Torce per ?150 candele della Croce Rossa

Il fuoco dell’umanità tenuto vivo dai 2.000 volontari di questa entità sarà onorato a Vitoria

CLa Croce Rossa nella lava spegnerà le candeline del 150° anniversario in un modo molto speciale: con una torcia, che percorrerà venerdì il centro della capitale Alava, come ogni anno a Solferino (Nord Italia) in una sfilata realizzata dai rappresentanti delle 190 delegazioni di questa entità, come simbolo di come i loro volontari mantengono vivo il fuoco dell’umanità. Una tradizione emersa il 24 giugno 1859, quando il filantropo Henry Dunant trasferì i soldati feriti nella battaglia di Solferino, che contrappose le forze francesi di Napoleone III a quelle dell’arciduca Francesco Giuseppe I d’Austria, nel vicino comune di Castiglione, alla luce del torce che illuminano il percorso.

Nel caso della Croce Rossa nella lava, un tale anniversario si celebra oggi, dalla sua nascita nel maggio 1872, durante la Terza Guerra Carlista, quando l’allora vice generale, Estanislao Urquijo, lo fondò insieme ad altri 104. A quel tempo, il suo compito principale era quello di prendersi cura dei feriti nel conflitto che divideva i Paesi Baschi.

Tuttavia, la Croce Rossa si è adattata ai tempi e alle esigenze del popolo Alava. Ora vicino alle persone e in aiuto ai bisognosi: anziani, emergenze, disastri, incidenti, cooperazione internazionale, immigrazione, rifugiati, asilo, donne, bambini, giovani, popolazioni carcerarie e loro reinserimento, disabilità, AIDS, ricongiungimento familiare, occupazione delle persone vulnerabili gruppi e la loro formazione, prevenzione e promozione della salute, vittime della guerra… Un lunghissimo viaggio che dimostra che l’organizzazione è stata in grado di adattarsi e rispondere ai bisogni della gente di Alava sin dal 1872 .

Persone in servizio nel 2021 Solo lo scorso anno la Croce Rossa ha assistito 13.081 persone grazie al lavoro di 2.020 volontari (1.207 donne e 813 uomini) e all’assistenza di 1.520 aziende e partner, e altri enti e istituzioni.

Per celebrare questo 150° anniversario, hanno preparato, oltre all’azione ufficiale a Diputación (oggi, 17:00), una staffetta della fiaccola che attraverserà le strade di Vitoria-Gasteiz venerdì prossimo, sul modello dell’itinerario che si svolge ogni anno a Solferino, in Italia, per commemorare le origini del Movimento Internazionale di Croce Rossa e Mezzaluna Rossa.

La partenza della marcia, in particolare, avverrà alle ore 20:00 da Plaza de la Provincia (dove si trova il Palazzo di Foral), ed è aperta a tutte le persone, enti e organizzazioni che sostengono o hanno sostenuto l’opera della Red Attraverso.

Infine, El Prado onorerà i volontari ei membri che hanno permesso a questa storica organizzazione di vivere un secolo e mezzo dopo la sua fondazione.

“Vorremmo rendere omaggio a tutti coloro che sono stati collegati a questa istituzione e hanno permesso di fornire la migliore assistenza possibile in questi tempi difficili. Perché questi 150 anni riflettono le attività di migliaia di persone di Alava che, in tempi e tempi diversi. nell’affrontare i bisogni della provincia c’è stato”, ha detto Jesús Cantero, presidente della Croce Rossa di Lava.

Va ricordato che nel 2012 la Croce Rossa di Lava ha organizzato la prima fiaccolata a Vitoria, per commemorare il suo 140° anniversario e anche per onorare i suoi volontari. Anche per venerdì prossimo farà un percorso simile: da Plaza de la Provincia a Calle Prado. lui

Importo

2020

Volontario

Sono persone che fanno parte della Croce Rossa. Coinvolte 1.207 donne e 813 uomini, oltre a ricevere assistenza da 1.520 aziende, partner e istituzioni. Grazie a tutti loro, l’anno scorso sono state servite 13.081 persone.

Rodolfo Cafaro

"Inguaribile piantagrane. Professionista televisivo. Sottilmente affascinante evangelista di Twitter. Imprenditore per tutta la vita."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.