VITA. Attacchi in Ucraina: Emmanuel Macron parlerà al Paese


Cosa dovresti ricordare:

– Il consiglio di difesa si sta attualmente svolgendo al lysée per decidere il seguito di questo attacco. Emmanuel Macron dovrebbe tenere un discorso nel primo pomeriggio.

– Secondo le guardie di frontiera locali, le truppe di terra russe entrano in Ucraina al confine nord-orientale. L’Ucraina ha riportato la morte di oltre 40 soldati e una dozzina di civili nell’attentato.

– Gli ambasciatori di 30 Stati membri della NATO si incontreranno presto a Bruxelles, ha affermato un portavoce dell’Alleanza. L’annuncio del presidente russo Vladimir Putin di una “operazione militare” in Ucraina ha suscitato una reazione mondiale.

– Giovedì il presidente russo Vladimir Putin ha annunciato un’operazione militare in Ucraina per difendere i separatisti nell’est del paese, nonostante le proteste internazionali e le sanzioni occidentali.


12 ore 33 – Vertice NATO di venerdì

I leader dei paesi della NATO si incontreranno venerdì per un vertice in videoconferenza, secondo fonti diplomatiche, e l’Alleanza si è detta pronta a schierare mezzi aggiuntivi per garantire la propria difesa sulla scia dell’attacco russo all’Ucraina.

12 ore 15 Macron parla

Secondo le nostre informazioni, Emmanuel Macron dovrebbe parlare alle 13 in un discorso e attivare l’articolo 18 della Costituzione che gli consente di parlare davanti al Parlamento o di consegnare messaggi di terzi davanti a due Assemblee.

12 ore 15 – Il Parlamento europeo condanna “con la massima fermezza”

Il Parlamento europeo si riunirà in sessione plenaria straordinaria martedì 1 marzo. La presidente del Parlamento Roberta Metsola ei capigruppo “condannano fermamente l’attacco della Russia all’Ucraina”.

12 ore 09 – La Turchia chiede alla Russia di ritirarsi

La Turchia ha chiesto alla Russia di porre fine al più presto possibile al suo intervento “ingiusto e illegale” in Ucraina, giudicandolo una “minaccia alla sicurezza globale e regionale”, secondo il ministero degli Esteri. “Si tratta di una grave violazione del diritto internazionale”, ha affermato il ministero in un comunicato stampa, rilevando che la Turchia “ha resistito a qualsiasi cambio di confine con le armi”.

12 ore 03 – Il presidente ucraino paragona la Russia alla Germania nazista

Su Twitter, Volodymyr Zelensky ha paragonato la Russia alla “Germania nazista”. “La Russia ha imboccato la strada sbagliata, ma l’Ucraina si difende da sola e non rinuncerà alla sua libertà”, ha scritto.

11 ore 37 – Macron chiede il vertice della NATO

Emmanuel Macron ha chiesto di organizzare un vertice della Nato “il prima possibile” dopo l’invasione dell’Ucraina da parte delle forze armate russe.

11 ore 27 – La Moldova ha chiuso il suo spazio aereo

La Moldova ha chiuso il suo spazio aereo a causa dell’invasione russa della vicina Ucraina, ha affermato il vice primo ministro moldavo Andrei Spinu. “Lo spazio aereo sarà chiuso dalle 12:00 (10:00 GMT). I voli saranno dirottati verso altri aeroporti”, ha detto Spinu su Telegram, confermando la decisione con “la situazione nella regione”.

11:00 11 – Nuovo equilibrio Ucraina

Kiev ha annunciato che dall’inizio dell’offensiva russa nel Paese erano morti più di 40 soldati e una dozzina di civili.

11 ore 08 – Il presidente dell’Ucraina vuole distribuire armi

“Daremo armi a tutti coloro che vogliono difendere il Paese. Preparatevi a sostenere l’Ucraina nelle nostre piazze”, ha dichiarato su Twitter il presidente ucraino Volodymyr Zelensky.

