Ucraina: le truppe russe occupano tre città nella regione di Donetsk – Informazioni continue

file di foto –

La guerra in Ucraina entra oggi nel suo quarto mese, con le truppe russe che concentrano i loro attacchi sull’ultima sacca di resistenza nella regione di Luhansk nel Donbass (est).

Sebbene affermino di aver respinto gli attacchi russi alle due città più grandi del Paese, la capitale Kiev a fine marzo e inizio aprile e poi a Kharkov a maggio, l’Ucraina ha ammesso per giorni di dover affrontare crescenti “difficoltà” nel Donbass. – “oblast” – Lugansk e Danieck.

“Le prossime settimane di guerra saranno difficili”, ha detto ieri sera il presidente ucraino Volodymyr Zelensky nel suo sermone quotidiano.

“Le forze di occupazione russe stanno cercando di dimostrare che non lasceranno i territori occupati nella regione di Kharkiv (nordest), che non rinunceranno al territorio di Kherson (sud), ai territori occupati di Zaporizhia (sudest) e del Donbas (est). Sono arrivati ​​in parte: “Stanno rafforzando la loro posizione altrove”, ha continuato.

La situazione rimane “molto difficile” nel Donbas, dove la Russia sta cercando di “sterminare chiunque sia vivo”, ha affermato il presidente Zelensky.

Mosca sta concentrando la sua potenza di fuoco sull’ultima enclave ucraina di Lugansk, che circonda le città di Severodonetsk e Lisichansk. Il ministero della Difesa ucraino ha parlato degli intensi combattimenti avvenuti nei pressi delle comunità di Popasna e Bakhmut, che sembravano confermare il movimento ciclico.

Aggiornamenti continui

Ucraina: le truppe russe occupano tre città nella regione di Donetsk

Le truppe russe hanno occupato tre città nella regione di Donetsk, tra cui Svitlodarsk, ha detto a Radio Free Europe/Radio Liberty il governatore regionale dell’Ucraina Pavlo Kirilenko.

Oggi, la leadership della “Repubblica popolare di Donetsk”, sostenuta da Mosca, ha annunciato tramite Telegram che le sue truppe avevano occupato Svitlodarsk e sostituito la bandiera ucraina con quella russa.

La Francia ha assicurato all’Ucraina che sarebbe diventata uno stato membro dell’UE.

L’Ucraina alla fine entrerà a far parte dell’Unione europea, ha affermato oggi il ministro degli Esteri francese Clement Bonn, rassicurando Kiev che l’iniziativa di stringere legami più stretti tra l’UE ei suoi potenziali membri non sostituirà la loro candidatura per l’adesione.

Il presidente francese Emmanuel Macron all’inizio di questo mese ha proposto la creazione di una “comunità politica europea” che potrebbe creare una nuova struttura che consentirebbe una più stretta cooperazione con i paesi in cerca di adesione all’UE.

“Sono sicuro che l’Ucraina entrerà a far parte dell’Unione Europea”, ha detto Bonn ai giornalisti.

Kiev: la battaglia sul fronte orientale deciderà il destino dell’Ucraina

I combattimenti nell’Ucraina orientale potrebbero decidere il destino del Paese, ha affermato oggi il portavoce del ministero della Difesa ucraino Oleksandr Motuzyanik.

Tre mesi dopo l’inizio della guerra, le truppe russe tentarono di accerchiare le truppe ucraine in due città sul fiume Donetsk Siversky. Secondo Motuzyanik, le truppe russe non hanno rinunciato a tentare di attraversare il fiume.

Russia: malcontento dell’élite russa con Putin. Scenario per la successione

Oggi segnano tre mesi dall’inizio della massiccia invasione russa dell’Ucraina, che il Cremlino continua a chiamare “operazione militare speciale”. Secondo il sito web di Meduza, citando fonti interne al governo, negli ultimi tre mesi molti rappresentanti dell’élite russa hanno talvolta cambiato atteggiamento nei confronti della guerra e della situazione nel Paese. Secondo fonti di Meduza, nel giro di tre mesi Putin è riuscito a rivoltare contro di lui sia il “partito di guerra” che coloro che volevano la pace. Il Cremlino spera che “in futuro” andrà a scegliere il suo successore.

Ucraina: l’82% degli ucraini dice “no” alle concessioni territoriali

L’82% degli ucraini ritiene che l’Ucraina non dovrebbe assolutamente rinunciare al proprio territorio con un accordo di pace con la Russia, secondo un nuovo sondaggio di uno dei seggi elettorali più prestigiosi dell’Ucraina.

In un sondaggio condotto dall’Istituto internazionale di sociologia a Kiev dal 13 al 18 maggio e pubblicato oggi, l’82% degli intervistati ha affermato di non sostenere le concessioni territoriali, anche se questa posizione prolunga la guerra e aumenta le minacce all’indipendenza dell’Ucraina.

Mosca rifiuta il piano di pace italiano

Mosca ha respinto il piano di pace italiano per l’Ucraina attraverso il vicepresidente del Consiglio di sicurezza russo Dmitry Medvedev, secondo quanto riportato oggi dal quotidiano italiano La Repubblica.

Secondo Medvedev, “questo piano sta sfuggendo alla realtà” e chi l’ha concepito “sembra fare affidamento sui resoconti della stampa provinciale e sulle bugie ucraine”.

