MSP attiva l’allerta epidemiologica per il vaiolo delle scimmie in Ecuador

Questo 22 maggio 2022, Ministero della Salute Pubblica (MSP), ha riferito che in Ecuador non c’erano ancora casi di vaiolo delle scimmie. Tuttavia, ha generato un’allerta epidemiologica per l’intero Sistema Sanitario Nazionale per avviare il processo di sorveglianza per questo virus.

L’entità indica che le persone che entrano ed escono dal Paese devono presentarsi qualsiasi sintomo correlato al noto anche come vaiolo delle scimmie. “Allo stesso modo, se entri EcuadorDevi informare se il tuo paese di origine è considerato un’area endemica (aree remote dell’Africa centrale e occidentale), e presentarsi al più vicino centro sanitario, riportare la dichiarazione.

Avvertimento di fronte Wilson Tenorio, presidente della Federazione medica dell’Ecuador, ha detto a Ecuavisa.com che era necessario un controllo continuo, in questo caso ha raccomandato di effettuare una sorveglianza epidemiologica completa a livello di frontiera e aeroportuale. “Questa è la cosa più consigliata rispetto a quanto accaduto nei paesi vicini dai casi segnalati PerùCiò costringe immediatamente ad attivare qui la vigilanza epidemiologica”, ha affermato.

Fino al 20 maggio 2022, a seconda Organizzazione Panamericana a partire dal Salute, Sono 11 i paesi che hanno segnalato casi: Australia, Germania, Belgio, Canada, Francia, Stati Uniti, Spagna, Italia, Portogallo, Svezia e Regno Unito. Nel territorio delle Americhe sono stati segnalati tre casi di vaiolo delle scimmie in Canada (2 casi) e negli Stati Uniti (1 caso).

Quali sono i sintomi?

I primi sintomi di vaiolo delle scimmie Includono febbre, mal di testa, dolori muscolari, mal di schiena, linfonodi ingrossati, brividi e affaticamento. Può svilupparsi un’eruzione cutanea, che spesso inizia sul viso e poi si diffonde ad altre parti del corpo. compresi i genitali.

Il vaiolo delle scimmie, secondo quanto riferito da organizzazioni internazionali, si trasmette tradizionalmente principalmente attraverso il contatto diretto o indiretto con il sangue, fluidi corporei, lesioni della pelle o delle mucose di animali infetti. La trasmissione secondaria o da persona a persona può avvenire attraverso uno stretto contatto con le secrezioni infette condotto dell’aria o lesioni cutanee di una persona infetta, o con oggetti che sono stati recentemente contaminati dai fluidi del paziente o dal materiale delle lesioni.

In tal senso, MSP Ha esortato i residenti a mantenere l’igiene delle mani, a segnalare sintomi sospetti e ad informarsi anche attraverso i canali ufficiali dell’istituto.

Rodolfo Cafaro

"Inguaribile piantagrane. Professionista televisivo. Sottilmente affascinante evangelista di Twitter. Imprenditore per tutta la vita."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.