Un caso speciale della Grecia anche in questa crisi

Shutterstock

In un momento in cui l’Europa sta cercando di prepararsi alla crisi imminente, la Grecia è di nuovo un caso speciale. L’economia greca non è un’economia “normale” che, come il resto del mondo, ha dovuto affrontare la pandemia con misure di sostegno e politiche sovvenzionate, e ora sta affrontando gli effetti della guerra in Ucraina. È l’unica economia sviluppata al mondo che è in costante crisi da 12 anni.

I titoli di testo possono essere applicati a quasi tutti gli anni dal 2010 in poi. Questa è una grande peculiarità dell’economia greca. Che è l’unica economia sviluppata al mondo ad essere in costante crisi da 12 anni.

Si tratta della crisi energetica, dell’impatto dell’elevata inflazione e di altri rischi di recessione – dopo il 2020 -. Ma l’economia greca non è un’economia “normale” che, come il resto del mondo, è stata costretta ad affrontare la pandemia con misure di sostegno e politiche assistenziali, e ora ha a che fare con gli effetti della guerra. Questa è un’economia “stanca” delle crisi. Famiglie e imprese non hanno alzato la testa ed è evidente l’esaurimento dei cittadini.

La verità è che nel 2019 l’orizzonte comincia a schiarirsi e si prevede l’inizio di un ciclo di crescita pluriennale. Ma la pandemia è arrivata a cambiare tutto. Ciononostante, l’istituzione del Recovery Fund, l’inclusione delle obbligazioni greche nel QE, la riforma e l’adeguamento delle finanze pubbliche hanno creato un clima molto favorevole per la Grecia. Ecco perché i successivi upgrade dei rating del credito, che da “spazzatura” hanno portato le obbligazioni greche a un passo dal livello di investimento.

Quest’anno sarà molto diverso e pericoloso. Mentre stiamo uscendo da una ripresa impressionante nel 2021 (solo l’Irlanda ha registrato una ripresa più rapida nell’Eurozona) e il PIL della Grecia dovrebbe crescere di circa il 3,5% quest’anno con i primi segnali di turismo che lasciano molto spazio all’ottimismo, i residenti sono non sentendo lo sviluppo. Al contrario, vedono aumentare le loro spese quotidiane e le bollette, con una conseguente diminuzione significativa del loro potere d’acquisto.

Psicologicamente, questo è un enorme onere che mostrerà nelle statistiche. Oggi, quindi, la Grecia è chiamata ad affrontare una nuova crisi di estrema incertezza, sullo sfondo dei costi energetici molto elevati, della precisione generale e del rischio che questa situazione duri per molti anni, se non scoperta, il che sarà molto difficile. trovare – presto una soluzione in Ucraina. Da una crescita di oltre il 4%, forse anche più del 5% se il turismo va molto bene, e un’inflazione appena sopra l’obiettivo della Bce del 2%, che avevamo previsto qualche mese fa per il 2022, le cose si sono ribaltate.

Ora la crescita della Grecia si avvicina al 3,5% (per l’Eurozona al 2,7%), mentre l’inflazione dovrebbe aggirarsi intorno al 6,8% per l’anno. Se l’inflazione rimane alta e la crescita rallenta ulteriormente, ci troveremo di fronte a quella che viene chiamata inflazione stagnante. Una crescita inferiore alle attese e un’inflazione superiore alle attese hanno causato problemi significativi, soprattutto per i soggetti vulnerabili e finanziariamente deboli. Questo vale sia per gli Stati che per i cittadini.

Nel suo Rapporto sulla stabilità finanziaria pubblicato ieri, la BCE ha sottolineato che i paesi membri della zona euro avranno un quadro fiscale migliore nel 2022 rispetto al 2020 e al 2021, poiché rimuoveranno gradualmente le misure di sostegno. Tuttavia, gli effetti della guerra in Ucraina potrebbero creare nuovi problemi.

La cattiva notizia è che la Grecia è inclusa nel gruppo dei paesi con il debito più alto e il disavanzo maggiore. È quindi un paese che è già sotto pressione fiscale a causa della necessità di sostenere l’economia (es. sussidi per l’elettricità) in un contesto di tassi di interesse in aumento. La buona notizia è che il suo profilo di debito è considerato uno dei più interessanti e, anche in uno stato di deficit, non è più il paese con le peggiori performance. Sulla base delle previsioni per il 2022, la Grecia non mostra il disavanzo più alto nella zona euro. Il nostro paese viene dopo Malta, Italia, Francia, Spagna, Belgio e Lettonia.

Secondo la BCE, l’onere di bilancio aggiuntivo per i maggiori paesi della zona euro dovrebbe raggiungere una media di 1,2 punti percentuali del PIL. Insieme alle aspettative di inflazione stagnanti e al rischio di andamenti ancora peggiori, la disciplina fiscale potrebbe rivelarsi cruciale, nonostante le regole di bilancio non entreranno in vigore nemmeno nel 2023.

Xaviera Violante

"Premiato studioso di bacon. Organizzatore. Devoto fanatico dei social media. Appassionato di caffè hardcore."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.