Si dice che un uomo abbia violentato la propria figlia per decenni

Il caso ricorda in qualche modo il caso di Josef Fritzl: a Monaco è stato processato un uomo che si dice abbia violentato la propria figlia per decenni e con lei abbia persino avuto un figlio.

Si dice che abbia abusato di sua figlia da bambino, l’abbia violentata ripetutamente da adulto e abbia persino generato un figlio con lei.

Un esperimento iniziato lunedì a Monaco che ricordava in qualche modo l’esperimento austriaco di Josef Fritzl. Un uomo di 75 anni è stato processato per aver violentato sua figlia 288 volte.

E questa potrebbe essere solo la punta dell’iceberg. Vengono perseguiti solo i casi che non sono stati vietati dalla legge e per i quali sono responsabili i tribunali tedeschi. Perché una famiglia italiana ha vissuto in Sicilia per molti anni. Quello che potrebbe succedere sarà di competenza delle autorità italiane.

Secondo i pubblici ministeri, il siciliano avrebbe iniziato a molestare la figlia quando era piccola e aveva solo sette anni. Alla fine degli anni ’90, la donna, che secondo l’ufficio del pubblico ministero, ora ha circa 50 anni, avrebbe avuto un figlio dal proprio padre.

Il vecchio smentisce le accuse: “Non è vero, per niente”, ha spiegato all’inizio del processo di lunedì davanti al tribunale distrettuale di Monaco I. “Voglio dire che è tutta una bugia”.

Si riferiva a sua figlia come a una figliastra. Non ha negato di aver fatto sesso con lei. “Gli ho chiesto se era interessato”, ha detto. “Non l’ho mai violentata”. Tutto è “volontario”. E se c’è stato un atto sessuale nella sua infanzia, è stata sua figlia a giacere tra lui e sua moglie sul letto matrimoniale.

Memorie del caso Fritzl

La figlia è stata “soggetta a regolari aggressioni sessuali e fisiche da parte del padre” per decenni fino a quando l’uomo è stato arrestato nel novembre 2020, secondo l’accusa, che accusa l’uomo di stupro in 288 casi.

Questo caso ricorda in qualche modo il caso dell’austriaco Josef Fritzl, che nel corso dei decenni ha violentato ripetutamente sua figlia, l’ha rinchiusa in un appartamento sotterraneo e ha avuto diversi figli con lei.

A differenza di Fritzl, tuttavia, l’imputato a Monaco non aveva bisogno di una prigione per il suo crimine, secondo il pubblico ministero. Il padre non solo picchia e violenta ripetutamente la figlia, ma “sorveglia quasi completamente ogni area della sua vita”. Si è assicurato di “isolare sistematicamente la parte lesa dal suo ambiente fin dall’infanzia, in modo che non potesse stabilire legami sociali a lungo termine con nessuno diverso dall’accusato”.

Se entrava in contatto con un compagno di classe o un collega, si diceva che suo padre lo picchiava ancora e ancora. Si dice che l’abbia lasciata al lavoro e l’abbia aspettata sulla porta fino a quando non avesse finito di lavorare. Secondo l’accusa, ha trascorso tutto il suo tempo libero con lei, fotografandola attraverso la vetrina di un negozio al lavoro, controllandole il cellulare e la posta elettronica. Il pm ha parlato di “un clima di violenza e disperazione vecchio di decenni”.

Alla fine, è stata la famiglia della donna a mettere fine al presunto abuso e a chiamare la polizia. Il tribunale regionale di Monaco I ha fissato un’udienza di quattro giorni per il processo. Pertanto, il verdetto potrebbe cadere il 26 gennaio.

dpa

urna:newsml:dpa.com:20090101:220117-99-739280/3

Rodolfo Cafaro

"Inguaribile piantagrane. Professionista televisivo. Sottilmente affascinante evangelista di Twitter. Imprenditore per tutta la vita."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.