Vittoria DEB contro la Cina obbligatoria – per ora senza Nowak – notizie sportive su hockey su ghiaccio, sport invernali e altro

Dopo un brutto inizio alle Olimpiadi tedesche, una vittoria sabato contro la Stella Rossa di Kunlun è d’obbligo. La squadra del club giocherà a Pechino con 16 nordamericani che rappresenteranno la Cina nell’hockey su ghiaccio.

Il tecnico della nazionale Toni Söderholm cerca di mettere tutti di buon umore durante l’allenamento. La squadra tedesca di hockey su ghiaccio ha reagito facilmente a un inizio difficile e all’infortunio del giocatore di punta Marco Nowak alle Olimpiadi invernali di Pechino.

“Siamo tutti nel settore dell’hockey su ghiaccio da molto tempo, quindi sappiamo che il cattivo umore non aiuta”, ha detto l’attaccante Matthias Plachta, uno dei dieci vincitori d’argento della squadra nel 2018. “Siamo un gruppo che si diverte insieme”.

Questo è stato chiaramente sentito nell’allenamento precedente, nonostante un brutto 1:5 contro la scelta C del campione olimpico canadese del record senza una stella NHL. Anche senza Nowak, che dopo un esame rigoroso ma non è stato punito giovedì dal canadese Eric O’Dell con una sospetta commozione cerebrale è fuori per il momento. O solo sabato (9:40 / ZDF ed Eurosport) contro squadre fuori dalla Cina o nell’ultimo turno preliminare di domenica (14:10 / ARD ed Eurosport) contro Stati Uniti d’Americapoco chiaro.

“Oggi è stato meglio di ieri”, ha riferito il direttore sportivo della Federazione tedesca di hockey su ghiaccio, Christian Künast. Tuttavia, con Nowak che si sta già allenando individualmente lontano dal ghiaccio, è probabile che il 31enne difensore del Düsseldorf EG giocherà di nuovo a Pechino. Ma molto probabilmente non sabato contro la Kunlun Red Star, club di influenza russa, che gioca per la nazionale cinese alle Olimpiadi.

“Prendi sul serio ogni avversario”

“Questo è un paese che possiamo battere”, ha detto Plachta, che ovviamente sapeva che vincere contro una grande squadra era d’obbligo: “Puoi metterla così, ma devi prendere sul serio ogni avversario”. Nonostante il fatto che dopo l’allarmante prestazione dell’autoproclamato sfidante di medaglia contro il Canada, qualsiasi altra presa di posizione sia impossibile, tutt’altro che la vittoria sarebbe un peccato. I dubbi sull’aspetto olimpico della Cina sono diventati più evidenti di quanto non fosse noto in 0:8 contro la squadra statunitense, composta principalmente da giocatori collegiali.

Leggi anche

Giochi invernali di Pechino

Come il 2018: le Olimpiadi iniziano male per la squadra di hockey su ghiaccio

A causa dell’evidente inferiorità della classifica mondiale 32. – dietro la Spagna e davanti all’Australia – l’associazione mondiale IIHF ha persino pensato di revocare il tradizionale diritto di iniziare le Olimpiadi dal paese ospitante. Per non sottovalutare i cinesi, sono diventati creativi e hanno lasciato che la squadra KHL di Pechino gareggiasse ai Giochi invernali. La squadra, composta interamente da nordamericani, gioca ufficialmente da tempo a Mosca male a causa della pandemia di coronavirus. In KHL, Kunlun era di gran lunga l’ultimo. I 13 canadesi, tre cittadini statunitensi e un Kunlun russo ricevono nomi cinesi senza ulteriori indugi e le rigide formalità di naturalizzazione potrebbero non essere prese troppo sul serio.

Söderholm: “Un tocco esotico” fa parte delle Olimpiadi

“Ho ancora il mio passaporto statunitense”, riferisce Jieke Kailiaosi, il cui vero nome è Jake Chelios e figlio dell’icona della NHL Chris Chelios. “Non sono sicuramente cinese, ma ho giocato per la squadra cinese per tre anni, ho avuto l’opportunità di vivere qui e lo adoro”, ha detto Chelios. Nello spogliatoio si parla inglese con il tecnico italiano Ivano Zanatta. Almeno nove giocatori nati in Cina hanno mantenuto un po’ il loro aspetto. “Le Olimpiadi hanno sempre avuto un tocco esotico”, ha detto diplomaticamente Söderholm.

Dopo aver perso contro il Canada, il finlandese era più preoccupato di ricostruire la sua squadra che di preoccuparsi dei sentimenti o delle cazzate della squadra cinese. Durante l’allenamento di venerdì, Söderholm ha avuto un’interessante conversazione uno contro uno. Con tanti tiri, alcuni dei quali finiti a porta vuota, era evidente che bisognava rilanciare la fiducia. “Abbiamo avuto una riunione efficiente e ora una buona sessione di allenamento. Domani abbiamo un’altra possibilità”, ha detto Plachta. Il nativo di Mannheim è partito male anche alle Olimpiadi di Pyeongchag 2018 con due sconfitte all’inizio. Dopodiché, la Germania è andata sempre meglio, perdendo solo 56 secondi alla fine contro la Russia nella finale per la medaglia d’oro.

© dpa-infocom, dpa:220211-99-77917/5

Rodolfo Cafaro

"Inguaribile piantagrane. Professionista televisivo. Sottilmente affascinante evangelista di Twitter. Imprenditore per tutta la vita."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.