Conflitto tra i paesi della NATO? Erdogan rafforza la Grecia, le elezioni sono in arrivo e l’inflazione è all’80 per cento

“Possiamo venire all’improvviso, in silenzio, anche di notte”, ha minacciato la Grecia il presidente turco Recep Tayyip Erdogan la scorsa settimana. Questo non è insolito da parte turca negli ultimi mesi. Erdogan ha usato una retorica simile a causa dei problemi interni e dell’inflazione record. Il prossimo anno dovrà affrontare importanti elezioni, così come il primo ministro greco Kyriakos Mitsotakis. E l’immagine del “nemico esterno” può essere utile a entrambi nella campagna. Ma la situazione può facilmente sfuggire al controllo.

Le relazioni tra i due paesi sono storicamente tese, l’ultima guerra tra di loro si è conclusa cento anni fa. E questo è l’anniversario della fine del conflitto su questo caso, risolto la scorsa settimana non solo dai politici di Grecia e Turchia, ma anche da una delle istituzioni dell’Alleanza Nord Atlantico, di cui entrambi i paesi fanno parte . parte.

Continuare a leggere

La libertà richiede media indipendenti. Sostienici e diventiamo più forti insieme

Leggi l’articolo “

Quando basta un tweet per innescare una crisi

Ad aumentare le tensioni nella regione, il trambusto è stato scatenato da un tweet apparentemente innocente del Land Command della NATO (LANDCOM), con sede a Smirne, in Turchia.

Il 30 agosto, il comando turco è andato su Twitter per celebrare il centenario del Giorno della Vittoria, quando i turchi hanno celebrato una vittoria chiave nella battaglia di Dumlupinar nel 1922 e una vittoria de facto nella guerra d’indipendenza greco-turca. Tuttavia, il governo greco si è immediatamente opposto alle congratulazioni di LANDCOM e, su sua istigazione, l’ordine ha cancellato il messaggio dal suo account, solo per sostituirlo il giorno dopo con l’informazione che stava celebrando il Giorno della Vittoria.

La reazione, soprattutto da parte turca, è durata poco. La Turchia non solo incolpa LANDCOM di congratularsi con i greci per il loro Giorno dell’Indipendenza a marzo, ma accusa anche le forze di terra della NATO di essere unilaterali. Secondo la Turchia, Atene ha innescato la crisi.

“È inaccettabile che il comando delle forze di terra alleate della NATO abbia cancellato un post sui social media che celebrava il Giorno della Vittoria e il Giorno delle forze armate turche sulla base dell’atteggiamento egoistico e viziato di altri membri della NATO”, ha risposto il ministero della Difesa turco, ad esempio, dicendo che la vittoria del 1922 era lo stesso non è cambiato nulla.

È solo per via delle elezioni?

I soldati turchi non hanno mostrato la loro rabbia solo verbalmente. Un aereo da combattimento turco F-16 ha sorvolato il Mar Egeo il giorno successivo in risposta al “coraggio greco”. Allo stesso tempo, la Turchia accusa la Grecia di aver violato i trattati stipulati dopo la prima e la seconda guerra mondiale e di aver dispiegato armi sulle isole del Mar Egeo vicino alla costa turca, che secondo loro sono vietate dal Trattato di Losanna del 1923 e dal Trattato di Losanna di 1923. Il Trattato di pace di Parigi 1947.

Continuare a leggere

Il ministro degli Esteri lettone Edgars Rinkēvičs (Saeima, wikimedia, CC BY-SA 2.0)

Russia, fuori dall’Ucraina, il ministro degli Esteri lettone non prende i tovaglioli

Leggi l’articolo “

Sebbene le isole dell’Egeo siano un punto di contesa di lunga data tra Turchia e Grecia, Ankara finora non ha contestato la proprietà greca delle isole, ma le ha solo “militarizzate”. Negli ultimi mesi, però, i turchi si sono induriti e il presidente Erdogan non parla più solo della militarizzazione delle isole da parte della Grecia, ma della loro occupazione. E questa è una grande differenza.

I due paesi sono sull’orlo di un conflitto militare per l’isola disabitata di Kardak (Imia in greco), dove nel 1996 hanno tentato di sventolare le loro bandiere. I due alleati Nato all’epoca finirono per evitare la crisi non solo per l’intervento diplomatico internazionale, ma forse anche perché il tema della proprietà delle isole nel Mar Egeo è sempre stato più un argomento per l’opposizione nazionalista in Turchia che per Erdogan. stesso e il Partito per la giustizia e lo sviluppo (AKP).

