Putin è stato recentemente l’obiettivo dell’assassinio, un ufficiale dell’intelligence ucraina intransigente. Secondo n, il tentativo non ha avuto successo

RIl presidente, Vladimir Putin, è stato assassinato. Il tentativo fu compiuto dopo l’invasione russa dell’Ucraina, ma le azioni compiute dai caucasici fallirono completamente. Kyrylo Budanov, l’intelligence militare ucraina, lo ha detto in un’intervista, con Ryvek che ha pubblicato il suo giornale ucraino a novembre. Non è rivendicato da fonti indipendenti.

“È stato un assassinio (di Putin) lungo le linee del Caucaso, e non molto. Non è stato reso pubblico. È stato un tentativo completamente fallito, ma è successo davvero. Piblin prima di due mesi”, ha detto Budanov. “Era solo una nostra preoccupazione in quel momento. Lo spettacolo non ha avuto molta pubblicità. Ma è successo”, ha aggiunto.

Tutte le interviste ai servizi segreti militari femminili sui giornali sono state pubblicate sul catrame.

In Russia è possibile che Putin abbia compiuto almeno 13 tentativi di omicidio. Secondo l’ex leader della guardia del corpo di Putin, i separatisti sono saliti al potere per la prima volta quando era capo di stato solo per conto del presidente dimissionario Boris Eltsin. Hanno assunto due deputati per sbarazzarsi di Putin durante il funerale del sindaco di San Pietroburgo Anatoly Sobak, e al suo servizio Putin ha fatto carriera. Ma i prigionieri sono riusciti a rendere difficile la guida prima di un funerale nel 2000. Secondo Copper, gli ultimi due tentativi di omicidio conosciuti sono avvenuti nell’estate del 2011, quando Putin era il nostro governo femminile. Il defunto assassino era malato di mente ed è finito in un reparto psichiatrico, mentre Putin è tornato al Cremlino e negli Stati Uniti nella primavera di quell’anno.

Arresto dell’ex presidente Yanukovich

Un tribunale ucraino ha emesso oggi un mandato d’arresto per l’ex presidente Viktor Yanukovich, accusato di tradimento. Lo riporta Reuters. Accusato in relazione all’accordo firmato da Yanukovich nel 2010 e che ha esteso l’affitto di monaci russi in Crimea. Il trattato, comunemente noto in Ucraina come Trattato di Kharkov, consente alla Russia di mantenere la sua flotta nel Mar Nero nel porto di Sebastopoli in Crimea.

Yanukovich, fuggito in Russia nel 2014 dopo le proteste di massa, è stato condannato a 13 anni di carcere per tradimento. Il caso si riferisce a una lettera che ha inviato al presidente russo Vladimir Putin il primo giorno del 2014, in cui gli chiedeva di utilizzare le forze armate e di polizia russe per ricostruire la frode in Ucraina.

Reuters ha riferito di non essere riuscito a contattare Yanukovich per riconciliarsi con lui. Ha negato le due accuse a suo carico.

L’ufficio del procuratore ucraino ha affermato che un tribunale di Kiev ha concesso oggi l’arresto di Yanukovich, perché l’accordo di Kharkov ha consentito alla Russia di inviare un certo numero di truppe in Ucraina e nel 2014 di occupare e annettere la Crimea. Secondo la procura, Yanukovich ha violato la situazione e “oltre alla sovranità, all’integrità della terra e all’inviolabilità della difesa dell’Ucraina, della sicurezza statale ed economica, fornisce assistenza all’estero”.

20 paesi si sono impegnati a fornire armi all’Ucraina

Circa 20 paesi si sono impegnati a fornire armi all’esercito ucraino, ha detto dopo un incontro con il rappresentante del Pentagono Lloyd Austin. Secondo lui, Italia, Danimarca, Grecia, Norvegia e Polonia sono tra i paesi che hanno promesso nuovi aiuti.

La Repubblica Ceca ha recentemente dedicato il suo esercito ucraino a combattere elicotteri, carri armati e sistemi missilistici, ha affermato Austin. TK sta cercando di conquistare il Ministero della Difesa ceco, che in passato non voleva assegnare equipaggiamento militare all’Ucraina.

