Anteprima EM: Gruppo A: L’Italia è già dove Loew vuole essere

Anteprima EM: Gruppo A
L’Italia è già dove vuole essere Löw

Di Sebastian Schneider

La Nazionale italiana deve ancora assistere ai Mondiali 2018. Ma giusto in tempo per l’Europeo, la Rosa Azzurra è al top della forma. Per le altre tre squadre del girone A, invece, i pronostici sono più difficili.

L’11 giugno 2021, EM 2020 inizia con un ritardo di un anno. Il torneo, che si terrà in tutta Europa, si giocherà per la prima volta con 24 squadre. Fino a tre paesi possono qualificarsi per gli ottavi di finale da sei gironi (dalla A alla F). Poco è chiaro prima di questo Europeo, ma una cosa è certa: la finale con due semifinali e una finale si giocherà dal 6 luglio allo stadio di Wembley di Londra. Prima di allora c’erano viaggi selvaggi in diversi paesi con posti tra Siviglia e Baku. Attendiamo con impazienza i gruppi ogni giorno. Il Gruppo B è seguito dal Gruppo A oggi, con i favoriti non così segreti Italia, Turchia, Svizzera e Galles in lizza per un posto nella fase a eliminazione diretta.

A quali giocatori dovresti prestare attenzione?

Infatti, il pensionamento diventa un problema per la maggior parte dei calciatori professionisti all’età di 35 anni. Non così con Burak Yilmaz. Il turco in realtà ha vissuto quasi tutto nella sua carriera. È diventato il secondo giocatore professionista ad aver mai indossato la maglia dei quattro club più grandi della Turchia: Besiktas, Galatasaray, Fenerbahce e Trabzonspor. Con due campionati turchi e vari trofei, è stato in grado di porre fine lentamente alla sua vita calcistica attiva. Lo aveva dorato con una breve apparizione come ospite in Cina.

Ma non così con il 35enne “King” Yilmaz. Nonostante la sua età calcistica ormai avanzata, il muscoloso centravanti ha viaggiato all’estero per la seconda volta e ha firmato per l’OSC Lille in Francia. Lì ha co-scritto una piccola favola sul calcio. Dopo dieci anni, il club è tornato per la prima volta campione di Francia e ha schierato il Paris St. Era Germain che sembrava incredibile al secondo posto. Yilmaz ha segnato 16 gol in 28 partite ed è diventato il capocannoniere del Lille. Alla fine di marzo, ha segnato tre gol contro l’Olanda nelle qualificazioni ai Mondiali. Ma può portare la Turchia nella fase a eliminazione diretta degli Europei?

Cosa dovresti sapere per certo:

Ora il tecnico Roberto Mancini è imbattuto da 27 partite con la nazionale italiana. Quando il tecnico 56enne ha assunto la guida della Squadra Azzurra nel maggio 2018, era ai minimi storici: la nazione calcistica poteva assistere solo ai Mondiali del 2018. Ma poi è arrivato Mancini. Ciò che è stato molto più difficile per Joachim Löw e il team DFB è stato molto più facile per lui. L’allenatore che ha portato il Manchester City al suo primo titolo in quello che sembrava per sempre nel 2012, ha trasformato la nazionale italiana in qualcosa di straordinario. Mentre Löw ha salutato i tre pilastri della squadra che meritavano un posto, Mancini ha fatto il contrario: ha invitato diligentemente i giocatori e testato molte formazioni. Durante il suo mandato ha utilizzato più di 70 giocatori diversi, anche Vincenzo Grifo di Friburgo ha avuto la sua possibilità.

Tuttavia, c’è un graduale cambio generazionale. Nella porta dell’Italia ci sarà un quadro molto insolito: per la prima volta dal 1998, Gianluigi Buffon non fa più parte della rosa del torneo, compreso l’EM 2000, che ha mancato solo per un pollice rotto. Il 22enne Gianluigi Donnarumma non ha meno talento nel far dimenticare (quasi) il “Gigi” di 42 anni. L’ex campione del mondo Daniele de Rossi, che ha lavorato per molti anni a centrocampo, è passato alla panchina degli allenatori con Mancini. Il 23enne Manuel Locatelli, che (ancora) gioca nel Sassuolo AS, ora tira le fila davanti alla difesa.

