Cinque delle auto di Formula 1 di maggior successo di tutti i tempi!

Qui (almeno lo crediamo fermamente) ognuno troverà un preferito. Tuttavia, una buona macchina da sola non basta: tutta la squadra deve giocare bene, il pilota deve “seduto” con la macchina e così via. Ecco una selezione delle migliori auto di Formula 1, dove tutti questi attributi si incontrano in armonia, e in effetti una delle auto di maggior successo.

1. Loto 72 (1970-1975)

Naturalmente, dietro la prima leggenda della nostra lista c’è nientemeno che l’astuto designer Colin Chapman. Secondo molti, “settantadue” è il suo capolavoro, la sua nona sinfonia, se vogliamo. Mani sul cuore – a causa delle 20 gare vinte su un totale di 75 (!) dove è stata utilizzata la Lotus 72, la percentuale di successo non è così alta. Lotus 72, invece, ha vinto due Campionati del Mondo e due titoli di Coppa Costruttori. Il cuneo tipo 72 con prese nella parte superiore e radiatori ai lati è stato anche il primo passo nell’evoluzione del vecchio monopost con corpo “a sigaro”.

La Lotus 72 fu schierata per la prima volta nella stagione 1970. Sebbene Jochen Rindt dovette ritirarsi nella prima gara, Rindt riuscì a vincere quattro volte di seguito. Gli esperti sicuramente sanno che il talentuoso e impavido Rindt ebbe sfortuna quell’anno al Gran Premio d’Italia a Monza – ma il pilota e la sua Lotus 72 furono così dominanti che rimase al primo posto nella classifica piloti fino alla fine, grazie dove divenne Campione del mondo in memoria.

2. McLaren MP4/4 (gonna 1988)

Probabilmente non c’è bisogno di approfondire la McLaren MP4/4 qui. 1988, Senna contro Prost, Ron Dennis come capo squadra, Gordon Murray come capo ingegnere. È interessante notare che l’MP4/4 è pionieristico tanto quanto il summenzionato Lotus 72 – ci arriveremo a breve.

Non dimentichiamo il fatto che il Maestro Murray ha progettato un telaio eccezionale, un’aerodinamica eccezionale e che la Honda ha fornito un motore straordinario. Il “Gró” principale consiste nella costruzione, risp. come si siede il pilota: l’MP4 / 4 è stata la prima Formula 1, in cui il pilota non si è seduto, ma letteralmente si è sdraiato. Ciò comporta numerosi vantaggi, in particolare un baricentro più basso e una superficie anteriore più piccola, e quindi una ridotta resistenza aerodinamica. Risultati? Sono state vinte 15 delle 16 gare, che è una percentuale di successo di quasi il 95%.

3.Williams FW14/B (rock 1992)

Il tipo originale FW14 del 1991 non era male, ma non era abbastanza per l’eroico Senna su una McLaren MP4/6 arrabbiata, quindi nulla poteva impedire a Senna di conquistare un terzo titolo mondiale. Tuttavia, una svolta arrivò nel 1992. Il design di un’auto da corsa di successo spesso consisteva nel fatto che il progettista poteva leggere le regole e poteva piegarle in modo tale da farle quasi incrinare, ma non incrinarsi. In altre parole, ciò che non è proibito è permesso. Adrian Newey ha fatto la stessa cosa, cosa che ha fatto con la FW14/B – e ha dato all’auto un’aura leggermente controversa.

La FW14/B non eccelle in termini di prestazioni quanto in termini di tecnologia – sospensioni attive e controllo di trazione rendono facile per i piloti Williams toccare il pavimento in curva e l’auto si prende cura del resto – Senna da solo non lo fa non fare abbastanza. La Williams FW14/B ha vinto 10 delle 16 gare totali (circa il 67%) ed è scattata dalla pole position ogni volta al Gran Premio del Canada. Nigel Mansell vinse con lui in quel periodo nove Gran Premi (vinse le prime cinque gare di seguito), diventando campione del mondo.

4. Ferrari F2002 (2002)

Schumacher stava aspettando il suo primo titolo Ferrari, ma quando è arrivato ne è valsa la pena, dato che era quasi imbattuto per circa cinque anni. Stranamente, la F2002 non era l’auto più potente sul campo: all’epoca era una Williams con un motore BMW, ma era inaffidabile e aveva una manovrabilità peggiore. Inoltre, la Ferrari F2002 è dotata di un rivoluzionario cambio senza frizione molto compatto, che aiuta notevolmente l’aerodinamica posteriore della vettura. Il tipo F2004 avrebbe potuto essere a questo punto, poiché entrambi i monopost hanno avuto lo stesso successo, ma è un po’ più complicato.

Nel 2004, hanno iniziato in 18 Gran Premi, il tipo F2004 ne ha vinti 15, il che dà una percentuale di successo di circa l’85%. Al contrario, nel 2002 c’erano solo 17 gare e la Ferrari ne vinse 15. Tuttavia, la squadra era così dominante all’epoca che usò auto del 2001 nelle prime due gare – e nella prima gara (Gran Premio d’Australia) Schumacher vinse persino. , secondo è arrivato terzo. . In altre parole – nella stagione 2002, il monoposto F2002 ha iniziato “solo” in 15 Gran Premi e ha vinto un totale di 14 società. Questo ci dà una percentuale di successo del 93%, che è un MP4/4 molto vicino.

5. Red Bull RB9 (gonna 2013)

Il momento clou della stagione stellare di Sebastian Vettel. Tra il 2010 e il 2013, tutte le Red Bullies erano quasi imbattute, ma la migliore è stata la RB9 del 2013, che ha vinto 13 gare su 19.

Il 70% delle gare vinte sono punteggi decenti, ma Vettel ha stabilito un record fino ad oggi: vincere nove Gran Premi di seguito. Allo stesso tempo, la prima metà della stagione è stata molto equilibrata e Vettel ha lottato per il primo posto con Fernando Alonso: nelle prime otto partite, Vettel ne ha vinte solo tre. Tuttavia, Pirelli ha poi ottimizzato il mix di pneumatici fornito, dando a Vettel una “sella”: ha vinto 10 delle restanti 11 gare della stagione.

Quale dei monopost di maggior successo è stato il tuo preferito?

Dopotutto, il buon vecchio Lotus 72 li ha serviti più a lungo

Ovviamente la McLaren MP4/4, è una leggenda e un punto

Williams FW14/B, è la più tecnologicamente avanzata

Ferrari F2002, V10 è il miglior motore

Per me, la Red Bull RB9 è la migliore creazione di Adrian Newey

Hanno votato un totale di 4482 lettori.

Rodolfo Cafaro

"Inguaribile piantagrane. Professionista televisivo. Sottilmente affascinante evangelista di Twitter. Imprenditore per tutta la vita."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.