Valeva, Chen, Slafkovsky, Friedrich, Pechstein, protagonisti sul ghiaccio

Sports Writing, 20 febbraio (EFE).- Nathan Chen dall’America, Francesco Friedrich dalla Germania, Ariana Fontana dall’Italia e Juraj Slafkovsky dalla Slovacchia sono stati alcuni dei principali protagonisti sul ghiaccio alle Olimpiadi di Pechino che si concludono questa domenica grazie al vostro risultati.

Ma lo sono anche, per un altro motivo, Kamila Valíeva dalla Russia o Claudia Pechstein dalla Germania.

Kamila VALIEVA, VITTIME

Positiva al doping dalla Russia Kamila Valíeva, una ragazza di 15 anni la cui urina ha trovato tracce di un farmaco contro l’angina pectoris, ha smarrito l’organizzazione coinvolta, che ha preso una decisione senza precedenti.

Quando sono usciti i lati positivi, da un campione prelevato a dicembre, Valíeva aveva vinto l’oro nella competizione a squadre, medaglia che non è mai stata assegnata. Inoltre, gli è consentito continuare a gareggiare per evitare “danni irreparabili”, in attesa della chiusura del caso.

Travolto dalla pressione, è passato dal favorito per vincere il titolo di singolare al quarto posto. Oro e argento le sue compagne di squadra Anna Shcherbakova e Alexandra Trusova, ma la squadra russa ha dato pubblicamente segni di essere sottoposta a un regime disciplinare difficile da giustificare.

NATHAN CHEN SECONDO LA COSA INDICATA PER HANYU

Yuzuru Hanyu del Giappone è una delle figure più attese alle Olimpiadi, prima di un possibile terzo oro consecutivo nel pattinaggio artistico e di una possibile esecuzione del primo quadruplo axel. Ma il trono è innegabile per Nathan Chen, un americano figlio di immigrati cinesi.

Dopo la sua apparizione nel programma corto, non c’erano dubbi sulla vittoria di Chen dopo le prove libere. Quindi lo ha giustificato, con un programma in cui ha messo cinque quattro.

Alla fine ha compensato la sua prestazione ai Giochi di Pyeongchang, dove è stato escluso dal medagliere, al quinto posto. Questa volta è stato il turno di Hanyu che non è riuscito a salire sul podio.

SUI E HAN, COPPIA D’ORO

I cinesi Sui Wenjing e Han Cong, con gloriose prove libere, hanno strappato un’entusiasmante vittoria nella competizione di pattinaggio artistico di coppia, battendo tre coppie russe che minacciavano di salire sul podio alle Olimpiadi di Pechino.

Erano già i migliori in poco tempo, ma la loro seconda apparizione sul ghiaccio ha portato la competizione in un’altra dimensione. Impressionano dall’iniziale, perfetta rotazione quadrupla, alle belle altezze che coprono.

È stata l’ultima medaglia cinese alle Olimpiadi e una delle più preziose, per la competizione e per il peso specifico di questa competizione nel programma olimpico.

JURAJ SLAFKOVSKY, UNA STELLA NATA

Medaglia di bronzo con la nazionale slovacca e capocannoniere del torneo all’età di 17 anni, Juraj Slafkovsky si è unito a una costellazione di stelle dell’hockey su ghiaccio a Pechino.

Con sette gol e 24 tiri in porta, più del rivale in tutti i Giochi, nella partita per il bronzo (4-0 contro la Svezia) l’adolescente è stato determinante, con i suoi due gol, per il raggiungimento della prima medaglia olimpica del suo paese nell’hockey .

FRANCESCO FRIEDRICH, I MIGLIORI BOB DELLA STORIA

Tra il predominio assoluto della Germania in tutte le modalità di bob, Francesco Friedrich si distingue a suo modo per essere un pilota di bob che, accompagnato dai freni di Thorsten Margis, ha vinto due ori nel 2018 e due nel 2022.

Vincitore di tutti gli eventi di Coppa del Mondo dai Giochi di PyeongChang, con 3 titoli mondiali al suo attivo, a Pechino ha ratificato la sua egemonia e lo status di miglior corridore di tutti i tempi.

Prima di gareggiare a Pechino, ha dichiarato: “Sapete qual è stato il colpo di grazia? Ripetere la vittoria del doppio olimpico a Pechino. Nessuno l’ha mai fatto. Sarebbe una follia”. E questo è.

