trova notizie politiche 26 gennaio

Reazione al discorso di Emmanuel Macron all’associazione asosiasi pied-noir

Il Capo dello Stato continua a impegnarsi “calma” ricordi della guerra in Algeria con un gesto forte rivolto ai Pieds-noirs mercoledì, a 60 annie commemora la fine del conflitto che continua a dividere la Francia. Nel suo discorso all’Eliseo, ha rivelato Emmanuel Macron “gratitudine” La Francia contraria al rimpatrio dall’Algeria e ne riconobbe due «strage» avvenuta dopo la firma dell’accordo di Evian il 18 marzo 1962.

Un centinaio di persone hanno assistito all’Eliseo, compresi i rimpatriati, come il regista Alexandre Arcady e l’attrice Françoise Fabian, discendenti, storici, come lo specialista Benjamin Stora, e tre sindaci di città del sud della Francia che avevano accolto molti di loro. loro nel 1962. “Le parole del presidente mi hanno commosso. L’ho trovato onesto, sincero. Noi pied-noir, abbiamo bisogno di sentire queste parole (…)di cui non abbiamo mai sentito parlare”, la reazione del sindaco di Béziers, Robert Ménard, nato a Orano sessantotto anni fa, ha sostenuto Marine Le Pen nelle elezioni presidenziali. Per Christian Estrosi, sindaco di Nizza, ex repubblicano eletto ora vicino a Edouard Philippe, ha usato Emmanuel Macron “parole giuste” e il Pieds-noir sarà con lui “grato”.

Invitata con la figlia all’Eliseo, Anne-Marie Perez, nata in una famiglia pied-noir nel 1963 a La Rochelle, ha ritenuto che il presidente avesse “mostra accuratamente il dolore dei francesi in Algeria”. “Non so se possiamo cancellarlo, ma questo approccio è importante per poter finalmente essere orgogliosi di essere Pieds-noirs”ha detto all’Agence France-Presse.

Più cautamente, Jean-Félix Vallat, presidente della Camera degli agricoltori e dei francesi in Nord Africa, che rivendica 3.500 membri, ha affermato “soddisfatto” le parole del presidente mentre giudica che rimane “molte cose da fare”. Emanuele Macron “finalmente iniziato il riequilibrio” dal ricordo della guerra d’Algeria mentre tutte le mosse precedenti “essere nella direzione di quelli vicini all’FLN” Algeria, gli dispiace.

Ha fatto riferimento alla sua decisione di ammettere la responsabilità dell’esercito francese nella morte del giovane matematico comunista Maurice Audin e dell’avvocato nazionalista Ali Boumendjel nel 1957. Emmanuel Macron in seguito ha chiesto ” mi scusi “ per harki, assistente algerino dell’esercito francese, che “abbandonato” dalla Francia.

Bill, promulga questo ” mi scusi “ e prova a “riparare” danni subiti, sono attualmente all’esame del Parlamento e dovrebbero essere adottati entro fine febbraio. Questa serie di azioni commemorative sarà seguita dall’anniversario dell’accordo di Evian il 18 marzo, tre settimane prima del primo turno delle elezioni presidenziali. L’Eliseo ha annunciato che si stanno preparando con cura per questo anniversario in modo che “non essere tenuto in ostaggio” dalla politica.

Rodolfo Cafaro

"Inguaribile piantagrane. Professionista televisivo. Sottilmente affascinante evangelista di Twitter. Imprenditore per tutta la vita."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.