha un vero effetto disgustoso Il patriarca Kirill, un cristiano ortodosso che è direttamente collegato al presidente Putinbenedica le armi russe che uccideranno l’Ucraina, un uomo che sostiene la guerra offensiva. Ha sostenuto l’ideologia del “mondo russo” (Russkij mir), un misto di idee ortodosse, euroromanticismo e violento nazionalismo russo.

Martin C. Putna, cristiano, storico letterario e conoscitore russo, ha affermato: “La Chiesa ortodossa russa è completamente nelle mani del potere statale”. La Russia assomiglia a una teocrazia musulmana come l’Iran: la chiesa dipende dallo stato e lo stato dalla chiesa. E ancora Putna: “Kirill è un kágébák, un mostro, il servitore di Putin. È un uomo che rappresenta la peggiore forma di Ortodossia”. – L’immagine di un cristiano è disgustosa, terribile.

Tuttavia, le campagne dei credenti ortodossi cechi, ad esempio, contro i matrimoni omosessuali e l’adozione di bambini da parte di gay e lesbiche, hanno avuto lo stesso effetto ripugnante. L’intera assurdità sostiene che le unioni omosessuali “minacciano le famiglie tradizionali”. La famiglia tradizionale si minaccia, noi la minacciiamo. Il cristianesimo sembra comprensibilmente contrario all’aborto, all’uccisione di bambini non ancora nati, ma ancora una volta, invece di semplici spiegazioni e persuasioni, in particolare il cattolicesimo in Polonia, ad esempio, cerca di vietare l’aborto, interferire con la vita delle donne, lo impone.

Anche papa Francesco è solo umano

Papa Francesco occupa un posto speciale tra i visibili. Divenne il favorito della folla, fu accettato anche dai liberali. Si trovava in entrambe le grandi ondate di rifugiati, era molto sensibile, amichevole, empatico. Ma ha anche recentemente dimostrato di essere solo umano, di guidare bene e di non negare il suo passato in Argentina, segnato dalla sfiducia americana.

Recentemente in un’intervista al quotidiano italiano Corriere della Sera Ha parlato della guerra in Ucraina: “Forse la Nato che abbaia alla porta della Russia ha costretto il capo del Cremlino a comportarsi così male e provocato conflitti”, ha detto. Non poteva dire che fosse quella la causa, ma forse ha contribuito alla decisione di Putin. – Con buona pace del papa, questo semplicemente non è vero. Potrebbe non piacergli la NATO e gli Stati Uniti, ma Putin vuole governare il mondo come Hitler.

Nel nostro paese, Tomáš Halík è considerato un cristiano liberale, illuminato e molto famoso. Ad esempio, un prete cattolico che celebra i successi mondiali ha vinto il “Premio Nobel spirituale”, il Premio Templeton. Ma anche se è famoso nel mondo, i cechi non lo eleggeranno presidente, prevarrà sicuramente la sfiducia nei confronti di sacerdoti e cristiani.

Miloš Zeman ha molto rovinato le opinioni dei cristiani quando ha preso parte ad alcuni eventi cattolici, come il pellegrinaggio di S. Venceslao a Stará Boleslav. Poiché usa la Chiesa cattolica ceca per le sue manipolazioni, sembra che ancora una volta stia cercando di usarlo a suo vantaggio. E il portavoce di Zeman Jiří Ovčáček e lo sfogo di “santo” e frequente odio sui social network hanno danneggiato l’immagine di un cristiano nella società ceca.

Se il cristianesimo rovina qualcosa, se qualcosa lo rende inaccettabile, è una tendenza al potere e un rapporto con il potere. Gesù e Putin, Gesù e Trump, Gesù e Zeman, Gesù e Kaczynski, Gesù e Orban? Non possiamo camminare insieme. Kirill e Putin, Dolore e Zeman. Il potere di mangiare è molto pericoloso per il cristianesimo. Il potere assorbe e rivaluta il suo significato. Quando si immagina l’essenza della Pasqua, Gesù che viene lasciato sulla croce, dovrebbe essere chiaro che il potere politico, laico, è del tutto altrove.

Il teologo evangelico Dietrich Bonhoeffer, un partecipante alla resistenza antinazista morto nel campo di concentramento di Flossenbürg, era molto più adatto al cristianesimo. O Halík, che per anni ha illuminato senza compromessi l’essenza del presidente Zeman e ha sostenuto apertamente la fornitura di armi all’Ucraina in modo che possa difendersi.

Niente più “potere e gloria”

iRozhlasu.cz chiede se non crede in una soluzione pacifica, dice: “L’illusione che il conflitto si risolva ‘attraverso la diplomazia’ con la Russia è una perdita di tempo; purtroppo non ci si può fidare delle promesse e degli impegni di Putin. La Russia comprende solo il linguaggio del potere. È nell’interesse di tutto il mondo libero fermare la Russia e i volontari”.

I cechi hanno il vantaggio di essere una società esplicitamente laica. La soppressione del cristianesimo qui ha successo solo grazie al terrorismo islamico, ai politici che trasformano la loro fede in armi, strumenti caldi dell’odio. – Allo stesso tempo, però, oggi è chiaro che ogni società ha bisogno di una carica spirituale, richiede fede. Questo è molto visibile in una crisi, il consumo all’improvviso non basta o finisce, e dopo? Cosa abbiamo?

Nel saggio per l’elenco dei messaggi, chiede il pensatore Halík: “Quale potenziale spirituale ha la società laica occidentale? Quale ruolo può svolgere il cristianesimo e può svolgere in Occidente?” Ha aggiunto: “Le chiese cristiane non si sono sufficientemente riprese dalle rivelazioni della pandemia di abusi sessuali, quest’ultima ondata di secolarizzazione (o, più precisamente, la profanazione della) società occidentale”.

Offre anche una possibile risposta per l’oggi: «Papa Francesco presenta una visione della Chiesa come ‘ospedale da campo’; una Chiesa che non rimane in ‘splendido isolamento’ dal mondo moderno né conduce una ‘guerra culturale’ che è stata perso prima nel mondo. il mondo. è un ospedale da campo, quindi i suoi servizi terapeutici presuppongono anche la capacità di diagnosticare con competenza lo stato del nostro mondo”.

Chiese come ospedali da campo, cristiani come volontari terapeuti. Niente più templi giganti avvolti nell’oro, uno stufato per il paradiso, la fine del desiderio di potere e influenza, per il successo, per milioni di credenti – molti di noi. Ospedale da campo, dove vengono trasportate ferite sanguinanti. Un cristiano è come un estraneo, ma chi aiuta quando serve, non rifiuta l’aiuto.

Accetta i rifugiati, pensa ai senzatetto e alle persone indebitate, non sostiene il genocidio, non è nazista, non alimenta l’odio. Basta. Non c’è “potere e gloria”, nessuna gestione mondiale, ma ospedali e servizi sul campo. Più il lavoro terapeutico menzionato da Halík, la non punizione, la comprensione del mondo che lo circonda e persino l’offerta della fede come prospettiva di vita.

Video: Discorso del Venerdì Santo di Tomáš Halík

Tomas Halik – Video del Venerdì Santo: Parrocchia accademica di Praga – Salvátor

Franco Fontana

"Fanatico della musica amatoriale. Ninja dell'alcol. Piantagrane impenitente. Appassionato di cibo. Estremamente introverso. Nerd di viaggio certificato."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.