Un arbitro italiano ha denunciato la diffusione non consensuale di immagini intime: hanno fatto trapelare il video e fornito dettagli del suo incubo.

L’arbitro italiana Diana Di Meo ha denunciato di essere stata vittima di un ricatto: hanno condiviso il suo video sulla privacy rubato

Un giovane arbitro di nome Diana Di Meo ha usato i social network per denunciare di essere vittima di estorsioni e il suo caso ha avuto un enorme impatto Italia. signorina di 22 anni, membro di AIA-FIGC Sezione Pescara, ha girato un video in cui ne denunciava alcuni contenuto sessuale video intimo e l’hanno diffuso tramite servizi di messaggistica come Telegramma voi Che cos’è.

“Hanno condiviso i miei video privati, i contenuti che non ho condiviso e alcuni di loro sono stati registrati senza il mio consenso. Ho scoperto questo video grazie a diverse persone. L’ho denunciato sui social per prendere forza, perché era stato rinchiuso in casa per due giorni. Questa è una situazione che non voglio per nessuno, ho cercato di rifiutare ma non tutti ci sono riusciti, rimproverò Di Meo nel tuo account Instagram.

Il giudice presiede la Sezione AIA-FIGC a Pescara
Il giudice presiede la Sezione AIA-FIGC a Pescara

Giovane donna, che sta anche studiando Servizi legali per le aziende e sogna di dirigere un giorno il gioco San Siro, ha fornito alcuni dettagli del suo incubo e ha chiesto aiuto.

Non ho inviato il video. Temo che qualcuno sia entrato nel mio telefono, nel mio iCloud. Tracciano gli autori e coloro che sono coinvolti nella condivisione di video, perché anche questo è un reato. Oggi la vittima sono io, domani posso essere una persona vicina a coloro che probabilmente ora stanno guardando il video e stanno sorridendo”, ha insistito in sua difesa.

Oltre ad essere un arbitro, questa donna di 22 anni sta studiando nel campo dei servizi legali aziendali
Oltre ad essere un arbitro, questa donna di 22 anni sta studiando nel campo dei servizi legali aziendali

dal diario Corriere hanno riferito che i colpevoli di aver diffuso video intimi rubati Diana Di Meo potrebbe andare incontro a una punizione fino a sei anni di reclusione. “Sono qui per parlare di questo. Molti di noi non possono farlo e nascondersi. Spero di dare voce a tutte le vittime che vengono accusate, quando in realtà il colpevole è dall’altra parte dello schermo. O diffondendolo o condividendolo”, ha scritto la vittima Instagram.

Quanto alla sua carriera sportiva, come ha commentato in un’intervista al portale Gioco pulito, ha completato le lezioni di arbitraggio a dicembre 2015 e ha fatto il suo debutto in un torneo pescara.

“Spero che ci sia più arbitri donne perché l’Associazione ha fatto grandi passi avanti in questa direzione. Ci sono così tante ragazze coinvolte. L’esempio più famoso in Italia è Francesca Di Monte, Associato a Un campionato voi serie B, è l’unica assistente donna. Speriamo che questo sia il primo di una lunga lista di altri nomi”, ha detto.

Il video che Diana Di Meo ha condiviso con la sua denuncia

CONTINUA A LEGGERE:

L’hanno cacciato, litigato in campo e innamorato: la storia appassionata di un calciatore e di un arbitro che ha commosso l’Europa
Insolito contrasto sull’arbitro nella vittoria di Los Pumas 7 contro l’Inghilterra al Seven di Malaga
Storia di Bianca Tedesco, arbitro di basket che ha denunciato il suo capo per molestie sessuali: “C’è un sistema che si occupa di tanti abusi e fa male”

Rodolfo Cafaro

"Inguaribile piantagrane. Professionista televisivo. Sottilmente affascinante evangelista di Twitter. Imprenditore per tutta la vita."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.