Un alto funzionario russo ammette che il conflitto in Ucraina continuerà

Il ministro della Difesa russo Sergei Shoigu ha affermato che Mosca sta deliberatamente rallentando i suoi attacchi all’Ucraina per consentire ai civili di lasciare la regione, mentre un alto funzionario della sicurezza ha affermato che Mosca non è “fuori tempo” durante la guerra.

I loro commenti suggeriscono che la Russia non porrà fine al conflitto immediatamente e stanno cercando di dissipare l’impressione che una “operazione militare speciale” prolungata e costosa sia in stallo.

“Continueremo le operazioni militari speciali fino al raggiungimento di tutti gli obiettivi, nonostante i massicci aiuti occidentali al regime del Cremlino e la pressione senza precedenti delle sanzioni”, ha affermato Soigu.

“È stato dichiarato ripetutamente un cessate il fuoco e si stanno preparando corridoi umanitari per evacuare i civili dagli insediamenti assediati”, ha detto Soigu in commenti televisivi il 90° giorno di guerra.

L’UE approva la quarta tranche di 500 milioni di EUR a sostegno delle forze armate ucraine

Il Consiglio dell’Unione europea ha annunciato oggi di aver approvato una quarta tranche di 500 milioni di euro per sostenere ulteriormente le forze armate ucraine.

L’Unione europea ha concordato tre tranches per un totale di 1,5 miliardi di euro quest’anno. La quarta fase aggiungerà 500 milioni di EUR alle risorse già mobilitate nell’ambito del Fondo europeo per la pace (EPF) per l’Ucraina, portando il totale a 2 miliardi di EUR. L’obiettivo è sostenere ulteriormente la capacità e la resilienza delle forze armate ucraine di difendere l’integrità territoriale e la sovranità del paese e di proteggere la popolazione civile dagli attacchi militari russi in corso.

Kiev: i missili danesi spingeranno la marina russa fuori dai porti ucraini sul Mar Nero

L’impegno di Copenaghen di fornire missili ai missili terra-aria e ai lanciatori ucraini Harpoon, annunciato lunedì dagli Stati Uniti, segna la prima spedizione di armi di fabbricazione statunitense a Kiev in futuro che consentirà alle forze ucraine di aumentare la loro portata.

Il governo ucraino ha chiesto armi avanzate – sistemi di difesa antiaerea, missili terra-aria, missili a lungo raggio, artiglieria potente – ma la maggior parte dell’assistenza militare che ha ricevuto sono state armi a corto raggio, come missili antiaerei. .

Lavrov: Mosca non è convinta di dover normalizzare i rapporti con l’Occidente

Il ministro degli Esteri russo Sergei Lavrov ha dichiarato lunedì che Mosca prenderà in considerazione proposte per ripristinare le relazioni con l’Occidente e valuterà se una cosa del genere sia necessaria, ma si concentrerà sullo sviluppo delle relazioni con la Cina.

“Se (l’Occidente) vuole offrire qualcosa per ristabilire le nostre relazioni, valuteremo seriamente se ne abbiamo bisogno o meno”, ha detto Lavrov in un discorso pubblicato sul sito web del ministero degli Esteri russo.

Biden: La crisi in Ucraina è un problema globale

Il presidente degli Stati Uniti Joe ha affermato oggi che la crisi in Ucraina è un problema globale che ha rafforzato l’importanza del mantenimento dell’ordine mondiale, dell’integrità territoriale e della sovranità.

“Questo è più che un problema europeo, è un problema globale”, ha detto Biden, riferendosi alla guerra in Ucraina all’inizio del Quad Summit che ha coinvolto i leader di Australia, India e Giappone.

Zelensky chiede agli alleati ucraini di fare pressione sulla Russia affinché scambi i prigionieri

Il presidente ucraino Volodymyr Zelensky ha dichiarato ieri che Kiev è pronta a scambiare prigionieri con la Russia “anche domani”, esortando gli alleati del suo Paese a fare pressione su Mosca.

Lo scambio “è una questione umanitaria” e “una decisione politica che dipenderà dal sostegno di molti paesi”, ha detto in un’udienza al World Economic Forum di Davos.

“È importante”, ha continuato, “la pressione politica è esercitata a tutti i livelli”, dagli uomini d’affari, dalla Russia, ma abbiamo bisogno della nostra. “

Danimarca: consegna di armi alle truppe ucraine per aumentare la loro portata

L’impegno di Copenaghen di fornire missili ai missili terra-aria e ai lanciatori ucraini Harpoon, annunciato lunedì dagli Stati Uniti, segna la prima spedizione di armi di fabbricazione statunitense a Kiev in futuro che consentirà alle forze ucraine di aumentare la loro portata.

Il governo ucraino ha chiesto armi avanzate – sistemi di difesa antiaerea, missili terra-aria, missili a lungo raggio, artiglieria potente – ma la maggior parte dell’assistenza militare che ha ricevuto sono state armi a corto raggio, come missili antiaerei. .

L’Harpoon di Boeing prevede che Kiev e i suoi alleati espelleranno la marina russa dai porti ucraini sul Mar Nero, il che potrebbe portare alla ripresa delle esportazioni di grano e altri prodotti agricoli.

Il segretario alla Difesa statunitense Lloyd Austin ha espresso “ringraziamenti speciali alla Danimarca” per la sua decisione.

Xaviera Violante

"Premiato studioso di bacon. Organizzatore. Devoto fanatico dei social media. Appassionato di caffè hardcore."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.