Nadal troppo forte per Hanfmann: doppietta in rimonta

Yannick Hanfmann, Dominik Koepfer, Oscar Otte: fai di tutto. Il numero di professionisti tedeschi agli Australian Open sta diminuendo.

Open d’Australia

Melbourne (AP) – La stella del tennis Rafael Nadal è troppo forte: il qualificato Yannick Hanfmann è tutt’altro che una sensazione agli Australian Open. A 2:6, 3:6, 4:6, Karlsruher si è difeso coraggiosamente a Melbourne.

Il numero 126 del mondo alla fine non è stato in grado di danneggiare il 20 volte campione del Grande Slam spagnolo nel duello del secondo round alla Rod Laver Arena. Per dieci dei suoi primi dodici tedeschi professionisti, il fallimento al primo torneo del Grande Slam dell’anno è stato sigillato.

“Sapevo che era pericoloso”, ha detto Nadal di Hanfmann dopo aver salutato il Centre Court con un applauso di apprezzamento: “Penso che il suo livello di tennis oggi fosse molto più alto della sua posizione in classifica”.

Zverev come grande speranza

Anche Dominik Koepfer e Oscar Otte sono stati eliminati al secondo turno. Koepfer della Foresta Nera della Coppa Davis ha perso contro la testa di serie americana Reilly Opelka in tre set in 4:6, 3:6, 6:7 (4:7). Ottavi di finale degli US Open Otte non ha potuto ripetere il suo successo da New York e ha perso 6:2, 2:6, 3:6 1:6 contro l’italiano Lorenzo Sonego, che è 25°. Agli US Open dello scorso anno, il nativo di Colonia ha battuto Sonego al primo turno e poi ha sbalordito come qualificato negli ottavi di finale.

La grande speranza della Germania agli Australian Open è Alexander Zverev. I campioni olimpici di Amburgo incontreranno l’australiano John Millman mercoledì (2a partita dopo le 21:00 / Eurosport). Giovedì, Philipp Kohlschreiber dell’Augsburg sta cercando di prolungare la sua permanenza in Australia battendo lo spagnolo Roberto Bautista Agut.

Nel doppio, il duo Kevin Krawietz e Andreas Mies ha vinto ancora una volta con successo il titolo del Grande Slam. Grazie a 7:6 (9:7), 6:3 contro il messicano Santiago Gonzalez e l’argentino Andres Molteni, il due volte campione del Roland Garros è passato al secondo turno. I Krawietz/Mies hanno fatto il loro ritorno nel tour ATP la scorsa settimana a Sydney, dove hanno raggiunto le semifinali nel loro primo torneo insieme in più di un anno.

“Mi manca di tanto in tanto”, ha detto Mies con un sorriso. All’inizio dello scorso anno, l’uomo di Colonia è stato operato al ginocchio a causa di un grave danno alla cartilagine ed è stato costretto a riposare per mesi.

doppia riunione

“Penso che la rottura, per quanto stupida sia, potrebbe non essere così grave”, ha detto Mies: “A volte è come in una relazione. A volte non sai davvero cosa hai nell’altra persona e lo dai per scontato. Semplicemente non è vero. -è successo a noi. Ma quell’anno mi è stato di nuovo chiaro quale grande partnership abbiamo. »

Il numero uno del mondo australiano Ashleigh Barty ha impiegato solo 52 minuti per passare al terzo round. Le speranze nazionali hanno mandato la qualificata italiana Lucia Bronzetti 6:1, 6:1. A Melbourne, Barty sperava di diventare il primo australiano dopo Chris O’Neil nel 1978 a vincere l’Australian Open.

© dpa-infocom, dpa:220119-99-763904/4

Rodolfo Cafaro

"Inguaribile piantagrane. Professionista televisivo. Sottilmente affascinante evangelista di Twitter. Imprenditore per tutta la vita."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.