Sinisa disse: Lascia che Deki resti dieci anni e io verrò.

L’allenatore della Stella Rossa Dejan Stankovic ha vinto il campionato per la terza volta consecutiva.


Fonte: B92

Dopo la vittoria contro il Voždovac e la celebrazione di un nuovo titolo, Stankovic ha raccontato l’intera stagione e toccato alcuni aneddoti.

Ha anche menzionato Siniša Mihajlovi, che una volta disse che sarebbe venuto a Zvezda dopo Stankovic.

Posso solo congratularmi con le persone che hanno fatto del loro meglio e al massimo livello. Ci hanno creduto anche quando molti non lo hanno fatto, ho detto che dopo la partita era meno 11 nel primo tempo a Novi Sad, e dopo la partita era meno otto. Delle due partite che non abbiamo giocato, abbiamo commesso un errore in una partita e siamo meno cinque Abbiamo iniziato questa primavera da favola e solo noi sappiamo cosa abbiamo passato Non lo dico, abbiamo sofferto, ho sofferto dentro di me Forse ho sbagliato uno dei momenti più difficili, non è lo sceriffo, figuriamoci sono scontroso. Potrei pescare lo stesso sceriffo e pareggiare contro Surdulica (1:1) dove siamo andati a meno cinque. Se riassumo tutto l’anno, do medaglie ai “delis”, perché meritano quella medaglia, da parte mia, perché se non per loro, chissà se avrò la possibilità di vincerla.ha detto Stankovic.

Ho detto molte volte che è successo tutto nella mia testa l’estate scorsa. Grazie a Dio sono rimasto, grazie Delija, grazie al club per aver creduto, grazie ai miei giocatori e allo staff professionale, sono stati dietro di me, è vero. Non facile. Dopo Surdulica, quel dicembre e meno cinque, non siamo abituati ad essere un club in meno, quindi penso che quest’anno sia speciale, è stato il più difficile degli ultimi cinque, ma anche il più bello, perché è stato giocato fino al ultimo minuto. migliaia di persone, lo so e credo. Tutti noi vogliamo scrivere la storia e fare una svolta seria da raccontare. Siamo riusciti a raccogliere le forze, fare preparativi fenomenali, ad allacciare e sottolineare ancora che solo noi sappiamo.C’è un aneddoto che ho visto Zvezdan Terzic il 19 dicembre a Sveti Nikola, allo stadio Zvezda, era domenica, alle sei di il pomeriggio, tutti e due, incontri seri e diretti, anche difficili, non li prenderò, ma li inseguiamo Ci alziamo, ci abbracciamo, ci teniamo e da loro ho protezione, tanti consigli, il vento sul mio indietro e siamo riusciti a scrivere la storia”, ha aggiunto lo stratega biancorosso.

“Prima devi convincerti che ce la puoi fare, poi devi convincere i giocatori, oltre ai tifosi e alla società. Devi convincere tutti che meno cinque è impossibile. La coreografia la vedi nei film. derby , quindi ci credono. Ti dà forza. Come arrenderti, non hai il diritto di arrenderti, vai fino alla fine. Cioè, sono orgoglioso di tutto ciò che mi circonda, di tutti quelli che mi sono accanto, di tutti tu, staff professionale, Zvezdan Terzic, Mitar Mrkel, il nostro presidente Svetozar Mijailovic, la nostra leggenda Dragan Džajić, un’altra stella di Zvezda, Vladimir Petrović Pižon, per tutti quelli che erano lì. Ogni loro consiglio vale oro, sono persone che hanno trascorso decenni qui alla Stella Rossa e sapere come sbarazzarsene e sapere e come ottenerlo Tutti questi suggerimenti valgono il peso È una combinazione strana, non sto parlando fico fino al 3 dicembre quando sono tornato a casa, dovevo solo dimenticarmene. Poi è iniziato tutto da Natale. hanno instillato un’energia incredibile, mi hanno visto, mi hanno rilasciato per dimenticarmi, per tornare in me con il loro aiuto e supportare sia Ana che i suoi amici. La pace e la sicurezza che ho, non si possono descrivere a parole, il set deve essere completato perché tu reagisca e ti convinca, per stare in prima fila, perché il gruppo ti segua. Dopo Crvena zvezda, non ho più dovuto fare l’allenatore, sono solo felice che ci stiamo avvicinando alle parole di Siniša Mihajlovi, se si ricorda la sua intervista quando ha detto: “Lascia che Deki rimanga per dieci anni e poi io lo seguirò”, quindi siamo sulla strada giusta”, ha detto Stankovic.

Ricorda anche come ha vinto il titolo italiano da giocatore.

“È fenomenale. Sono davvero esausto, la partita mi prosciuga le emozioni, ti passa tutto per la testa ma ci fidiamo di te, abbiamo fatto grandi cose insieme. La pressione si fa sentire, cerco di trasmettere ai giocatori l’esperienza che ho. quando gioco a calcio. “Cento anni fa ho preso tre scudetti nel secondo tempo, li ho persi nel secondo, ma li ho presi nel secondo. Dobbiamo essere pronti da luglio a fine maggio, per ogni pallone, niente relax. “ ha concluso Stankovic.

Seguici su di noi Facebook io Instagram pagina, Indonesia Account e unisciti a noi Viber pubblico.

Romana Giordano

"Scrittore estremo. Appassionato di Internet. Appassionato di tv freelance. Appassionato di cibo malvagio. Introverso. Pensatore hardcore. Futuro idolo degli adolescenti. Esperto di bacon."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.