11 ore 00 – La Lituania dichiara lo stato di emergenza

Dopo l’attacco della Russia all’Ucraina, la Lituania ha dichiarato che avrebbe imposto lo stato di emergenza sul suo territorio. “Oggi firmerò un decreto che impone lo stato di emergenza”, ha affermato il presidente lituano Gitanas Nauseda dopo una riunione del Consiglio di difesa nazionale, aggiungendo che “la Lituania richiederà l’attivazione dell’articolo 4 della NATO”, che prevede consultazioni di emergenza se i membri dell’alleanza sono minacciati .

10 ore 53 – I separatisti filorussi si stanno rafforzando

L’esercito russo ha annunciato che i separatisti filo-russi nell’Ucraina orientale che aiuta hanno ottenuto un vantaggio territoriale contro l’esercito ucraino. Secondo il generale Igor Konashenkov, portavoce del ministero della Difesa russo, parlando alla televisione, i ribelli sono avanzati di tre chilometri nella regione di Donetsk e di un chilometro e mezzo nella regione di Lugansk. Ha assicurato che la Russia mirava a obiettivi militari e che i civili “non avevano nulla da temere”.

10 ore 49 – L’Ucraina interrompe le relazioni diplomatiche con la Russia

Il presidente ucraino Volodymyr Zelensky ha annunciato giovedì, in un discorso alla nazione, la rottura delle relazioni diplomatiche con Mosca, il primo giorno dell’invasione del suo Paese da parte delle forze armate russe. “Abbiamo interrotto i legami diplomatici con la Russia”, ha affermato poiché quei legami sono stati mantenuti anche dopo che la Russia ha annesso la Crimea nel 2014.

10 ore 37 – L’UE proporrà nuove sanzioni “massicce e mirate”.

La presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen ha annunciato che consegnerà “più tardi oggi” un pacchetto di sanzioni massiccio e mirato ai leader europei per la loro approvazione. “Con questo pacchetto, punteremo a settori strategici dell’economia russa bloccando il loro accesso a tecnologie e mercati chiave. Indeboliremo la base economica della Russia e la sua capacità di modernizzarsi. Inoltre, congeleremo le attività russe nell’UE e bloccheremo le banche russe. ‘ accesso ai mercati finanziari europei. Come il primo pacchetto di sanzioni, siamo molto in sintonia con i nostri partner e alleati. Queste sanzioni sono progettate per gravare sugli interessi del Cremlino e sulla sua capacità di finanziare le guerre”. “Consentire al presidente Putin di sostituire lo stato di diritto con il potere e la brutalità”, ha aggiunto. Non deve sottovalutare la determinazione e la forza della nostra democrazia”.

10 ore 31 – “Ritorno della guerra in Europa”

“Condanniamo questo barbaro attacco e gli argomenti cinici utilizzati per giustificarlo”, hanno affermato in una dichiarazione congiunta la presidente della Commissione Ursula von der Leyen e l’alto rappresentante per le relazioni esterne Josep Borrell. “Il presidente Putin è responsabile del ritorno della guerra in Europa. In questi tempi bui, l’Unione europea è al fianco dell’Ucraina e del suo popolo. Stiamo affrontando un atto di aggressione senza precedenti da parte dei leader russi contro un paese sovrano e indipendente. La Russia non è solo Donbass, l’obiettivo non è solo l’Ucraina, l’obiettivo è la stabilità in Europa e l’intero ordine internazionale basato su regole. Per questo, terremo conto della Russia”.

10 ore 28 – Diversi ministri in consiglio di difesa con Emmanuel Macron

Di seguito l’elenco dei ministri presenti al consiglio di difesa che si è tenuto dalle 09:00 di questa mattina nelle vicinanze di Emmanuel Macron. Oltre al Primo Ministro Jean Castex, Jean-Yves Le Drian, Ministro degli Affari Esteri, Bruno Le Maire, Ministro dell’Economia, delle Finanze e del Recupero, Florence Parly, Ministro della Difesa, e Gérald Darmanin, Ministro dell’Interno.

10 ore 16 – Marine Le Pen “chiede l’immediata cessazione delle operazioni militari russe”

I candidati del National Rally per le elezioni presidenziali hanno chiesto “l’immediata cessazione delle operazioni militari russe” in Ucraina.


Rodolfo Cafaro

"Inguaribile piantagrane. Professionista televisivo. Sottilmente affascinante evangelista di Twitter. Imprenditore per tutta la vita."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.