La Libia torna a due governi paralleli: Tutte le notizie su liberte-algerie.com

La rivalità politica in Libia non è più contro due regioni (Est e Ovest), ma due visioni inconciliabili di una via d’uscita dalla crisi, che è il risultato di nuove alleanze politiche e tribali che possono condurre il Paese verso la ripresa dei combattimenti armati .

La Libia si è trovata, da giovedì e ancora, con due governi paralleli, in seguito alla nomina da parte del Parlamento di Fethi Bachagha a Primo Ministro in sostituzione di Abdelhamid Debeiba, la cui missione era quella di terminare con lo svolgimento delle elezioni presidenziali posticipate dal 24 dicembre. Incaricato di formare un nuovo governo, l’ex ministro dell’Interno del governo di unità nazionale è stato eletto all’unanimità dal parlamento in esilio del Paese, il cui mandato scade ufficialmente nel 2018. “Il Parlamento ha votato all’unanimità per fidarsi di Fethi Bachagha come capo del governo”, si legge. relatore Abdallah Bliheq dopo la sessione a Tobruk (Est). Ma Abdelhamid Debeiba ha già confermato martedì, durante un’intervista rilasciata a un canale televisivo locale, che rimarrà in carica fino alle elezioni, che ha nominato nell’ambito del processo di uscita delle Nazioni Unite dalla crisi derivante dalla Conferenza di Berlino del gennaio 2020 , si tengono.

E spetta al Consiglio di Stato lasciarlo al suo posto o licenziarlo, ha spiegato al libico Al-Ahrar, proponendo una nuova tabella di marcia per le elezioni. “Non accetterò una nuova fase di transizione o un’autorità parallela”, ha avvertito Dbeibah in un discorso televisivo martedì, dicendo che il suo governo ad interim consegnerà il potere solo ai “governi eletti”. Debeiba ha anche denunciato quello che ha descritto come un ricatto da parte del presidente del Parlamento, Akila Salah, che avrebbe offerto di ritirare la sua candidatura dalle elezioni presidenziali, in cambio della permanenza a capo dell’attuale governo, che ha mostrato il suo desiderio di rimanere in atto anche prima della decisione finale di posticipare le elezioni. Nelle ultime settimane la linea politica si è mossa in modo significativo in Libia. Perché la rivalità politica in Libia non è più contro due regioni (Est e Ovest), ma due visioni di una via d’uscita da una crisi inconciliabile, è di per sé il risultato di nuove alleanze politiche e tribali che possono portare il Paese verso un ripristino della combattimento armato.

Ricordiamo che Abdelhamid Debeiba e Fethi Bachagha provengono entrambi dalla Libia occidentale e ognuno di loro è sostenuto da gruppi armati. Bachagha, che appartiene alla potente regione di Misurata, un ruolo chiave in questa crisi, ha negoziato con Akila Salah e il controverso generale in pensione Khalifa Haftar questa nuova alleanza che deve ancora svelare tutti i suoi segreti, ma che infastidisce tutti i politici. Il saldo del tasso dura fino al 24 dicembre. E questo non senza preoccupare la comunità internazionale che ha messo in guardia dal tornare al punto di partenza, un Paese che ha riconosciuto due governi paralleli, ovvero l’Unione Nazionale Fayez Al-Serraj di Tripoli (appoggiata dalle Nazioni Unite) e l’Est, con sede a Bengasi, guidato da Abdellah Al-Theni.

Pur invitando la parte libica a unirsi e soprattutto a concordare sull’esito di questa crisi, l’Onu ha deciso riaffermando il proprio sostegno all’Esecutivo guidato da Debeiba. “Abbiamo ricevuto informazioni sulla nomina di un altro Primo Ministro. La nostra posizione rimane invariata”, ha detto giovedì ai media il portavoce dell’organizzazione, Stéphane Dujarric, affermando che “i leader della Libia devono unirsi per concordare o riaccordarsi sulla strada da seguire. Nel frattempo , l’Italia ha ritenuto, nella voce del viceministro degli Esteri, Marina Serini, che “il rinvio delle elezioni in Libia ha aperto una fase politica complessa che attualmente manca di una chiara prospettiva elettorale”, rilevando che il governo ad interim è sottoposto a crescenti pressioni”. , secondo l’agenzia di stampa italiana Aki.

Anche l’Egitto ha reagito ai recenti sviluppi in Libia, esprimendo preoccupazione ma ritenendo che “la soluzione sia nelle mani dello stesso popolo libico, senza ingerenze e senza dittature straniere”. Una posizione che appartiene agli Stati Uniti, che stanno cercando di giocare un ruolo più importante nel processo di uscita dalla crisi del Paese, avendo da tempo osservato alcune battute d’arresto, mentre svolgono operazioni militari chirurgiche contro importanti obiettivi terroristici su il territorio della Libia.

Inoltre, la rappresentante Ue per la regione del Sahel, Emanuela del Rey, ha previsto in un’intervista a un quotidiano italiano che le prossime due settimane saranno decisive in Libia. Ma ha messo in guardia contro l’idea di programmare nuove elezioni per il prossimo giugno, se si formasse senza difficoltà un nuovo governo di transizione.


Ly minaccia

Rodolfo Cafaro

"Inguaribile piantagrane. Professionista televisivo. Sottilmente affascinante evangelista di Twitter. Imprenditore per tutta la vita."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.