Parlamento: Intervento dei relatori speciali e degli acquirenti del Bilancio

Il reddito reale dei greci, la precisione energetica, l’inflazione e le aste, sono gli argomenti che dominano la discussione bilancio anno 2023, in commissione Affari economici Parlamento.

ND: spendiamo la maggior parte delle nostre risorse di budget per sostenere la comunità

Il relatore speciale di ND Yiannis Kefalogiannis elenca le misure di sostegno per il 2022 e risponde alle critiche dell’opposizione secondo cui le famiglie sono lasciate alla mercé dei profittatori di energia.

“Nel 2022 si spendono 4,8 miliardi di euro in sussidi per i consumi di energia elettrica e metano, famiglie e imprese, aumento delle indennità di riscaldamento, adozione di formati di carte prepagate per l’acquisto di carburanti, sussidi per agricoltori e allevatori, per l’aumento dei costi dei fertilizzanti e nutrire il bestiame, rispettivamente, nella riduzione dell’IVA sui mangimi e sui fertilizzanti e nella restituzione dell’accisa sul gasolio agli agricoltori e nel sostegno finanziario delle famiglie vulnerabili con controlli accurati”, ha affermato Kefalogiannis e ha commentato: “Naturalmente, il i partiti di opposizione sostengono che gli aiuti ai cittadini per la crisi energetica non sono sufficienti e servono miliardi di euro di assistenza aggiuntiva. A questo, ovviamente, ha risposto la stessa Commissione Europea, che dimostra con dati precisi che nel 2022 il nostro Paese spende in proporzione la maggior parte delle risorse fiscali tra tutti gli Stati membri dell’UE. per il sostegno della comunità e dei cittadini”.

SYRIZA-PS: La disuguaglianza si sta allargando perché il governo tollera e sovvenziona i cartelli

“I consumatori greci pagano per la benzina più dei tedeschi o dei francesi in termini assoluti, mentre i salari sono in media da tre volte e mezzo a quattro volte inferiori”, ha risposto il relatore speciale di SYRIZA-PS Alexis Haritsis e ha sottolineato che “la Grecia è prima in Europa, in i prezzi dell’energia elettrica al lordo di imposte e contributi, nel primo semestre 2022, come rilevato da Eurostat”.

Il deputato ha affermato che questa “triste situazione” non può essere superata da espedienti comunicativi, come i “cestini domestici”, e ha chiesto al governo di riflettere sul fatto che attualmente consumatori, lavoratori, pensionati, piccole e medie imprese, non possono nemmeno sbarcare il lunario. base o costretti a tagliare per sbarcare il lunario. Allo stesso tempo, ha affermato, le imprese greche, in particolare le piccole e medie imprese ma anche quelle più grandi, stanno soffrendo sotto i ben noti effetti dell’aumento dei costi energetici, della rivalutazione delle materie prime, della concorrenza sleale e “siamo a un punto dove il divario di disuguaglianza è aperto perché il governo tollera, sostiene e sovvenziona tutti i tipi di cartelli”.

PASOK-KINAL: I fondi portati anche da SYRIZA si stanno scaldando con Nuova Democrazia

L’acquirente speciale di PASOK-KINAL Tonia Antoniou ha commentato il severo promemoria del governo secondo cui il bilancio 2023 è il primo bilancio preparato al di fuori di un memorandum di controllo e di una maggiore supervisione. “Tuttavia, il primo pignoramento della casa rimane una realtà, perché SYRIZA e Nuova Democrazia hanno abrogato la Legge 3869/2010 del PASOK ed è per questo che lo sfruttamento comunicativo della Sig. quale, vi ricordiamo, che si è tenuta l’asta elettronica e la sicurezza ha seguito il signor Lafazanis mentre reagiva alla prima asta di una casa “, ha detto Tonia Antoniou.

“Anche i fondi portati da SYRIZA sono cresciuti con Nuova Democrazia e il loro lavoro è aumentato grazie all’acquisto di prestiti nel modello Pak Patsis. La garanzia del progetto “Hercules”, con SYRIZA come architetto e Nuova Democrazia come appaltatore, mantiene l’intero sistema, mentre loro pendono anche come la spada di Damocle sul debito pubblico”, ha affermato il deputato PASOK-KINAL e ha invitato il governo a capire che la maggior parte dei cittadini non si sente in tasca il governo ha annunciato la ripresa.

KKE: 40.000 aste entro la fine dell’anno

I piani per 40.000 aste sono in corso entro la fine dell’anno, si è lamentato l’acquirente speciale del KKE Diamanto Manolakos e ha aggiunto che con il budget del 2023 gli attacchi antipopolari stanno aumentando. “Sempre di più avremo un quadro della disumanità di quanto accaduto tre giorni fa con l’operazione di espulsione da casa di un pensionato a basso reddito. fai facilmente offerte con parole audaci per i vulnerabili, quando insieme all’Unione Europea fissi un obiettivo di 40.000 aste entro la fine dell’anno”, ha affermato Diamanto Manolakou.

