Esperto in ristrutturazione alla guida della banca di crisi del Monte dei Paschi | 2/8/22

L’Istituto Italiano di Crisi Monte dei Paschi di Siena (MPS) sta apportando modifiche al vertice. In futuro, l’ex capo della banca polacca Pekao, Luigi Lovaglio, con esperienza in ristrutturazioni, guiderà la ricchezza della più antica istituzione finanziaria del mondo come amministratore delegato, ha annunciato lunedì a Siena l’istituto.

Lovaglio è il più adatto per la sua esperienza internazionale e la vasta conoscenza del settore bancario italiano. La designazione unanime resta da approvare dalla Banca centrale europea. Il precedente capo della banca Guido Bastianini è stato rimosso dal potere, ma rimane un membro del consiglio di amministrazione.

Due persone a conoscenza della situazione hanno detto sabato che il ministero delle Finanze di Roma aveva segnalato l’approvazione per la nomina di Lovaglio. Il 66enne è considerato un esperto di ristrutturazioni. Lovaglio può vantare una carriera che ha attraversato più di quattro decenni presso la principale banca Unicredit. Dal 2011 al 2017 ha guidato Pekao Bank, precedentemente controllata da Unicredit. Nel 2019 si è poi trasferito alla casa monetaria regionale italiana Creval, che l’anno scorso è stata rilevata da French Credit Agricole.

Secondo informazioni provenienti da persone a conoscenza della situazione, il precedente amministratore delegato Bastianini ha rifiutato di dimettersi. Pertanto, il consiglio di amministrazione deve decidere di rimuoverlo dal potere. Secondo gli addetti ai lavori, è caduto in disgrazia presso il Tesoro dopo che la sua leadership ha interrotto i colloqui con UniCredit per vendere la banca in autunno. Bastianini ha raggiunto il Monte dei Paschi dalla banca Carige. È subentrato nel 2020 dopo che il suo predecessore Marco Morelli ha rifiutato un altro mandato al timone. Il governo di Roma ha salvato la banca, fondata nel 1472, dal collasso per 5,4 miliardi di euro nel 2017 e da allora detiene una quota del 64 per cento.

Dopo il fallimento dei negoziati di fusione con la rivale UniCredit, per il Monte dei Paschi è ora necessaria un’altra opzione. Nell’ambito della nuova strategia, nell’anno in corso verranno raccolti 2,5 miliardi di euro dagli investitori attraverso il recupero di capitale. Money house recentemente in rosso. Tuttavia, la banca più antica del mondo è riuscita a quasi dimezzare la sua perdita netta a 78,6 milioni di euro nel quarto trimestre del 2021 in un anno. Il fatturato totale, d’altro canto, si è leggermente ridotto a 720,3 milioni di euro dopo i 732,2 milioni di euro dell’anno precedente.

rtr

Rodolfo Cafaro

"Inguaribile piantagrane. Professionista televisivo. Sottilmente affascinante evangelista di Twitter. Imprenditore per tutta la vita."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.