Il movimento di rimprovero fu momentaneo…

ULTIMO AGGIORNAMENTO: 13.41

La mozione di condanna del governo non è un momento di debolezza o di difesa per la maggioranza al potere, ha sottolineato il ministro di Stato Akis Skertsos, intervenendo in Parlamento, durante un dibattito sulla mozione di condanna presentata da SYRIZA.

Al contrario, questo è un momento di debolezza e un’esternalizzazione della crisi interna SYRIZA si sente minacciata dal sondaggio d’opinione di KINAL, ha sottolineato Skertsos. “In ogni caso, lo vediamo come un diritto costituzionale inalienabile dell’opposizione e per questo e come un momento di responsabilità democratica”, ha affermato.

“Questa mozione di condanna è un’opportunità per valutare se c’è davvero una disarmonia parlamentare o sociale con gli attuali risultati delle elezioni del 2019. Crediamo che non ci sia niente del genere”, ha affermato. Allo stesso tempo un’occasione per presentare con argomenti e fatti, non alla leggera, i risultati del nostro lavoro negli ultimi 2 anni e mezzo e dall’altro per evidenziare le contraddizioni e le lacune nelle proposte e critiche dell’opposizione. .

Il ministro Epikratias ha sottolineato che quanto vissuto la scorsa settimana a livello di protezione civile ci ferisce e rende ingiusto gli sforzi che abbiamo compiuto in questo settore.

Ha detto che in una riunione tenutasi domenica scorsa per affrontare il maltempo con la partecipazione dei ministri del governo, della viabilità, della Protezione civile e di tutte le reti stradali in concessione, si è deciso di vietare la circolazione dei mezzi pesanti, cosa non attuata dalla direzione. da Attiki Odos.

Dobbiamo le nostre scuse ai nostri concittadini che hanno sofferto ma anche grazie ad almeno 7.000 funzionari di governo delle forze armate, polizia, vigili del fuoco, protezione civile, HEDNO e funzionari del governo locale che si sono battuti per 5 giorni per prevenire il peggio. . E lo hanno fatto, ha aggiunto il ministro.

Le scuse non sono un mezzo per evitare o nascondere le responsabilità. Questa è una confessione onesta a coloro che non hanno fatto bene. “Proprio come non dovremmo cercare “bravo” quando stiamo facendo bene il nostro lavoro, così non dovremmo nasconderci dietro le nostre dita o dietro altre persone quando non stiamo facendo bene, ha sottolineato.

Ci scusiamo perché sappiamo e ci rendiamo conto che il fulcro della missione del Paese è la sicurezza dei cittadini. E questo senso di sicurezza è stato scosso da un maltempo senza precedenti. Ma non è smontato. Per fortuna non abbiamo subito gravi lesioni o perdite di vite umane, grazie all’intervento coordinato dello Stato.

“Ecco perché non capisco l’ipocrisia dell’opposizione che, pur annusando la morte della pandemia, ho ignorato il fatto che non ci sono state vittime durante il recente maltempo”, ha spiegato Skertsos.

Questo maltempo ha causato danni ma fortunatamente non permanenti all’ambiente naturale o urbano, ha affermato Skertsos.

Il ministro Ha osservato che ci scusiamo per aver evidenziato quanto lavoro deve ancora essere svolto nell’area della cooperazione e della preparazione delle agenzie competenti. Collaborazione e prevenzione non sono i nostri elementi più forti. Manca nella nostra cultura. Sfortunatamente, non lo impariamo nelle scuole: è il governo che ha introdotto tali corsi nell’istruzione primaria e secondaria nel periodo attuale. Quindi ci vuole tempo, pratica, perseveranza per ottenerlo. Deve seguire procedure chiare e rigorose, formazione continua con simulazioni sul campo tra tutte le agenzie coinvolte, pianificazione tempestiva, buone attrezzature, dirigenti competenti, ha sottolineato.

