Il piano di Lindner per la disciplina fiscale nell’UE

Il ministro delle finanze tedesco Christian Lindner ha presentato la proposta tedesca di revisione del Patto europeo di stabilità attraverso il quotidiano Handelsblatt.


La disciplina fiscale è anche a livello europeo dopo gli anni difficili della pandemia e per l’economia, ha chiesto il ministro delle finanze tedesco Christian Lindner ai liberali in un’intervista al quotidiano economico Handelsblatt. Si presenta così il primo schema della principale posizione dell’attuale governo tedesco per la riforma del Patto Europeo di Stabilità.

Come ha osservato il quotidiano finanziario in prima pagina, “Il patto di stabilità e crescita è alla base della coesione dell’euro. Tuttavia, questa regola ha 25 anni e deve essere rivista. La direzione in cui si muoveranno le riforme dipenderà in gran parte dalla posizione del governo tedesco” con il ministro delle Finanze liberali ha sottolineato che “la Germania resta un sostenitore della stabilità politica fiscale”.

Nessun nuovo debito superiore al 3% del PIL ogni anno

“Serve un percorso affidabile e ambizioso per ridurre il debito”, ha affermato il ministro tedesco, rilevando che “in linea di principio il governo tedesco è d’accordo” con la sua proposta.

Quindi schematicamente, secondo Christian Lindner, le attuali regole europee sul debito pubblico dovrebbero inizialmente essere mantenute: Pertanto, i paesi membri non dovrebbero creare nuovi debiti superiori al 3% del PIL all’anno, mentre la percentuale del debito pubblico totale non dovrebbe superare il 60%.

Come hanno osservato i giornali economici, dopo la pandemia il debito pubblico in molti paesi è salito alle stelle, con la maggior parte degli Stati membri che ha “infranto” le regole del debito (regole di Maastricht). “Molti paesi devono così tanto che non è chiaro come possano ridurre i livelli di debito al di sotto del limite di Maastricht del 60% del PIL. Il rapporto debito/PIL in Grecia è del 185%, in Italia è del 150%”, ha affermato. giornale finanziario.

Legame con obiettivi a medio termine

Christian Lindner ha anche chiesto tramite Handelsblatt che i cosiddetti obiettivi a medio termine per i disavanzi strutturali annuali siano resi obbligatori per gli Stati membri, cosa che finora non è avvenuta. Come affermato da Kr. Lindner: “Ad oggi, le decisioni pertinenti sono a discrezione della Commissione (…) La mia proposta mira a rendere vincolanti gli obiettivi di bilancio a medio termine”.

Secondo la proposta di Lindner “gli Stati membri non dovrebbero mostrare nei loro bilanci un disavanzo strutturale superiore allo 0,5% annuo o almeno avvicinarsi gradualmente a questo obiettivo”. Il deficit strutturale è uno “strumento” per costruire un piano di bilancio sostenibile. Come per la Germania e l’Unione Europea, anche Christian Lindner sostiene l’idea di un bilancio coerentemente in pareggio nel lungo periodo.

Trattative “difficili” attese in autunno in Ue

Ufficialmente, le idee di Lindner dovrebbero essere discusse a livello europeo in autunno, mentre le loro discussioni non dovrebbero essere facili. Ci sono già diversi “campi” all’interno dell’UE sul tema della riforma del Patto di stabilità, con la Germania che rifiuta l’idea di allentare le regole della disciplina fiscale dell’Europa.

I negoziati dovrebbero essere “difficili”, osserva il quotidiano finanziario, poiché qualsiasi proposta della Commissione di riforma del Patto richiede l’approvazione dei 27 Stati membri e l’approvazione del Parlamento europeo. Secondo una dichiarazione del commissario alle finanze Paolo Gentiloni, va ricercato un equilibrio tra una realistica riduzione del debito pubblico e le “grandi esigenze di investimento” in tutti i paesi dell’UE.

Dimitra Kyranoudis, Berlino (Handelsblatt)

Fonte: Deutsche Welle

Xaviera Violante

"Premiato studioso di bacon. Organizzatore. Devoto fanatico dei social media. Appassionato di caffè hardcore."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.