Ha aggiunto che “il quadro legislativo approvato da SYRIZA viene continuato e attuato oggi dal governo, consegnando le case della gente comune a banche e “corvi” tipo Patsis, spostando le famiglie comuni o trasformandole in case di casalinghe”. Diamanto Manolakou ha anche commentato le previsioni di bilancio per la previdenza sociale e le assicurazioni. “Il trasferimento complessivo del bilancio dello Stato agli enti previdenziali è diminuito di 243 milioni di euro. Nello specifico per le pensioni, i contributi statali sono aumentati solo di 527 milioni, anche se la spesa totale aumenterà di 1,4 miliardi, che però deriva dall’aumento del numero dei pensionati nel 2023 e da un aumento del 7% con l’8% nell’anno di prima pensione, una percentuale, ovviamente, che non copre l’inflazione ufficiale, il che significa che lo Stato coprirà solo un terzo dell’aumento delle spese e il resto sarà trasferito, come di consueto, sul retro dell’assicurato. Anche, in caso di aggiunte, il solo nominale non lo aumenteremo”, ha affermato il membro del DPR KKE.

La soluzione greca: l’impoverimento e l’impoverimento dei greci

L’acquirente speciale di Hellenic Solution, Konstantinos Chitas, accusa il governo di vantarsi dello sviluppo, mentre i cittadini sprofondano ulteriormente nella povertà. “Di quali risultati stai parlando esattamente?” Persone dall’impoverimento e dall’impoverimento dei greci? Chiavi negli affari, soprattutto quelli piccoli e medi? La dipendenza energetica del nostro Paese dall’estero, nella misura in cui ha portato a una “esplosione” dei prezzi di tutto, aumento dell’inflazione, aumento della disoccupazione, precisione incontrollabile?” i Greci si unirono alle banche, agli avanzi di denaro e al popolo sofferente”.

Chitas ha commentato l’idea “coltivata” che i greci siano evasori fiscali e truffatori, fornendo dati comparativi con i tassi di evasione fiscale in altri paesi europei. “Ho presentato il verbale di un’indagine sull’elusione fiscale pro capite degli europei. Al primo posto l’Italia. L’italiano evita le tasse per 3.156 euro l’anno. Al secondo la Danimarca con 3.027 euro. Al terzo il Belgio con 2.676 euro. Al quarto il Lussemburgo con 2.657 euro, poi Malta con 2.059 euro, Finlandia e poi Grecia con 1.847 euro, ovviamente Francia e Svezia seguono alla stessa cifra, la media europea è di 1.634 euro e la Grecia è di 1.847 euro. “troppo male. E non dimentichiamo l’esenzione fiscale che hanno queste persone, che sono in cima alla lista degli evasori fiscali del loro stato, mentre qui ci sono evasioni fiscali. È ingiusto. Per caratterizzare, soprattutto in questa situazione, gli evasori greci tasse “, afferma lo specialista degli acquirenti Hellenic Solution.

Crisi energetica

Il relatore speciale di ND Stavros Keletsis ha affermato che “il governo con i suoi interventi, che ammontano a 4,8 miliardi di euro, sostiene principalmente cittadini e gruppi sociali, agricoltori, allevatori, lavoratori occasionali, che subiscono le maggiori conseguenze e hanno i maggiori bisogni ma anche orizzontalmente tutta la società e imprese per far fronte a parte dell’aumento dei costi energetici”. fino al 6° mese del 2022, contributi riscaldamento e gasolio, aumento indennità riscaldamento 2022-2023 per 300 milioni di euro, carte prepagate acquisto carburante, come carburante i biglietti sono chiamati, per sei mesi da aprile 2022 a settembre 2022″, ha dichiarato il sig. Keletsis.

Il relatore speciale su ND ha anche affermato che le misure di soccorso per agricoltori e allevatori sono costate 212 milioni di euro e relativi sussidi, riduzione dell’Iva su fertilizzanti e mangimi, oltre al rimborso parziale dell’accisa sul gasolio. Per il 2023, oltre ai 250 milioni di euro stanziati per le indennità di riscaldamento, è previsto uno stanziamento aggiuntivo di 1 miliardo principalmente per sovvenzionare le bollette elettriche e coprire i costi delle spese energetiche delle amministrazioni pubbliche, ha affermato Calling.

Il deputato di SYRIZA-PS Sokratis Famellos ha accusato il governo di aver lasciato incontrollato il “cartello energetico”. “Ho consegnato una mappa dell’Europa con i prezzi dell’elettricità di oggi. La nostra Grecia è la prima nella precisione dei prezzi all’ingrosso dell’elettricità, indipendentemente dal potere d’acquisto, dai dati comparativi. Ho guardato le medie di novembre e ancora una volta la Grecia è il paese più caro per tutto il mese di novembre nei prezzi all’ingrosso dell’energia. Ho cercato ottobre e di nuovo ottobre La Grecia è il paese più costoso in termini di prezzi all’ingrosso dell’elettricità. Ho detto “assolutamente no, dobbiamo guardare a dati più affidabili”, ho cercato Eurostat. Quindi Eurostat ci dice che la Grecia è davvero il primo Paese più caro, per famiglie e imprese, in tariffe elettriche, per tutta la prima metà del 2022 e mi chiedo perché parlamentari o ministri di governo non abbiano l’onore di spiegarci perché in Le aziende greche di energia devono raccogliere la maggior parte per megawattora di tutta l’Europa? Nessuno ha detto perché. Perché l’elettricità è più costosa in Grecia?”, ha affermato il relatore speciale SYRIZA.

“Licenze per serbatoi per il pubblico e per i produttori, tasche piene e forzieri per due raffinerie e quattro, cinque compagnie elettriche”, ha detto Sokratis Famellos, che si è lamentato del fatto che il governo sia rimasto “incrollabile” di fronte ai super-profitti.

Xaviera Violante

"Premiato studioso di bacon. Organizzatore. Devoto fanatico dei social media. Appassionato di caffè hardcore."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *