Stranieri nella squadra di basket: tabù per alcuni, sicurezza per altri – Commenti

21. 9. 2022. / 8.06

Dopo il campionato europeo di basket senior, la Serbia non può più essere considerata una “nazione di basket”. All’Europeo per giocatori di età inferiore ai 20 anni, la nazionale serba ha conquistato il primo posto quest’anno, ma nella divisione europea B, battendo l’Islanda 80-67. Non siamo passati. alle Olimpiadi dell’anno scorso e sarà molto difficile per noi raggiungere i Campionati del Mondo l’anno prossimo. Siamo campioni del mondo e d’Europa in un altro gioco di basket: il basket (3 contro 3 basket).

Il fallimento della nazionale serba nell’ultima Coppa dei Campioni è stato molto difficile per gli appassionati di basket. Abbiamo avuto i migliori giocatori NBA e i migliori giocatori di Europa League in squadra negli ultimi due anni, ma siamo ancora fuori troppo presto. La conclusione generale è che Bogdan Bogdanovic è scomparso. Non ci sono buoni tiratori alle spalle in Serbia e questo è oggettivamente il problema più grande che deve affrontare la nazionale.

Questa non è la situazione attuale, ma una questione degli ultimi dieci anni. In poche parole, a parte Bogdanovi, nessun giocatore in posizione di guardia tiratrice può segnare continuamente 15-20 canestri a partita. Marko Gudurić, che, almeno con il suo nome, dovrebbe sostituire Bogdanovi, ha segnato solo 2 punti nella partita decisiva contro l’Italia.

Ancora Peši vs Theodosi

In assenza di un grande regista a causa di un cambio generazionale e di infortuni, la nazionale spagnola ha reclutato per questo campionato l’americano Lorenzo Brown. Brown alla fine si è rivelato uno dei migliori giocatori e ha portato la squadra spagnola a vincere la medaglia d’oro in modo ancora più brillante.

Di recente, sono aumentate le domande sui giocatori stranieri naturalizzati che giocano per la nazionale serba. Svetislav Pešić ha sottolineato di non essere contrario agli stranieri che indossano maglie serbe.

Un recente capitano della Nazionale, Miloš Teodosi, ha detto in merito: “Se la Serbia deciderà di portare gli stranieri in Nazionale, a quel punto smetterò di giocare per la Nazionale. Tifoso, non voglio assolutamente partecipare. Non è normale per me. Sai cos’è il club e cos’è la nazionale. Giocherò sempre con quello che ho, indipendentemente dal fatto che basti per l’oro, il quinto o il decimo posto”.

La pagina di Danielle Serbia

Sui forum di basket, dopo il fallimento della nazionale, la conversazione su questo argomento si è intensificata.

Secondo l’usanza serba, le discussioni si sono rapidamente trasformate in maledizioni e minacce, anche se avevamo già esperienza con le giocatrici americane, in particolare le giocatrici.

Vale a dire, la nazionale femminile serba ha utilizzato i servizi di Daniel Page negli ultimi anni e con lui è diventata campionessa d’Europa. Nessuno ha problemi con lui, e soprattutto nessuno può biasimarlo per aver fatto meno sforzi dei nostri giocatori. Invece, ha fatto del suo meglio ogni volta. Ora è assistente dello staff professionale della nazionale femminile serba sotto i 20 anni.

Il cosiddetto argomento di Daniel Page, i successi che la nazionale ha ottenuto con lui, hanno fatto scaldare leggermente le teste sui forum.

E se lo fosse Kevin Panther

Quando Bogdan Bogdanovi si è infortunato, siamo riusciti ad assumere uno dei giocatori di basket americani che aveva già un passaporto serbo.

Nei forum è uscito subito in testa Kevin Panter, prima di tutto per auspicio dei tifosi del Partizan, ma sicuramente un ottimo tiratore posteriore che potrebbe sostituire Bogdanovi in ​​questo campionato. Di certo non ci vorrà molto, se non altro perché al momento la Serbia non ha un giocatore migliore al suo posto in squadra.

L’associazione cestistica deve pensare al futuro del basket maschile serbo, altrimenti questo sport condividerà le sorti del calcio rappresentativo, ovvero nel prossimo futuro vivremo delirio proprio per l’ingresso nell’Europeo, e potremo contare sul Campionato del mondo solo se espandono la quota per l’Europa.

Leggi notizie quotidiane, analisi, commenti e interviste su www.vreme.com

Romana Giordano

"Scrittore estremo. Appassionato di Internet. Appassionato di tv freelance. Appassionato di cibo malvagio. Introverso. Pensatore hardcore. Futuro idolo degli adolescenti. Esperto di bacon."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.