E’ chiaro chi vuole raggiungere la finale dell’Europeo, deve superare l’Italia e queste incredibili 27 partite. La squadra di Mancini ha vinto le ultime otto partite con un totale di 25:0 gol. In termini di gioco il catenaccio è un ricordo del passato, gli italiani si affidano al possesso palla. Qualcosa c’è anche nella squadra: l’esperto capitano Giorgo Chiellini parla di un’atmosfera “magica”. Sono tutti argomenti molto, molto forti per Squadra Azzurra. Mancini, intanto, punta proprio alla finale. E tra l’altro, potrebbero anche estendere la loro incredibile corsa a un record nazionale: mancano ancora tre partite.

Non perdere questo gioco:

Nel girone A (quasi) tutto è possibile. Anche se all’inizio non sembra così, è questo che rende la partita tra Svizzera e Galles così eccitante. Per i gallesi ora la terza partecipazione all’Europeo. Dopo mezzo secolo di astinenza, la nazione di rugby ha partecipato al torneo nel 2016. Lì è stato sensazionale: la squadra attorno a Gareth Bale ha scaricato il favorito segreto del Belgio e ha raggiunto le semifinali come outsider sorprendente. Questa volta andrà così lontano per il gruppo attorno a Bale presumibilmente stanco della carriera e senza l’allenatore Ryan Giggs, che ha dovuto assumersi la responsabilità della violenza domestica in campo? Ne saprai di più il sabato alle 17:00.

Perché d’altra parte, i Confederati hanno aspettato almeno con qualche potenziale brivido. Se riconosci la maggior parte dei volti, dovresti prestare sufficiente attenzione alla Bundesliga. Ci sono anche il capitano Granit Xhaka e il professionista del Liverpool Xherdan Shaqiri. Alla fine le cose non sono andate bene per loro due. A differenza di Shaqiri all’FC Livepool di Jürgen Klopp, Xhaka gioca regolarmente all’Arsenal FC, che è sempre in crisi. Il potenziale c’è, i risultati recenti sembrano a posto: se l’allenatore Vladimir Petkovic inizia bene il torneo con “Nati” contro il Galles, qualcosa potrebbe svilupparsi da lui.

Qui si gioca:

I tifosi del Gruppo A in viaggio per le partite della loro squadra dovrebbero assolutamente portare con sé un buon libro. Perché – a parte l’Italia, che ha giocato alla Roma – nella fase a gironi sono stati raccolti molti chilometri. Il Gruppo A gioca allo Stadio Olimpico di Roma e allo Stadio Nazionale della capitale azerbaigiana, Baku.

Non solo i due stadi distano poco più di 3100 chilometri l’uno dall’altro, c’è anche una differenza nella capacità consentita: a Baku, il 50 percento dei posti può essere occupato, più persone delle 34.500 consentite sono ammesse solo nello stadio di Budapest. A Roma, invece, solo circa 18.000 persone hanno potuto assistere alla partita (il 25 per cento della capienza).

Nel frattempo, la Svizzera sta assaporando cosa significa EM continentali. Ci sono quasi 4,5 ore di volo tra i due luoghi. Le Confederazioni giocheranno l’esordio contro il Galles in Azerbaigian prima di recarsi a Roma per la seconda partita contro l’Italia. Dopo un totale di 6210 chilometri in aria, la Svizzera ha giocato l’ultima partita del girone contro la Turchia a Baku. E, se sono fortunati (o sfortunati), il loro viaggio continua negli ottavi.

Ora è il tuo turno! Chi vincerà il girone?

Rodolfo Cafaro

"Inguaribile piantagrane. Professionista televisivo. Sottilmente affascinante evangelista di Twitter. Imprenditore per tutta la vita."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.