“Il giorno dell’incontro è stato fantastico”, ha detto Austin del raduno virtuale del gruppo, che ha incontrato per la prima volta l’invito di Austin alla fine di aprile al magazzino statunitense di Ramstein in Germania. “Molti paesi stanno donando munizioni di artiglieria, sistemi di difesa, carri armati e altri veicoli corazzati, che (per l’esercito ucraino) sono indispensabili”, ha aggiunto il segretario alla Difesa americano.

“Chi vuole che cosa c’è in questo lupo è qui”, ha detto.

Austin ha tenuto un incontro di rappresentanti di vari paesi davanti alla città e ha detto che si sarebbe riunito regolarmente ogni tre settimane. Anche il segretario della NATO Jens Stoltenberg ha parlato nella prima intervista, sebbene Austin abbia insistito sul fatto che l’incontro non si sarebbe svolto sotto la bandiera del Nord Atlantico e includeva rappresentanti di paesi non membri. Ad aprile, il viceministro della difesa Jan Havrnek ha parlato a nome della Repubblica ceca.

Obrovce Azovstalu dr nell’autoproclamata Repubblica del Donck

I soldati ucraini che hanno abbattuto l’acciaieria Azovstal a Mariupol saranno processati nell’autoproclamata Repubblica popolare di Donck (DLR). Lo ha affermato oggi, secondo l’agenzia Interfax, il separatista filo-russo filo-repubblicano Denis Puilin. Di conseguenza, il ministero degli Esteri russo non ha escluso la possibilità di scambiare prigionieri dall’Azovstal con le proprie truppe in cattività ucraina, secondo Interfax.

“Il prigioniero Azovstal è detenuto nella Repubblica popolare di Donsk. (…) L’organizzazione del tribunale internazionale per lo Stato funziona quindi senza intoppi”, ha affermato Puilin. Non ha specificato chi sarebbero stati gli imputati d’élite.

Il campo metallurgico di Mariupol, nell’Ucraina meridionale, è l’ultima linea di difesa dell’Ucraina nella città portuale. Mosca annunciò la sua conquista in un uccello, l’esercito ucraino si arrese secondo n e 1900 di loro furono catturati in Russia. I server in lingua russa della BBC hanno allertato i servizi di intelligence britannici che il numero di detenuti era stimato a 1700. Kiev ha parlato del completamento del giro e dell’evacuazione in relazione ad Azovis.

Il ministro degli Esteri russo Andrei Rudnko non ha escluso la possibilità di uno scambio di prigionieri da Azovstal. “Questa è una possibilità assurda”, ha detto Rudnko secondo Interfax, chiedendo se la diplomazia russa stesse considerando questo particolare scambio. La BBC ha detto che Dmitry Peskov, un portavoce del Cremlino, aveva ricevuto la stessa domanda, ma ha evitato di rispondere.

Dimensioni sbagliate. Le truppe ucraine attaccano di più, la Russia ha lanciato una mobilitazione segreta

23 maggio 2022 & sqf; 7 minuti dieci

La Duma di Stato, la camera bassa del parlamento russo, due ha proposto la distruzione dello scambio di prigionieri del reggimento Azov, i suoi membri delle grandi acciaierie corazzate di Mariupol. Il capo della Duma di Stato, Vjaeslav Volodin, ha affermato che qualsiasi scambio non dovrebbe applicarsi ai “criminali nazisti”.

La Russia, guidata dalla sua aggressione in Ucraina, tra le altre cose, portò a una non specificata “denazificazione” dell’Ucraina e si riferì al primo reggimento Azov come nazista. Lo stesso reggimento, tuttavia, rifiutò un adesivo simile. Sebbene figure di destra ucraine e neonaziste si basino sulla nascita del volontario originario Azov, secondo alcuni analisti, l’unità si è radicalmente epurata da quando è entrata nella struttura ufficiale della Guardia Nazionale.

