Quanti chilometri dura la tua auto? | ha chiesto l’autista

Nella primavera di quest’anno sono circolate nel nostro Paese notizie sulla Volvo V70, il cui proprietario supera il milione di chilometri sul contachilometri. Sembra sensazionale, ammetto di non essere stato troppo sorpreso. Certo, la maggior parte delle auto finisce la propria vita ben prima ancora di raggiungere un terzo di quel chilometraggio, ma quando lo guardiamo più in dettaglio, scopriamo che l’auto in sé non è davvero da biasimare e, in questo caso, non c’è motivo di farlo. . l’auto non deve completare un milione. Proverò a spiegare perché.

La tecnologia è davvero progredita in modo significativo nell’ultimo decennio, i motori a combustione delle automobili di oggi sono dotati di molti dispositivi per regolare una cosa o l’altra. Il risultato è una macchina che non puoi più riparare a casa, è vero. Ma quando si tratta dell’affidabilità stessa, paradossalmente, le cose non vanno poi così male qui. La nuova tecnologia porta non solo macchine più complesse, ma anche nuovi materiali e metodi di produzione più perfetti. Gli intervalli di manutenzione si stanno allungando e molti componenti stanno passando completamente alla categoria esente da manutenzione.

Se vuoi, la durata della tua auto è praticamente illimitata se adeguatamente curata. E in realtà, tutto è contenuto in questa frase. Una cura adeguata è la chiave del successo. Che la Volvo V70 sia davvero ben curata, in quanto gestita da un meccanico in servizio ufficiale, che gode del suo lavoro e si dedica completamente. Grazie alla sua esperienza e ai suoi interessi, una persona del genere può individuare e riconoscere immediatamente i segni di problemi. Suoni che non dovrebbero esserci, vibrazioni anomale. A prima vista, l’usura superficiale di una parte consumabile porta l’occhio esperto oltre e forse scopre anche un difetto più elementare che minaccia il potenziale guasto dell’intero motore.

Naturalmente è bene scegliere un modello adatto per tali soluzioni di trasporto individuali a lungo termine. Auto come la solida Volvo svedese resistono alle ingiurie del tempo molto meglio, per esempio, di alcune leggere auto sportive italiane, questo è chiaro. Tuttavia, basti guardare le pubblicità, l’abitacolo ben costruito e la pelle di alta qualità hanno ancora un bell’aspetto anche dopo centinaia di migliaia di chilometri e mostrano solo lievi segni di usura. E questa, per la meraviglia del mondo, è in realtà la cosa più importante.

Foto: Volvo

La maggior parte delle auto in realtà finisce la propria vita prematuramente. Molte auto portate per lo smaltimento ecologico sono completamente guidabili. Ma i loro proprietari hanno perso interesse per loro. L’auto è vecchia, scaduta, non mostrerà più molto. I difetti che mostra potrebbero non essere troppo gravi, ma il proprietario non vuole più investire i soldi, perché anche se lo facesse, una volta riparato, l’auto sarebbe comunque danneggiata con plastica screpolata e tappezzeria usurata. Insomma, è giunto il momento di un cambio generazionale.

In realtà, tutto può essere risolto. Ci sono procedure e kit di riparazione per tutto. Ma l’auto dovrebbe essere degna di manutenzione. Devi volere. Devi avere un motivo per tenerlo. Il processo di invecchiamento di un’auto non è diverso da quello di un essere umano sotto questo aspetto. Alcune auto trascorrono i loro anni con grazia, passano senza intoppi dalla novità moderna e dallo showroom di showroom a Youngtimer e infine al classico. Sono le auto che tieni come amici, ti accompagnano per tutta la vita e modellano la tua personalità.

Foto: Saab

Altre auto, invece, sono beni di consumo nel vero senso della parola. Una volta che invecchiano, la loro esistenza non ha più alcun significato. Le notizie faranno il loro lavoro molto meglio e non c’è davvero nulla sul lato opposto della scala. Anche lo stato sociale di un’auto del genere gioca un ruolo qui. Una vecchia macchina è solo una vecchia macchina e in alcuni ambienti un ritardo nell’aggiornamento della tua flotta può portare a preoccupazioni che i tavoli siano cambiati e che la tua fortuna sia cambiata altrove. Le auto tedesche triple premium soffrono principalmente di questa malattia, la differenza tra Mercedes nuova e vecchia è pessima agli occhi dell’ambiente ricettivo.

Foto: Mercedes-Benz

La Volvo solida e conservatrice è un tipico esempio di un’auto che è diventata in qualche modo un membro della famiglia. Simili ai marchi Saab, Rover o anche Lancia, stanno un po’ in disparte (ma, a differenza di quelli sopra menzionati, sono ancora vivi). Il design è abbastanza unico da non seguire le tendenze della moda. Ecco perché le Volvo usate hanno un chilometraggio così elevato: i loro proprietari non hanno motivo di cambiare la loro auto. Una station wagon Volvo è un’auto che ti metterà un tetto sopra la testa con la tua ragazza durante il tuo primo viaggio insieme, ti aiuterà a trasferirti nel tuo primo appartamento, il tuo primo appartamento, la tua prima casa, accompagnerà pazientemente i tuoi bambini a casa tua. e l’ultimo decennio con te. E sarà sempre allo stesso modo.

Foto: Volvo

Per le ragioni sopra esposte, non ho motivo di dubitare che la station wagon V70 abbia effettivamente superato il milione senza problemi seri. E che è ancora in buona forma. Dopotutto, l’americano Irv Gordon ha percorso cinque milioni di chilometri con la sua Volvo P1800. Il connubio tra un’attenta manutenzione, una solida base tecnica e, soprattutto, il rapporto del proprietario con l’auto, è, a mio avviso, una ricetta garantita per la longevità di un’auto.

Foto: Volvo

Ma tutto questo è solo la mia teoria e ho bisogno di verificarlo in qualche modo. Quindi vi chiedo, cari lettori, quanti chilometri dura la vostra auto e cosa ne determina il destino?

Marinella Castiglione

"Tipico risolutore di problemi. Incline ad attacchi di apatia. Amante della musica pluripremiato. Nerd dell'alcol. Appassionato di zombi."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.