La Francia vieta ai tifosi della Lazio di entrare nei suoi confini | sport

In Francia non è passato inosservato l’ultimo episodio della curva violenta e di estrema destra della Lazio, in cui si sono ripetuti canti fascisti. Allo stesso modo i ricordi dell’ultima volta che i romani hanno giocato a Marsiglia, quando quattro uomini sono stati accoltellati in una rissa tra 200 ultras dei due hobby. Il ministro dell’Interno, Gérald Darmanin, ha emanato un’insolita norma sulle partite di Europa League tra le due squadre in cui vietava l’ingresso in Francia a tutti i tifosi della Lazio che si mostravano così. Un atto che ha suscitato grande polverone in Italia, soprattutto tra i partiti di estrema destra come Fratelli d’Italia, che ha chiesto l’intervento delle massime autorità italiane, ritenendolo una violazione dei diritti dei cittadini italiani.

La Francia ha ricordato nel documento ripetuti atti di violenza negli stadi in cui ha giocato la Lazio e nelle città in cui si è recata. Anche i soliti canti e cori di orientamento fascista e nazista. Ciò che sorprende dell’ordinanza emessa da Darmanin è che non solo vieta fan Lazio, accesso allo stadio Velodromo di Marsiglia e circolazione o sosta nel centro cittadino, come si è detto nei giorni precedenti, ma anche “ingresso in Francia dai posti di frontiera su strada, ferrovia, porto e aeroporto a tifosi che si identificano così ” da mercoledì 3 novembre a giovedì 4 novembre.

Per la partita contro la Lazio è stato chiuso anche il settore stadio ai tifosi invitati al Velodromo. In altre parole, senza nemmeno sottrarsi al controllo, i tifosi romanisti hanno lo spazio fisico per sistemarsi nello stadio. Infatti, per l’andata delle Olimpiadi di Roma (finita 0-0) il movimento dei tifosi marsigliesi è stato sospeso a causa di una rissa tra i due tifosi in occasione dell’ultima partita, il 25 ottobre 2018. Inoltre, il Marsiglia ha è stato coinvolto in gravi incidenti nel suo stadio, come quello accaduto il 30 settembre. in una partita contro il Galatasaray, in cui sono rimaste ferite 32 persone (quasi tutti agenti di polizia) e cinque persone sono state arrestate.

I primi a protestare in Italia sono stati i membri del partito di estrema destra Brothers of Italy, partner europeo di Vox. “Inaccettabile la formulazione di un regolamento del ministero dell’Interno francese, che vieti l’ingresso in Francia dei tifosi della Lazio. Trattamento riservato ai terroristi, che si scontra con le partite di calcio e appanna l’immagine della capitale italiana e dei suoi cittadini”, ha affermato Francesco Lollobrigida, capo delegazione alla Camera dei Deputati della Fraternità italiana. Il partito guidato da Giorgia Meloni, che attualmente guida la maggior parte delle elezioni in Italia, ha chiesto anche al sindaco di Roma, Roberto Gualtieri, di intervenire per “condannare la decisione e difendere l’onore della città e di Roma”.

La Lazio ha avuto molti incidenti negli anni con gli ultras che seguono la squadra settimanalmente. Anche con alcuni giocatori come Paolo di Canio o dipendenti del club, come l’allenatore dell’Aquila che vola prima di ogni partita all’Olimpico. Due settimane fa, lo spagnolo Juan Bernabé è stato esonerato quando è stato catturato sui social network mentre eseguiva un saluto fascista ai tifosi che cantavano “Duce, Duce” dopo la partita contro l’Inter.

Puoi seguire EL PAÍS DEPORTES all’indirizzo Facebook voi Indonesiaoppure registrati qui per ricevere la nostra newsletter settimanale.

Rodolfo Cafaro

"Inguaribile piantagrane. Professionista televisivo. Sottilmente affascinante evangelista di Twitter. Imprenditore per tutta la vita."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.