Ma ora la situazione politica interna in Turchia è diversa. L’economia turca è appesantita dall’80 per cento di inflazione e l’anno prossimo i turchi andranno alle elezioni parlamentari e presidenziali. Pertanto, Erdogan ha bisogno di trovare un argomento che distragga dai problemi economici, almeno per un po’.

“E con cosa contribuirono i greci?”

Secondo l’analista turco Fehim Tasketin, c’è un altro motivo per lo sfogo di Erdogan contro Atene: “Prima, il partito nazionalista MHP, l’attuale partner della coalizione dell’Akp, faceva molto clamore sulle isole del Mar Egeo, ma la loro popolarità è molto alto a differenza di una volta, e l’opposizione Goodness Party è in aumento, che sta anche stabilendo un record nazionalista”, ha detto Tasketin.

Secondo lui, il tema nazionalista dei partner della coalizione è stato ripreso da Erdogan, disilluso anche dallo sviluppo delle relazioni militari tra Grecia e Stati Uniti e dal crescente prestigio all’interno della NATO.

In un’intervista con il server di Al Monitor, uno dei massimi funzionari turchi, che è coinvolto negli affari dell’Alleanza del Nord Atlantico per conto della parte turca, ha catturato il dispiacere della Turchia al riguardo.

“La Turchia è coinvolta in tutte le missioni dell’alleanza, siano esse nei Balcani o in Afghanistan. Qual è il contributo della Grecia in Afghanistan? O in Iraq? O in Kosovo? Dopotutto, non lo riconoscono nemmeno”, il funzionario ha accusato la Grecia di paternalistico all’interno dell’Alleanza, in particolare dagli Stati Uniti.

Continuare a leggere

Andrej Babiš Jr.  nella Moravia meridionale (Štěpán Malát / con il permesso dell'autore)

Il maiale più giovane ha dimostrato a tutti di avere il diritto di testimoniare. A suo padre e ai giornalisti

Leggi l’articolo “

Mentre le relazioni turco-americane sono appesantite dalle ricadute del conflitto siriano e dall’acquisto da parte della Turchia del sistema di difesa antimissilistico russo S-400, che inserisce la Turchia nell’elenco dei paesi soggetti a sanzioni da parte degli Stati Uniti, le relazioni di difesa della Grecia con il Gli Stati Uniti sono insufficienti. acquisire profondità strategica.

Si cerca una cura per l’amarezza turca

Ad esempio, gli americani hanno ampliato la loro base militare in Grecia e la Grecia ha recentemente richiesto l’acquisto dei più moderni caccia F-35 americani. Sebbene anche la Turchia abbia tentato di acquistarli, sono stati rimossi dall’elenco delle parti interessate a causa dell’acquisto di equipaggiamento militare dalla Russia. E questo nonostante il fatto che anche i greci avessero nel loro arsenale tipi più antichi dello stesso sistema antimissilistico russo. I turchi cercano di attirare l’attenzione su questo fatto, ma non sono molto diplomatici.

Il mese scorso, ad esempio, Ankara ha affermato che il sistema di difesa aerea S-300 di fabbricazione russa sull’isola di Creta era collegato ad aerei turchi che volavano nello spazio aereo internazionale. Tuttavia, se la Turchia deciderà di attivare il proprio sistema S-400 in risposta, ciò potrebbe portare a maggiori tensioni e possibili nuove sanzioni statunitensi, secondo gli scienziati politici.

Secondo l’analista Barin Kayaoglu, non c’è speranza che la minaccia di un conflitto aperto tra gli Stati membri della NATO possa alienare i politici turchi e greci. Secondo Kayaoglu, “l’amarezza” della Turchia verso il rafforzamento dell’amicizia greco-americana può essere compensata da altri legami all’interno dell’Alleanza, che a loro volta giocano nelle mani della Turchia.

“Negli ultimi due decenni, Spagna e Italia hanno sostenuto in modo significativo la modernizzazione militare della Turchia. Dopo l’invasione russa dell’Ucraina Anche la Turchia intensifica la cooperazione militare con inglese e polacco che l’anno scorso come prima terrae Acquisto NATOCIAO Drone Bayraktar TB-2 ha detto ad Al Monitor Barin Kayaoglu. Secondo lui, acquisterà anche droni greci lì Romania. Poi con l’inglese La Turchia sta cooperando allo sviluppo del caccia TF-X/MMU di quinta generazione della Turchia.

Preso con il permesso dell’editor del server Watchdog.org.

Franco Fontana

"Fanatico della musica amatoriale. Ninja dell'alcol. Piantagrane impenitente. Appassionato di cibo. Estremamente introverso. Nerd di viaggio certificato."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.