La bellezza italiana Alfa Romeo 33 Stradale, più costosa della Lamborghini, festeggia 55 anni dal suo lancio

La Tipo 33 della scuderia Alfa Romeo, che all’epoca pagava attrezzature da corsa di alta qualità, salì alla ribalta in prestigiose competizioni come la 24 ore di Daytona e la Targa Florio, la 1000 km del Nürburgring, la 1000 km di Monza e altri sport mondiali Campionati automobilistici. evento. E poi a qualcuno è venuto in mente che sarebbe stata una grande idea realizzare una versione stradale chiamata Stradale.

Foto: Alfa Romeo

33 Stradale è molto orgoglioso del suo tempo

La tecnologia direttamente derivata dai prototipi da corsa ripaga: il suggestivo motore a otto cilindri da 2,0 litri eroga una bellissima potenza di 230 cavalli e 206 Nm di coppia in quel momento, mentre la potenza massima arriva a 8.800 giri/min, la coppia massima è solo 1.800 inferiore, quindi il motore ama la velocità.

È vero, 230 cavalli non sono la potenza di cui ci accontentiamo oggi, anche se la berlina scattante supera giocosamente questo valore. La chiave è il peso: grazie a soli 700 kg (!) e al nostro manuale da sei tonnellate di produzione con una carreggiata corta, l’Alfa 33 passa da ferma a cento in 5,5 secondi, pur continuando fino a 260 km/ H. per il loro tempo e sono abbastanza bravi anche oggi.

L’Alfa Romeo 33 Stradale ha anche tenuto un campionato a suo tempo: è stata l’auto commerciale più veloce disponibile con uno sprint a chilometro fisso. Dal punto di vista odierno, ciò è molto probabilmente dovuto al fatto che i dati sulle prestazioni riportati in fabbrica sono in realtà piuttosto relativi.

Foto: Asta di Coys

Le prestazioni di 230 CV oggi non sono grandiose, ma l’Alfa 33 Stradale pesa solo 700 kg!

Poiché l’Alfa 33 è prodotta a mano, powertrain compreso, i valori delle prestazioni variano: ci sono documenti aziendali che attestano effettivamente fino a 246 CV a 9.400 giri con uno scarico “stradale”, e persino 257 CV sulla prima Alfa Romeo 33 prodotto con scarico aperto. Nella versione da corsa, il motore eroga oltre 270 cavalli.

Quindi l’Alfa 33 Stradale ha la giusta spinta, le giuste prestazioni e, appunto, le giuste proporzioni per una supercar: lunga poco meno di 4 metri e larga 1,7 metri, è alta meno di un metro, ovvero 99 centimetri. È anche piuttosto bello e un po’ strano: a causa della sua discendenza da corsa, ha alcuni disturbi come chiavi mancanti o headroom molto basso. Ma il problema più grande è il prezzo.

Foto: Asta di Coys

Il pedigree da corsa non nega: interni rumorosi, un manuale a sei galoppo con una pista corta e senza chiavi e un’altezza da terra molto bassa. 33 Stradale il migliore del circuito

L’Alfa Romeo 33 Stradale è stata prodotta tra il 1967 e il 1969 e gli interessati hanno dovuto fare scorta di 9,7 milioni di lire italiane, che all’epoca era un enorme pacchetto di denaro. Per fare un confronto, la moderna Lamborghini Miura a quel tempo costava 7,7 milioni di lire e allo stesso tempo offriva altre quattro guerre. I premi esorbitanti della Stradale Type 33 non sono difesi né dal bell’aspetto né dal pedigree da corsa – infatti, non sorprende che siano state prodotte 18 copie di produzione ovunque.

Potrebbero esserci più ragioni: i cerchi in lega di magnesio estremamente leggeri, la pendenza verso l’alto, le cosiddette porte “a farfalla”, come avevano fatto le successive McLaren F1, o i finestrini ad arco che colpivano il tetto. Sono tutti vantaggi che ancora oggi non costano poco, per non parlare di cinquantacinque anni fa.

Foto: Alfa Romeo

Un concetto interessante basato sulla 33 Stradale è l’Alfa Romeo Carabo

Anche la tecnologia da corsa non aiuta il prezzo di acquisto: il telaio leggero è in alluminio, anche la carrozzeria è in alluminio invece del buon vecchio acciaio. I freni a disco, ovviamente, su tutte le ruote, quelli posteriori sono addirittura agganciati all’interno del telaio, come nella versione da corsa. Inoltre, i primi due prototipi di pre-produzione avevano corpi realizzati in una lega di magnesio molto leggera (e altamente infiammabile), ma non furono prodotti.

Inoltre, come di consueto con le auto sportive italiane degli anni ’60 realizzate artigianalmente, ogni pezzo è leggermente diverso dall’altro. Ad esempio, parti della serie iniziale avevano doppi fari, quindi sono passate a un design più semplice con una luce per faro.

La presa d’aria originariamente nascosta nel cofano anteriore è stata modificata, sostituita da un’alternativa prominente che si alza silenziosamente sopra il cofano proprio davanti al parabrezza. Alla fine della produzione, è stato anche riscontrato che il calore dei freni non poteva fuoriuscire e accumularsi nel sottoscocca, quindi le ultime otto parti avevano prese d’aria dietro le ruote anteriori e posteriori.

Sulla 33 Stradale sono basati alcuni concept interessanti come Alfa Romeo Carabo, Iguana, 33/2 Coupé Speciale o Navajo. Tuttavia, è stato mostrato principalmente come esercizio di progettazione al Salone di Parigi o di Torino, ma mai oltre la fase di concept.

E in effetti, la stessa Type 33 Stradale è un concetto arrivato su strada per caso e passione, anche se il mondo non ha accettato l’auto come avrebbe potuto immaginare il produttore. Ma ha un vantaggio: l’Alfa Romeo 33 Stradale è uno dei veterani più rari e rispettati di oggi, che appare raramente all’asta e, quando lo fa, cambia proprietario per decine di milioni di dollari. 33 Stradale era quindi un “unicorno” fin dall’inizio e lo è ancora oggi.

Rodolfo Cafaro

"Inguaribile piantagrane. Professionista televisivo. Sottilmente affascinante evangelista di Twitter. Imprenditore per tutta la vita."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.