Un’opera simbolica di Nicolas Poussin entra nella collezione del Metropolitan Museum of Art di New York

Quella Metropolitan Museum of Art di New York prendilo tavolo “L’ansia nel giardino” da Nicolas Poussin (1626-27), l’offerta dei newyorkesi collettore Barbara e John Landau, che sono stati nella lista dei 200 migliori collezionisti di ARTnews ogni anno dal 1995.

Il MET possiede già sei dipinti di Poussin, tra cui l’opera “Mida lavata a Paktolos” (1627), che faceva parte della collezione originale che il Museo acquisì nel 1871 quando fu fondato. Ora avrà sette dipinti dell’artista.

Il Landau ha posseduto il dipinto “Agonia nel giardino” negli ultimi 22 anni e ha prestato l’opera per la mostra del Louvre del 2015 “Poussin e Dio”.

“Poussin è questo gigante dell’arte europea, anche se per alcuni non è necessariamente un nome noto”, ha affermato David Pullins, co-curatore del dipartimento di pittura europea del Met. “Uno dei motivi per cui è così importante è l’importanza della discussione sul colore rispetto alla linea che dominerà l’arte e la teoria dell’arte europee per secoli”, spiega.

L’opera raffigura una scena neotestamentaria in cui Gesù, dopo l’Ultima Cena, si reca con i santi Pietro, Giacomo e Giovanni all’orto del Getsemani. I suoi apostoli si addormentarono immediatamente, come si vede in primo piano, mentre Gesù pregava Dio Padre, chiedendo se poteva sfuggire alla sua morte imminente e poi chiedendo forza in ciò che doveva venire dopo.

In risposta, un fiume di angeli scese sulla Terra portando la croce che Gesù avrebbe portato e poi sarebbe stato crocifisso il giorno successivo. A questa composizione Poussin aggiunse una struttura architettonica in pietra che non è stata ancora identificata, ma potrebbe riferirsi alla fondazione della Chiesa dopo la morte di Gesù.

Il pittore francese arrivò a Roma nel 1624. Lì studiò la pittura rinascimentale italiana e le nuove scoperte archeologiche delle antichità greco-romane.

Nel 1627 Poussin conobbe lo studioso, antichità e collezionista Cassiano del Pozzo, che divenne il principale mecenate d’Italia e uno dei suoi più cari amici. Un anno dopo, Pozzo lo aiutò e gli fu commissionato di realizzare “Il Martirio di Sant’Erasmo”, un altare nella Basilica di Sant’Erasmo. Peter. L’altare di Poussin non ricevette il plauso della critica e pose fine alla sua carriera di pittore di opere pubbliche a Roma. Poussin dedicò gran parte della sua arte alla fine degli anni ’20 del Seicento a temi della mitologia romantica ispirati a Tiziano e ai suoi veneziani.

Rodolfo Cafaro

"Inguaribile piantagrane. Professionista televisivo. Sottilmente affascinante evangelista di Twitter. Imprenditore per tutta la vita."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.