Ci scusiamo che sì, il maltempo che abbiamo vissuto non è affatto comune ai dati climatici storici del bacino. Questa è l’ennesima prova del fenomeno estremo causato dalla crisi climatica. Ogni cittadino lo capisce e lo vede. Ma questa non può e non è una scusa. Abbiamo accettato la protezione civile come un ufficio a corto di personale, un segretariato generale screditato in un edificio inappropriato in via Evangelistrias, e invece per questo motivo abbiamo creato Ministeri – Ministeri della Crisi Climatica e Protezione Civile. Ecco perché abbiamo assicurato oltre 1,7 miliardi di euro per aggiornare infrastrutture, attrezzature e formazione attraverso fondi di recupero.

Ma è utopico credere che possiamo costruire una nuova struttura, processo, esecutivo, in fondo per creare un nuovo stato in soli due anni e allo stesso tempo siamo nel mezzo di una crisi senza precedenti e senza precedenti storici recenti. Questo cambiamento richiede lavoro e un orizzonte di 8 anni per mettere radici.

Ci scusiamo, infine, ha affermato Pak Skertsos, perché tutti, tranne il governo centrale, i governi locali, le società di servizi e gli stessi cittadini, dobbiamo essere migliori nel campo della protezione civile, ovvero nel gestire le minacce che mettono in pericolo l’uomo. vita. Più responsabile, più preciso, più collaborativo. Tutto. Per capire che viviamo in un ambiente con nuove minacce ibride emergenti e che dobbiamo eventualmente – se vogliamo essere al sicuro – adottare scenari di base nella nostra vita quotidiana peggiori predire gli scenari anche se alla fine questi non sono confermati. Senza perdere la fiducia nel Paese se il Paese ci chiede di restare a casa per la nostra sicurezza anche se alla fine il maltempo è più mite del previsto.

Le scuse sono un trampolino di lancio verso la conoscenza di sé e la correzione. Senza di essa non possiamo andare oltre. E quando è onesto e specifico – non pretenzioso e vago – conta più delle dimissioni o della sostituzione. Perché riconosce le imperfezioni della natura umana, riconosce che gli errori e i fallimenti fanno parte dell’evoluzione umana e offre quindi, oltre la tabella di marcia per il miglioramento di coloro che hanno commesso errori, opportunità di cambiamento. Ecco perché si tratta di un nuovo modello pedagogico utile a tutti.

Qual è lo stato del personale?

In questo nuovo ambiente di minaccia, è necessaria una riorganizzazione radicale dello stato per affrontarlo, ha affermato il sig. Skertsos. Lo Stato come meccanismo di sicurezza, welfare e redistribuzione sembra nuovamente sostenere da un lato la necessaria e ritardata integrazione del nostro Paese nell’economia mondiale e nelle filiere produttive internazionali e dall’altro il confronto delle minacce. crisi climatica, ha sottolineato.

La costituzione del governo, la legge per lo stato esecutivo, risponde proprio a questa esigenza ma anche alla patogenesi della pubblica amministrazione. Quindi coloro che trovano opportunità per attaccare o minare lo stato del personale con descrizioni come “disordine del personale” non capiscono la funzione dello stato del personale o, peggio, vogliono riportarci agli anni precedenti. In altre parole, in un Paese che ci ha portato alla grande crisi del debito del 2010, un Paese in cui ogni ministero fa quello che vuole senza procedure di revisione e responsabilità, pianificazione e rendicontazione annuale, senza trasparenza.

C’è un profondo malinteso o addirittura una distorsione del ruolo dell’esecutivo statale, ha affermato. Lo status del personale non implica un’eccessiva concentrazione di responsabilità sul Primo Ministro e sul suo staff. Lo stato del personale significa il contrario. Cioè lasciamo il passato stato di idrocefalo, dove la destra non sa cosa sta facendo la sinistra e ha castrato la pubblica amministrazione e i funzionari statali e si passa a un nuovo modello in cui il governo ai massimi livelli fissa l’anno e il termine. comunicare gli obiettivi strategici all’agenzia esecutiva competente e quindi esaminarli per i risultati che portano.

E per non parlare in teoria, ti faccio alcuni esempi:

– Lo stato del personale è un gabinetto mensile che viene inevitabilmente convocato – quando c’è un governo il cui gabinetto si riunisce raramente.

