Il sanguinoso affare in Russia continua. Gli hacker vogliono distruggere i giganti della tecnologia e le compagnie aeree

L’elenco delle multinazionali ancora operanti in Russia nonostante le sanzioni è piuttosto ampio. Gli hacker hanno pubblicato l’elenco su Twitter come un breve video, in cui hanno anche descritto le attività commerciali che le aziende stanno ancora sviluppando nel paese più grande del mondo.

Queste aziende includono i principali giganti della tecnologia, ma anche le compagnie aeree, ad esempio. Tra le compagnie più note troviamo Lenovo, Acer, Asus, Atos, Check Point, Emirates Airlines, Huawei, Kery Group, Metro AG, MSI, Raiffeisen Bank, Ritter Sport, Turkish Airlines, Tencent e Xiaomi.

“Di quali altre prove hanno bisogno le multinazionali per fare ‘affari sanguinosi’ in Russia?” Se è difficile per te lasciare immediatamente la Russia, sarà facile per noi coinvolgerti nella campagna #OpRussia”, hanno avvertito gli hacker su Twitter.

L’hashtag #OpRussia è stato utilizzato per taggare i post relativi agli attacchi informatici contro obiettivi russi.

Guerra informatica: Anonymous colpisce 2.500 obiettivi russi e bielorussi

Guerra in Ucraina

L’attacco è iniziato

Già a metà marzo gli hacker del movimento Anonymous hanno chiesto alle multinazionali operanti in Russia di cessare completamente le loro attività commerciali. Allo stesso tempo, minacciano che, in caso contrario, diventeranno il bersaglio di attacchi informatici.

Questo è davvero il caso: la mossa ha rimosso i siti Web del più grande rivenditore di articoli sportivi del mondo Decathlon, del rivenditore francese di bricolage e giardinaggio Leroy Merlin e del gruppo multinazionale francese di vendita al dettaglio Auchan, ad esempio.

Diverse società hanno effettivamente lasciato la Russia dopo aver ricevuto minacce di attacco. Questi includono il gruppo multinazionale specializzato nella produzione e fornitura di componenti sanitari e relativi sistemi Geberit, la società di telecomunicazioni Deutsche Telekom, il conglomerato di gomma Bridgestone e la società di software Teradata, che fornisce software di database e analisi e prodotti e servizi correlati.

Teradata, Deutsche Telekom e Bridgestone. L’azienda fugge dalla Russia dopo la minaccia degli hacker

Sicurezza

Marinella Castiglione

"Tipico risolutore di problemi. Incline ad attacchi di apatia. Amante della musica pluripremiato. Nerd dell'alcol. Appassionato di zombi."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.