Spagna agli EM 2021: Pedri ha battuto l’Italia in semifinale

La partita allo stadio di Wembley di Londra si era appena conclusa quando è diventato chiaro che l’allenatore della Spagna Luis Enrique non si sarebbe soffermato sulla tragedia. Invece lo metabolizzerà come un bicchiere d’acqua, e lascerà letteralmente il campo a testa alta. Anche con il sorriso sulle labbra, ha abbracciato i vincitori italiani e li ha abbracciati come fratelli prima di entrare nell’angolo dove erano ancora in piedi i tifosi spagnoli. Li elogiava con grande entusiasmo e chiara gratitudine.

Se vuoi tradurre il linguaggio del corpo in lettere, Luis Enrique trasuda esattamente quello che poi verbalizza: che le sue scelte spagnole hanno perso contro l’Italia ai rigori e quindi non sono riuscite a raggiungere la finale del Campionato Europeo, ma avevano un futuro. vinto. “Vincere è più divertente che perdere”, ha detto Luis Enrique. “Ma non è stata una notte triste. È stata una notte che, nella migliore delle ipotesi, ha ispirato un po’ di rimpianto in me”.

Thiago in Spagna solo come ruolo di supporto

Non c’è giocatore che Luis Enrique non voglia perdere nella sua lode; viene menzionato anche l’ex professionista del Bayern Thiago Alcantara, che era solo un’aggiunta a questo Campionato Europeo. Per l’atmosfera positiva che dà alla squadra internamente, anche se non è mai stato nell’XI titolare. Il “9′” che darà alla sua squadra, ha detto Luis Enrique quando gli è stata richiesta la pagella generale; secondo grado scolastico più alto, e l’unico motivo per cui non voleva assegnare un “10” era perché la sua scelta non è riuscita ad arrivare alla finale.

Ma altrimenti? Sembrava pensare a complimenti sfumati per ogni singolo giocatore. Ma dopo aver menzionato “veterinari come Busquets, Koke, Thiago…” si fermò e gridò una domanda retorica nel cielo notturno di Londra: “… chico come ha fatto Pedri?”

Il centrocampista delle Canarie, che ha pianto dopo la partita come un bambino, martedì ha appena ricevuto il suo passaggio al 100% dai compagni di squadra, e non è stato solo un passaggio di sicurezza orizzontale, ma un intervento con incredibile estro e ancora maggiore fiducia. Contro l’Italia. A Wembley.

Non aveva “mai visto Iniesta, nemmeno Don Andrés Iniesta” apparire in un torneo come Pedri, ha detto Luis Enrique, alludendo al marcatore spagnolo della finale della Coppa del Mondo 2010 che è ancora attivo (in Giappone). Ma anche questo confronto con l’icona del Barça non basta per l’allenatore: “Quello che Pedri ha mostrato in questo Europeo non l’ho mai visto da un 18enne agli Europei, ai Mondiali o alle Olimpiadi . È al di là di ogni logica.”

E forse non può essere chiamato senza storia semplicemente perché la svolta di Pelé ai Mondiali del 1958 arrivò all’età di 17 anni, quando Luis Enrique, 51 anni, non era nemmeno previsto. Il suo entusiasmo è stato alimentato non solo da Pedri, ma anche dal fatto che ci sono altri giocatori senza barba molto talentuosi, ad esempio l’attaccante 18enne Ansu Fati dell’FC Barcelona, ​​che questa volta si è dovuto diplomare per infortunio ed è ancora chiamato a interpretare la Spagna per guidare la tempesta sul firmamento infuocato.

È anche possibile correggere il difetto che la Spagna ha dovuto affrontare dall’inizio alla fine dell’Europeo come ha fatto contro lo shock in difesa: debolezza sotto porta.

Luis Enrique ha scatenato un vero nove contro l’Italia, un classico per molto tempo modus operandi, quando si parla di Italia. Hanno ottenuto la loro più grande vittoria contro l’Italia senza un “vero” centravanti: eliminando i difensori centrali, questa volta Bonucci e Chiellini, dal punto di riferimento e creando una serie di vantaggi a centrocampo.

“I giocatori hanno interpretato perfettamente il piano”, ha detto martedì Luis Enrique, in cifre: la Spagna aveva il 65% di possesso. Gli spagnoli hanno impedito alla sua squadra di giocare la partita di loro scelta, ha detto il Ct dell’Italia Roberto Mancini. Tuttavia: dopo l’Italia guidata da Federico Chiesa (60), la Spagna aveva bisogno di un centravanti per pareggiare.

All’80’ lvaro Morata e Dani Olmo si sono ritrovati, il Lipsia ha mandato Morata sulla sua strada con l’unico passaggio possibile e il modo in cui Morata ha sparato al portiere dell’Italia Gianluigi Donnarumma è stato freddo e commovente. Solo un altro pugno che non sarebbe seguito. La conseguenza: un rigore in cui, tra tutti, i due complici del gol sono diventati i tragici eroi.

Olmo inizia come primo spagnolo (dopo il fallimento di Locatelli) e il Lipsia lancia il pallone tra le nuvole. Dopo che Bonucci e Bernadeschi hanno segnato per l’Italia e Gerard Moreno e Thiago per la Spagna, Morata, criticato l’ultima volta e che aveva sbagliato un rigore nella partita contro la Polonia, ha sbagliato.

Jorginho, che non è stato visto per tutta la partita se non mentre cercava disperatamente di attingere acqua dal calcio dell’italiano per impedirne il ribaltamento, ha ingannato Unai Simón. E il portiere Simon ha applaudito con grazia mentre l’italiano dal Brasile ha festeggiato. Gli applausi, oltre a dimostrare ancora una volta che la Spagna sta crescendo di fronte a avversarie storiche (pensate 6-0 contro la Germania nel 2020), rappresentano ciò che durerà in questo torneo: “Grandezza”, come dicono gli italiani, in un momento di amarezza la sconfitta.

“Quante volte ho visto bambini e giovani”, esordisce Luis Enrique, mentre indossa un maglione rosso acceso dietro un cartellone pubblicitario rispondendo alle domande di diversi giornalisti radiofonici, “ma nello sport devi essere in grado di vincere e perdere”, ha detto lo scettico in Spagna che ha guardato a lungo Luis Enrique, che avrebbe voluto che l’italiano avesse il titolo come se fosse il loro primo tifoso.

“L’avversario ha vinto e non importa se lo merita”, ha detto Luis Enrique. “Ma devi insegnare ai più piccoli che non devi piangere quando perdi, devi fare i complimenti ai tuoi rivali e riprovare nel prossimo torneo”. La prossima tappa si chiama “World Cup Qatar 2022” e sembra che la Spagna, che ha vinto l’ultimo titolo a Euro 2012, sia attesa di nuovo. “Abbiamo attraversato il deserto per nove anni, ma ora siamo tornati”, dice Luis Enrique.

Rodolfo Cafaro

"Inguaribile piantagrane. Professionista televisivo. Sottilmente affascinante evangelista di Twitter. Imprenditore per tutta la vita."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.