Catalogna: l’Italia estrada Puigdemont in Spagna? – Politica

La Sardegna non ha vissuto così tanto fermento politico per molto tempo – e la vicenda non è ancora finita. L’ex primo ministro catalano Carles Puigdemont è stato arrestato e temporaneamente detenuto nell’isola italiana. È venuto questo fine settimana ad Alghero per partecipare al festival culturale catalano. Ma la polizia lo ha aspettato in aeroporto con un mandato di cattura internazionale e lo ha portato in carcere a Sassari.

Tuttavia, meno di 24 ore dopo, un giudice d’appello ha stabilito che Puigdemont poteva lasciare la prigione. In un primo momento si disse che sarebbe dovuto rimanere sull’isola fino a quando non fosse stato deciso se l’Italia avrebbe estradato il politico in Spagna. Tuttavia, anche questa condizione è stata revocata. Se non sarà in Italia entro il 4 ottobre, giorno della decisione, la parte italiana si limiterà a chiudere le sue pratiche. Qualunque sia la decisione.

Gli arresti hanno suscitato una serie di domande e reazioni politiche, in particolare nel paese di origine del politico. La corte suprema spagnola ha accusato Puigdemont e i suoi compari politici di essersi ribellati per aver tenuto un presunto referendum illegale e incostituzionale sull’indipendenza della Catalogna nel 2017. Puigdemont ha vissuto in esilio in Belgio per anni, protetto dall’immunità come membro del Parlamento europeo. Dal punto di vista dei suoi avversari, è scappato dalla corte spagnola; i suoi amici vedevano nel leader separatista una vittima di persecuzione politica.

A quanto pare Puigdemont presumeva che il mandato di cattura non fosse valido, altrimenti non sarebbe andato in Sardegna. Negli ultimi mesi ci sono state diverse decisioni contrastanti sulla sua immunità. Tuttavia, una recente sentenza della Corte di giustizia europea di fine luglio rafforza definitivamente la sua ipotesi che non avesse nulla in gioco.

“Al suo fianco, Presidente”, ha twittato il suo successore

In Spagna, l’arresto di Puigdemont suscitò immediatamente una reazione ai massimi livelli e ravvivò fronti cementati da anni di conflitto per l’indipendenza della Catalogna. Il presidente regionale catalano Pere Aragon ha espresso solidarietà: “Al suo fianco, presidente”, ha scritto su Twitter il repubblicano di sinistra. I partiti di opposizione di estrema destra spagnoli, come il conservatore Partido Popular, hanno espresso la speranza che Puigdemont venga ora estradato in Spagna e consegnato ai tribunali per la responsabilità. Tuttavia, il più piccolo partner della coalizione di Madrid, il populista di sinistra Unidas Podemos, ha descritto gli arresti temporanei in Italia come “illegali”. L’avvocato di Puigdemont, Gonzalo Boye, ha persino definito il mandato d’arresto “truccato”.

Il primo ministro Pedro Sánchez si è trattenuto e inizialmente ha taciuto sugli eventi in Italia. Invece, un tweet che ha pubblicato su Puigdemont nel 2019 è diventato virale: “Nessuno è al di sopra della legge”. Sánchez non poteva proprio essere contento dei tempi dell’azione in Italia: è appena iniziato un nuovo dialogo sul conflitto nella regione nord-orientale della Spagna tra Madrid e Barcellona.

Molto è in gioco per i socialisti. A fine giugno, in un gesto di grande riconciliazione, ottenne la grazia per i capi dei separatisti catalani imprigionati in Spagna. Sánchez disse all’epoca che tali atti di misericordia erano necessari per risolvere il conflitto. Se i separatisti interrompessero unilateralmente il dialogo a causa dell’arresto temporaneo di Puigdemont, i suoi oppositori potrebbero nuovamente accusare Sánchez di essere debole nei suoi rapporti con i sostenitori dell’indipendenza. Infatti, il giorno dopo l’arresto di Puigdemont, le strade della Catalogna si sono subito accese di rabbia per la “repressione” del movimento indipendentista. I manifestanti hanno manifestato, davanti al consolato italiano a Barcellona, ​​chiedendo la fine del dialogo tra il governo centrale e quello locale.

Puigdemont era stato temporaneamente arrestato nel 2018, in Germania. A quel tempo stava tornando dalla Danimarca al Belgio con la sua macchina. Un tribunale dello Schleswig-Holstein lo assolse dopo poco tempo: l’Alta corte regionale aveva concluso che era impossibile secondo la legge tedesca estradare Puigdemont in Spagna con l’accusa di ribellione.

Rodolfo Cafaro

"Inguaribile piantagrane. Professionista televisivo. Sottilmente affascinante evangelista di Twitter. Imprenditore per tutta la vita."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.