Hitler aveva sangue ebreo, afferma Lavrov. Imperdonabile, dice Israele

Negare i crimini di guerra, mettere in discussione fatti chiari e usare la disinformazione sono tattiche comuni del ministro degli Esteri russo Sergei Lavrov. In un’intervista alla televisione italiana di domenica, si è spinto ancora oltre spiegando la presunta “denazificazione dell’Ucraina”.

Il capo della diplomazia russa afferma che il fatto che il presidente ucraino Volodymyr Zelensky sia ebreo non significa che il suo paese non sia nazista. Si dice che anche il leader nazista Adolf Hitler avesse “sangue ebreo”.

La teoria che Hitler fosse un ebreo è stata smentita da molti storici. Secondo il ministro delle comunicazioni israeliano Joaz Hendel, questa è semplicemente una bugia “per giustificare le azioni spaventose della Russia in Ucraina”.

Il primo ministro israeliano ha anche respinto le parole di Lavrov lunedì: “Lo scopo di tali bugie è accusare gli ebrei stessi dei crimini più efferati commessi contro di loro nella storia e ritenere responsabili gli oppressori di Israele. L’abuso dell’Olocausto come strumento politico deve immediatamente fermato”, ha detto Naftali Bennett.

A differenza di Bennett, che di solito mantiene una posizione cauta e neutrale nella guerra russo-ucraina, Jair Lapid, il ministro degli esteri ebreo, si è espresso chiaramente a favore di un’invasione dell’Ucraina.

“Le osservazioni del ministro degli Esteri Lavrov sono imperdonabili, orribili e storicamente imperfette. Gli ebrei non hanno ucciso ebrei durante l’Olocausto. La peggiore forma di razzismo contro gli ebrei è accusarli di antisemitismo”, ha risposto Lapid su Twitter. Il suo ufficio ha anche annunciato di aver convocato l’ambasciatore russo per le osservazioni di Lavrov. Ha aggiunto che si aspettava delle scuse dalla Russia.

Trasforma le vittime in criminali

Dani Dajan, capo del Memoriale dell’Olocausto Yad Vashem, ha definito pericolose le osservazioni del ministro russo e ha affermato che meritava di essere punito. Ha aggiunto che Lavrov aveva trasformato “le vittime in criminali” sulla base di false affermazioni sulle origini ebraiche di Hitler.

Nella suddetta intervista, Lavrov ha anche accusato gli Stati Uniti e il Canada di fornire addestramento a “elementi neonazisti dell’esercito ucraino”. In questo contesto, cita i soldati che hanno difeso la fabbrica Azovstal a Mariupol occupata.

Ha detto che c’erano anche prove pubbliche di addestramento neonazista, ma il ministro russo non ha menzionato alcun rapporto specifico. Secondo Lavrov, la NATO e l’Unione Europea si sono arrese e si sono sottomesse al dominio americano e, secondo lui, Washington ha scelto un “mondo unipolare”.

Le osservazioni di Lavrov sono seguite poco dopo l’incontro del presidente ucraino a Kiev con il capo della Camera dei rappresentanti degli Stati Uniti, Nancy Pelosi. Zelensky ha parlato dell’incontro come di un “forte segnale di sostegno in tempi difficili”. Ha parlato con Pelosi di ulteriori spedizioni di armi, aiuti finanziari e sanzioni anti-russe.

Secondo Zelenský, Mosca sta conducendo una guerra di sterminio, come dimostra il presidente ucraino, la Russia, che ha bombardato magazzini di cibo e grano, nonché edifici residenziali a Kiev, Kharkov, Donbas e altre aree. “Quale potrebbe essere il successo strategico della Russia in questa guerra? Onestamente, non lo so. Le vite delle persone distrutte e le proprietà bruciate o rubate non daranno nulla alla Russia”, ha affermato.

Durante la guerra, Israele ha cercato di mantenere buone relazioni con Ucraina e Russia, per non aderire alle sanzioni anti-russe europee e americane. Il ministro degli Esteri deve quindi rispondere alla domanda se il suo Paese, con l’appoggio dell’Ucraina, non sia troppo indeciso. Lapid ha sostenuto che Israele ha condannato l’aggressione russa alle Nazioni Unite e ha anche votato per escludere la Russia dal Consiglio per i diritti umani. “Siamo molto chiari su questo”, ha detto, ricordando che il suo paese è l’unico paese che gestisce un ospedale da campo in territorio ucraino.

“A volte prendi decisioni basate non solo sui tuoi interessi, ma anche sui valori. Tali valori sono il rispetto per l’Olocausto dopo la dichiarazione del ministro russo. Siamo tra i paesi che pensano che la Russia non dovrebbe invadere l’Ucraina”, ha detto Lapida .citare il server Notizie Ynet.

Franco Fontana

"Fanatico della musica amatoriale. Ninja dell'alcol. Piantagrane impenitente. Appassionato di cibo. Estremamente introverso. Nerd di viaggio certificato."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.