Zinedine Zidane: colpo di testa Mondiali – Ecco perché ho paura contro Materazzi – CALCIO

La finale della Coppa del Mondo 2006 sarà sempre un momento clou della storia calcio restare. L’Italia ha vinto il titolo alla Stazione Olimpica di Berlino, battendo in finale la Francia (5:3 ai rigori). Ma cosa da non dimenticare: la testata dell’icona francese Zinedine Zidane (50) contro Marco Materazzi (48). Zidane espulso, l’Italia vince il titolo.

Quasi 16 anni dopo quel leggendario incidente, Zidane ha ora rivelato nuovi dettagli sul colpo di testa. In un’intervista a “L’Equipe”, l’ex superstar del centrocampo ha spiegato perché era così emotivamente teso l’ultimo giorno. Il francese in quel momento era preoccupato per sua madre.

“Mia madre era molto stanca quel giorno”, ha detto Zidane in un’intervista. “Parlo con mia sorella al telefono più volte al giorno. Quindi so che mia madre non sta bene, ma nemmeno troppo seria. Ma sono preoccupato per questo”.

Materazzi in quel momento non insultò sua madre, ma sua sorella. Tutte le micce di Zidane sono saltate. C’è stata una testata: “Ha insultato mia sorella, che in quel momento era con mia madre”.

E poi: “La prossima volta che ti insultano e non succede niente, ma quel giorno ero più fragile e quello che è successo, devo accettarlo, non sono orgoglioso, ma fa parte del mio viaggio, questa è la mia carriera, storia Per questo ho detto che non ho finito con la squadra francese. Non voglio che finisca così. Non è ancora finita”. Zidane sogna di conquistare la nazionale francese: “Spero un giorno di essere io”.

01:49

Il mistero del numero di maglia
Lo ha detto la star del Bayern Mané

Fonte: BILD/FC Bayern

Ha anche rivelato che il colpo di testa potrebbe essere stato evitato. Da uno dei suoi amici dell’epoca: Bixente Lizarazu. “Penso che Bixente fosse l’unico che poteva trattenermi. Avrei voluto che Bixente fosse al mio fianco allora”, ha detto Zidane.

Un giocatore professionista di lunga data del Bayern ha concluso la sua carriera con la nazionale francese nel 2004 e non è più ai Mondiali. “Vorrei essere in campo per non succedere. Vorrei essere lì per aiutarlo”, ha detto Lizarazu a Telefoot sulla follia di Zidane.

Gerardo Lucchesi

"Esploratore hardcore. Fanatico della musica hipster. Studioso del caffè malvagio. Appassionato sostenitore della tv."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.