– Il personale statale è il piano d’azione annuale del governo di ciascun ministero che è pubblicato pubblicamente e controllato in termini di attuazione dai cittadini, dall’opposizione, dai media.

– Lo stato del personale è un’ampia codificazione e semplificazione delle leggi per avere una migliore amministrazione pubblica e una migliore giustizia.

– Lo status del personale è il piano annuale centrale di assunzione del Ministero dell’Interno per ministero basato sui bisogni reali, oggettivi e non immaginari di ciascun ministero.

-Il personale di Stato è una departisanizzazione della pubblica amministrazione con un segretario di servizio per un periodo scelto dall’ASEP ma decentra anche firme e responsabilità dagli uffici del ministero al direttore generale della pubblica amministrazione.

– Lo staff nazionale sta pianificando uno sviluppo strategico a lungo termine, come si evince dalla GRECIA 2.0, che ha ricevuto elogi dalla Commissione Europea per il Recovery Fund e il nuovo NSRF, assicurando investimenti pubblici vicini agli 80 milioni di euro per i prossimi 6 anni.

Lo status del personale è una nuova mappa necessaria di ospedali, università e tribunali con criteri di interesse pubblico, efficienza e uso corretto delle risorse disponibili, quindi smettiamo di progettare politiche pubbliche con clienti ristretti o criteri locali.

– Lo status del personale è la nostra campagna di vaccinazione, grazie alla quale siamo riusciti a vaccinare l’84% dei cittadini adulti del Paese nonostante fossimo sminuiti dall’opposizione e abbiamo reintrodotto il pubblico ai cittadini.

– Il personale statale è preoccupato per l’eliminazione di ogni tipo di disuguaglianza nel nostro paese e l’attuazione di piani d’azione orizzontali per l’uguaglianza, per il sostegno familiare e il trattamento demografico, per le persone con disabilità, per i giovani, per LGBTQI. Per tutti i suoi cittadini.

– Lo status del personale è un consolidamento della stabilità politica, dei cicli elettorali stabili e dell’ordine istituzionale, in un paese in cui le istituzioni sono state abolite in passato e la prevedibilità politica è una parola sconosciuta.

L’indicatore più affidabile per valutare noi stessi è cercare di volta in volta di vedere noi stessi attraverso gli occhi degli altri, afferma Skertsos.

Nella stessa settimana in cui stiamo tutti soffrendo per il maltempo che ci ricorda cosa deve essere aggiustato nello stato, la banca più grande del mondo, JP Morgan, ha annunciato la sua decisione di investire più di 1 miliardo di euro in Grecia. economia, nella mente greca, in un’innovativa azienda greca, viva, nata come una piccola start-up e che in pochi anni è riuscita, grazie alla visione, al duro lavoro e alla collaborazione dei suoi creatori, a crescere e diventare un digital internazionale società commerciale, ha sottolineato.

Ha sottolineato che questo gigante bancario internazionale vede qualcosa nel nostro paese, vede qualcosa in questo governo e nelle politiche economiche che attua, vede qualcosa nella nostra gente. Questo “qualcosa” lo ha portato a questa importante decisione commerciale. Potrebbe vedere la stessa cosa di altri giganti del business prima di lui che fino a pochi anni fa non si avvicinavano alla Grecia come investitore, come Microsoft, amazon, Pfizer, Deutsche Telecom, ma ora lo fanno.

Quello che vedono è un governo che cerca di cambiare le circostanze e l’economia, creare un ambiente imprenditoriale attraente con meno barriere, maggiore certezza del diritto, creare posti di lavoro meglio retribuiti, digitalizzare rapidamente il pubblico e ridurre la burocrazia, per attuare una delle politiche più avanzate alla transizione verso un’economia a basse o zero emissioni. E lo ha fatto a ritmi sostenuti nonostante la grande difficoltà, ha concluso il sig. Skertsos.

Rodolfo Cafaro

"Inguaribile piantagrane. Professionista televisivo. Sottilmente affascinante evangelista di Twitter. Imprenditore per tutta la vita."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.