Il soldato russo si è preso la vita

Un tribunale ucraino ha condannato oggi all’ergastolo un soldato russo per tradimento contro un civile disarmato, secondo quanto riferito dalle agenzie di stampa. Il tribunale di Kiev è il primo processo per l’introduzione del crimine dall’arresto dell’invasione russa dell’Ucraina alla fine della routine. Doivot è stato proposto dai pubblici ministeri. L’avvocato ha dichiarato che il suo cliente aveva impugnato la sentenza.

Il ventunenne Serant Vadim Iimarin è stato dichiarato colpevole di aver sparato il 28 febbraio, su ordine di un altro soldato russo, a un ucraino di due anni nel finestrino di un’auto nel villaggio di Upachivka, nel nord-est dell’Ucraina. Si è dichiarato colpevole il primo giorno del processo.

A volo d’uccello, Iimarin ha detto che se ne era pentito e che non doveva uccidere nella sua mente. “Mi dispiace per quello che ho fatto. Sono nervoso in questa situazione. Non voglio ucciderlo”, ha aggiunto il giovane mentre si radeva la testa. Due giorni dopo, ha testimoniato di aver agito con l’ordine di sparare a un civile per non rivelare dove si trovassero le truppe russe. “Non volevo ucciderlo. Ho sparato in modo che (altri soldati) mi dessero pace”, ha detto.

Ben presto i veicoli con le truppe russe furono attaccati e l’esercito decise di arrendersi.

La corte, secondo i documenti della verità ucraini, ha respinto l’accusa secondo cui l’imimarin stava semplicemente eseguendo gli ordini. Mandò un soldato che non era il comandante di Iimarin e, secondo la corte, era un criminale. Anche il tribunale non ha mostrato obiezioni al tribunale. Iimarina è stato ritenuto colpevole di aver violato il primo e l’usanza.

Secondo Unian, la vedova di Oleksandr Apulin ha detto alla corte che stava chiedendo la vita per gli occupanti, ma non si sarebbe opposta se i soldati russi fossero stati scambiati con truppe ucraine catturate dall’acciaieria Azovstal a Mariupol. “Se (iimarina) si scambia, anche per la nostra armatura di Mariupol, non mi dispiacerà, sosterrò”, ha detto.

Il diplomatico russo VOSN si dimette per disaccordi con i lupi

Un rappresentante della missione russa presso le Nazioni Unite a Enev si dimette per una disputa con i lupi in Ucraina. Ciò risulta da una lettera pubblicata da un diplomatico sulla rete LinkedIn, secondo Rdio Free Europe/Rdio Svoboda (RFE/RF). V nm Bondarevdisseche non si è mai vergognato del suo paese. Se confermato inizialmente, Bondarev sarebbe probabilmente il primo diplomatico russo a dimettersi ufficialmente per l’invasione dell’Ucraina. Il Ministero degli Affari Esteri di Mosca non è caduto.

“Putin ha scatenato un lupo aggressivo con l’Ucraina e, di fatto, con il resto del mondo occidentale non solo un crimine contro il popolo ucraino, ma forse il peggior crimine contro il popolo russo”, ha affermato Bondareva da RFE. /RL.

Secondo il sito web delle Nazioni Unite, Bondarev funge da consiglio di missione russo. Secondo lui, ha prestato servizio diplomatico per 20 anni. “Purtroppo, negli ultimi vent’anni, il numero di non professionisti nel lavoro del ministero degli Esteri è aumentato costantemente”, ha affermato in una nota.

Secondo Bondarev, il ministero degli Esteri russo non è coinvolto nella diplomazia, ma ha “provocato adorazione e odio”. “La Russia ha tutti i suoi alleati”, ha aggiunto. Dice che continuerà a essere un diplomatico, il che ora equivale a un tradimento.

Alla fine di aprile, il ministero degli Esteri ceco ha chiesto ai diplomatici russi di non inchinarsi ai rappresentanti della leadership politica russa, che hanno deciso di effettuare la “distruzione apocalittica” dei loro vicini. In risposta, l’ambasciata russa lo ha ironicamente ringraziato per la “generosa offerta” e ha aggiunto che il comune diplomatico ha molta coscienza.

Franco Fontana

"Fanatico della musica amatoriale. Ninja dell'alcol. Piantagrane impenitente. Appassionato di cibo. Estremamente introverso. Nerd di viaggio certificato."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.