Tristezza in Europa dopo la morte di David Sassoli

Il presidente del Parlamento europeo è morto in Italia nella notte dal lunedì al martedì, una settimana prima della fine del suo mandato.

Fino alla fine, David Sassoli dall’Italia ti stupirà. Dalla sua elezione shock alla presidenza del Parlamento europeo, nel luglio 2019, all’annuncio della sua morte brutale, all’età di 65 anni. Il suo portavoce, Roberto Cuillo, ha condiviso la triste notizia in un messaggio pubblicato su Twitter. ” David Sassoli è morto l’11 gennaio alle 01:15 sul CRO (centro di riferimento oncologico, ndr)Aviano, Italia, dove è stato ricoverato in ospedale. In passato, in cura per la leucemia, David Sassoli era in condizioni di salute precarie. Nell’autunno del 2021 si è ritirato a causa di una polmonite. Lunedì abbiamo appreso del suo ricovero dal 26 dicembre, perché “gravi complicazioni dovute a danni al sistema immunitario “.

La scomparsa di questo ex giornalista di punta della televisione italiana – ha presentato il telegiornale RAI –, eletto in parlamento nel 2009 con i colori del Pd, è stata accolta con tristezza e delusione a Bruxelles e in molte capitali. “Ci manca già il suo calore umano, la sua generosità, cordialità e sorriso.“, ha sottolineato il presidente del Consiglio d’Europa, Charles Michel. La presidente della Commissione Ursula von der Leyen si rammarica “la terribile perdita di un grande europeo e di un orgoglioso italiano, di un premuroso giornalista, di un meraviglioso Presidente del Parlamento e soprattutto di un caro amico “.”David Sassoli è un simbolo di equilibrio, umanità e generosità ha detto il capo del governo italiano, Mario Draghi. “L’Europa ha perso un Presidente del Parlamento impegnato, l’Italia un politico saggio e la Germania un buon amico La reazione del cancelliere tedesco Olaf Scholz. “Il nostro sindacato ha perso contemporaneamente un patriota italiano, un grande europeo e un instancabile umanista“, ha twittato Emmanuel Macron.

Un mandato senza precedenti segnato da una crisi sanitaria

Si è concluso così un mandato senza precedenti segnato da una crisi sanitaria. All’inizio del 2020, David Sassoli si è battuto perché l’agenzia continuasse il suo lavoro, con dibattiti e televoto. Per mesi non ci sono state sessioni plenarie a Strasburgo. Desideroso di mantenere la sede del Parlamento europeo, ha più volte trattenuto la Commissione e gli Stati membri, preso finanziamenti aggiuntivi per alcuni programmi europei o avviato procedimenti legali contro la Commissione alla fine del 2021 per non aver sospeso i finanziamenti alla Polonia nonostante i ripetuti attacchi del paese alla indipendenza Giustizia.

Secondo un accordo raggiunto nel 2019 tra i tre maggiori partiti al Parlamento europeo – PPE, S&D e Renew – David Sassoli si dimetterà il 18 gennaio per cedere il suo seggio ai membri del PPE. I socialdemocratici volevano vederlo candidarsi ma ha deciso di mollare.

Salvo sorprese, Roberta Metsola di Malta, membro del PPE, dovrebbe essere eletta per sostituirla la prossima settimana. “Il mio cuore è spezzato. L’Europa ha perso un leader, io ho perso un amico, la democrazia ha perso un campione“, ha twittato il primo vicepresidente di questo Parlamento al quale spetta accertare provvisoriamente.

Rodolfo Cafaro

"Inguaribile piantagrane. Professionista televisivo. Sottilmente affascinante evangelista di Twitter. Imprenditore per tutta la vita."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.