KAILLIE HUMPHRIES, IL PRIMO CAMPIONE MONOBOBALE CON LA SUA NUOVA NAZIONALE

Il monobob femminile è entrato nel programma dei Giochi e la prima a vincerlo è stata l’americana Kaillie Humphries, che ha già tre podi olimpici con un bob a due mani, ma da canadese.

La sua controversa richiesta di cittadinanza americana fece arrabbiare la federazione canadese. Ha dovuto aspettare fino allo scorso dicembre per scoprire che sarebbe stato in grado di competere per il suo nuovo paese.

È stato l’unico oro non tedesco del programma di bob.

STEFANIA CONSTANTINI, NON ELENCATA IN CURLING

L’Italia ha debuttato sul podio olimpico del curling dalla porta principale, con una medaglia d’oro nel doppio misto dove è stata decisiva la forma dell’esordiente Stefania Constantini, che ha fatto coppia con Amos Mosaner, già sperimentato nel 2018.

L’Italia ha battuto in finale le norvegesi Kristin Skaslien e Magnus Nedregotten 8-5. La convinzione di Constantini nella pietra finale, con la quale deve eliminare uno dei suoi rivali per assicurarsi l’oro, è ancora una volta fondamentale.

L’Italia è l’unica squadra imbattuta nelle qualificazioni e si qualifica agli ottavi con lo stesso vantaggio.

La 22enne corridore di Cortina d’Ampezzo – sede della prossima partita con il Milan – è stata l’unica rappresentante di badminton femminile del suo paese alle Olimpiadi di Pechino, in quanto la squadra femminile, a differenza della squadra maschile, non ha ottenuto un classificazione.

NIKLAS EDIN, EL GRAN ‘SALTA’

La squadra svedese di curling maschile è stata dichiarata campione per mano di ‘skip’ Niklas Edin, 36 anni e che negli ultimi dieci anni ha subito più interventi chirurgici possibili su quasi ogni parte del suo corpo: caviglie, ginocchia, spalle e schiena.

Grazie alla guida astuta di Edin, la Svezia ha posto fine a una serie di vittorie iniziate con il bronzo nel 2014 e proseguite con l’argento nel 2018.

Edin ha partecipato a due precedenti podi olimpici e ha, oltre a cinque titoli mondiali, altri sette in Europa.

ARIANA FONTANA, DAL 2006 SUL PODIO

L’italiana Ariana Fontana ha iniziato a vincere medaglie olimpiche nel pattinaggio di velocità su pista corta nel 2006, all’età di 16 anni, e ha continuato a farlo a 31 anni a Pechino, dove ha vinto un oro nei 500 metri e due argenti nella staffetta mista, e nella 1.500.

Questi tre premi hanno portato il suo totale di podi olimpici a undici e lo hanno reso l’italiano con il maggior numero di medaglie. Coloro che hanno vinto alle Olimpiadi si uniscono a 17 ha aggiunto ai campionati del mondo. In Europa sono passati dagli anni Quaranta.

Fontana ha litigato con la sua federazione nel 2020 e si è trasferita in Ungheria con il marito e l’allenatore per prepararsi a questa partita, che potrebbe essere l’ultima.

IRENE SCHOUTEN, TRE VINCITRICI A PECHINO

La supremazia olandese nel pattinaggio di velocità può essere esemplificata da Irene Schouten, che ha tre vittorie: 3.000 m, 5.000 m e una partenza in serie. Ha anche partecipato al bronzo nell’inseguimento della squadra.

La nazionale olandese ha sostenuto sei delle quattordici prove di questo programma sportivo, di cui non c’era una selezione adombrata.

BENVENUTO IN RECORDS PER PEHSTEIN

La tedesca Claudia Pechstein, la prima donna a partecipare a otto Olimpiadi invernali e la più anziana a farlo, all’età di 49 anni, ha concluso la sua gara a Pechino 2022 e la sua lunga carriera olimpica con un nono posto nella mass start è stata quasi altrettanto meritoria come le sue nove medaglie. nelle precedenti edizioni.

Era 20° nei 3.000 m precedenti.

Pechstein è un cinque volte campione olimpico e sei volte campione del mondo. Ha partecipato a tutte le Olimpiadi dal 1992 tranne nel 2010, quando è stato sanzionato per doping.

Rodolfo Cafaro

"Inguaribile piantagrane. Professionista televisivo. Sottilmente affascinante evangelista di Twitter. Imprenditore per tutta la vita."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.