“Vola Mika, puoi!”: Il collega ha quasi fatto piangere Shiffrin

“Vola Mika, puoi!”
Il compagno ha quasi fatto piangere Shiffrin

Mikaela Shiffrin ha sopportato le Olimpiadi da dimenticare: lo sciatore di maggior successo di oggi è a miglia dalle medaglie. In combinazione, le opportunità per i metalli preziosi sono molto reali per molto tempo. Gli americani hanno grandi momenti emotivi prima ancora di iniziare.

Grande emozione ancora una volta per la sciatrice Mikaela Shiffrin: poco prima della combinazione alpina di giovedì, gli americani, che avevano sopportato un’enorme delusione alle Olimpiadi invernali in Cina, erano di nuovo sull’orlo delle lacrime. Ma questa volta non per frustrazione, ma per eccitazione. Per la discesa, Shiffrin ha fornito gli sci alla medaglia d’argento olimpica Sofia Goggia. E l’italiano gli ha dato un messaggio toccante.

“Vola Mika, puoi” c’era scritto su un foglietto attaccato allo sci. “L’ho visto all’inizio e ho quasi iniziato a piangere”, ha detto Shiffrin alla NBC. Ha messo gli sci al quinto posto. Una buona posizione di partenza per lo slalom decisivo, che è la disciplina della parata di Shiffrin. “Sono grata di averli sentiti e di volare il meglio che posso”, ha detto la star statunitense. Finora, la partita in Cina è stata un disastro per Shiffrin. È un favorito sia nello slalom gigante che nello slalom ed è stato eliminato presto in ogni caso.Finora ci sono 9° e 18° posto per il 2022 nelle statistiche olimpiche per gli sciatori di maggior successo del momento.

“Emotivamente esausto”, si sentiva, disse Shiffrin a cuore aperto prima della combinazione, e con questa “noia” nella testa, non era veloce. “È difficile leggere tutti i titoli dei giornali: essere espulso, fallire, deludere il mondo”, ha detto. Ha celebrato medaglie d’oro olimpiche nel 2014 e nel 2018, “ma questo non toglie il dolore”. Alla fine della combinazione, al posto delle medaglie, c’è stato un altro minimo emotivo: Shiffrin è stato eliminato in slalom, per la terza volta a questa Olimpiade, che per lui avrebbe dovuto essere una vittoria.

La “Regina della velocità” di Sofia Goggia non inizia in combinazione. L’italiano, che ha vinto tutte le gare di discesa libera che ha completato prima delle Olimpiadi, gareggia solo nella sua disciplina preferita a Pechino. Lì, il 25enne ha vinto l’argento dietro la svizzera Corinne Suter. È stato un piccolo miracolo che Goggia abbia partecipato a qualsiasi gara olimpica: tre settimane prima della cerimonia di apertura, si è infortunato al ginocchio per una caduta.

“Sono caduto e ho detto al mio allenatore: ‘Non posso farlo.’ Come devo scendere? Ho molto dolore al ginocchio”, ha detto l’italiano a Eurosport. Ma rinunciare? Non si è mai arreso. “Ci credo davvero, anche nei giorni più bui”, ha affermato la FA italiana. “Dedico questa medaglia a me stesso perché ero al cancelletto di partenza ea tutti coloro che hanno creduto in me e hanno preso la mia mano in questo percorso che sembrava scomparire nel nulla dopo Cortina”.

Rodolfo Cafaro

"Inguaribile piantagrane. Professionista televisivo. Sottilmente affascinante evangelista di Twitter. Imprenditore per tutta la vita."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.