La prima CONSTANTIN CUP raccolgo la crema da kickboxing serba

La prima Coppa Konstantinov ha riunito la crema del kickboxing serbo. I combattenti di otto club hanno messo alla prova la loro forza sul ring del club di Niš nella sala “Chair” e gli allenatori, soddisfatti dell’opportunità di sparring, hanno annunciato la loro partecipazione a vari campionati europei e mondiali.

Il club di arti marziali “Konstantin” è uno dei club più vincitori di trofei in Ni e ha lavorato duramente per creare kickboxing per molti anni.

“Questa prima coppa, a seconda dei casi, la ospiteremo qui presso i locali del club nella sala “Chair” e poiché prevediamo di ospitarla ogni anno, cercheremo il sostegno dell’Associazione sportiva e della città di Nis , poiché questa è una storia regionale. I concorrenti provenienti da tutta la Serbia hanno l’opportunità di verificare la loro preparazione per la prossima competizione in Europa e nelle competizioni mondiali”, ha affermato Milan Cvetkovic, allenatore del Konstantin Martial Sports Club, che è anche il organizzatore del trofeo.

Questo torneo serve per confrontare esperienze e scambiare sparring partner.

“Nella lotta di oggi, i concorrenti stanno verificando le proprie prestazioni, dopo la pausa estiva. Molti concorrenti stanno aspettando il campionato nazionale e varie competizioni internazionali. “Mancano alcuni concorrenti importanti perché si stanno preparando, ma quelli che sono venuti da noi a Nis sono prima classe”, ha detto soddisfatto Cvetkovi.

Gli ospiti di Smederevo sono anche concorrenti rappresentativi, quindi la loro partecipazione è molto visibile.

Dejan Pavi, allenatore dell’SD Kombat club di Smederevo

“Questo tipo di incontro di più club in un unico posto e sparring insieme porta tutti meglio perché tutti nel loro club lavorano con gli stessi partner e oggi abbiamo avuto l’opportunità di verificare la disponibilità con gli altri”. Due membri della nazionale maggiore sono venuti a Niš, il primo nella categoria 63,5 kg, Danijel Memedovski, vice campione del mondo 2019 a Sarajevo, e Aleksandar Menkovi, categoria 86 kg, che è un campione del mondo attivo. Avremmo potuto portare più combattenti, ma molti di noi si stanno preparando per i mondiali juniores in Italia, che ora iniziano il 30 settembre. I nostri senior andranno ad Antalya e grazie a tutte le prestazioni questo trofeo è il benvenuto”, ha detto a Niške Vesti Dejan Pavi, allenatore dell’SD Kombat club di Smederevo.

I concorrenti di Bor, oltre a socializzare con i combattenti di altri club, sono venuti alla Niš Cup per dimostrare che il kickboxing è stato sviluppato e coltivato in questa città, come in molte delle principali città della Serbia, seguendo i migliori.

Siniša Vladimirovi, club di kickboxing di Bor

“Siamo qui oggi per controllare la forma e alla fine siamo soddisfatti dello sparring match”. I kickboxer che ora sono pronti per venire a Niš, molti dei nostri club si stanno preparando per le prossime competizioni. Ci sono membri della nazionale maggiore Boban Nikoli e Damir Sejdija. Mi aspetto molto da questi combattenti perché sono concorrenti collaudati, questa sarà la loro prova. Se sono soddisfatti di ciò che viene mostrato, se ne parlerà poco, ma avrò sicuramente qualcosa per invogliarli a fare meglio, perché la perfezione non esiste, basta lottare per essa. Li critico sempre e questo li mantiene acuti, ma li lodo anche spesso quando necessario, e questo dà loro ulteriore motivazione per lavorare”, ha detto l’allenatore Siniša Vladimirovi, Kickboxing Club di Bor.

Il club Car Lazar di Kruševac è operativo solo da due anni, ma i concorrenti hanno accettato di entrare sul ring e diventare un “pericolo” per i provati kickboxer.

Marko Gerun, davanti al Club Car Lazar di Kruševac

“Siamo un club giovane, siamo qui oggi per socializzare, espandere le amicizie e, soprattutto, una bella battaglia”. Il nostro club sta crescendo e abbiamo portato i quattro combattenti più forti che abbiamo. Siamo un club giovane, quindi non abbiamo il miglior supporto, gestiamo i nostri fondi, ma sono sicuro che con una prestazione così positiva meriteremo più attenzione da parte degli sponsor. Siamo venuti a Niš per l’esperienza perché oggi ci sono allenatori e concorrenti di alto livello”, ha detto Marko Gerun, davanti al Club Car Lazar di Kruševac.

I combattenti di Vranje sono arrivati ​​dalla parte più meridionale della Serbia, i quali hanno affermato che con questa visita hanno sentito il polso della loro preparazione per l’imminente competizione.

“Abbiamo avuto una lunga vacanza estiva di due mesi, quindi la Ni Cup è andata molto bene per noi. Siamo scesi a Vranje più intensamente con l’allenamento 15 giorni fa, ed è stata molta prevenzione, il campionato statale più importante della Serbia centrale e subito dopo è seguita un’altra competizione. Questa è stata ben pensata e ben organizzata dal club di Konstantin di Nis, perché lo sparring significa molto per i combattenti. Qui a Niš, vedremo quale concorrente è meglio preparato per la lotta che inizia tra circa venti giorni”, ha detto a Niške Vesti Igor Mladenovic, del Vranje Kickboxing Club.

La Constantine Cup si è tenuta per la prima volta presso l’organizzazione dell’omonimo club di kickboxing di Nis, la prossima è già in programma e gli organizzatori sperano che la prossima si terrà con il sostegno della città di Nis.

Cari lettori, se volete rimanere aggiornati ed essere i primi a conoscere le ultime notizie da Ni, scaricate l’app Niške Vesti per Androide o i phone.

Romana Giordano

"Scrittore estremo. Appassionato di Internet. Appassionato di tv freelance. Appassionato di cibo malvagio. Introverso. Pensatore hardcore. Futuro idolo degli adolescenti. Esperto di bacon."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.