Severa punizione per l’ex sindaco della Calabria, figura nell’accoglienza dei migranti

L’ex sindaco di Riace di Calabria (sud), Domenico Lucano – per un certo tempo figura simbolo dell’accoglienza e dell’integrazione dei migranti in Italia – è stato condannato giovedì in primo grado a oltre 13 anni di reclusione. Vicino a sinistra, Domenico Lucano, che dagli anni 2000 accoglie migranti nel suo paese abitato, la Calabria (meridionale), con l’obiettivo di rilanciare edilizia e posti di lavoro, è stato arrestato nell’autunno del 2018 e posto agli arresti domiciliari. .

Non sono stati diffusi i dettagli della sentenza di giovedì annunciata dal tribunale di Locri alla stampa. Ma Lucano è specificamente accusato di organizzare matrimoni per aiutare le donne a cui è stato negato l’asilo a rimanere in Italia. È anche accusato di aver ignorato il bando per affidare la gestione dei rifiuti nel suo villaggio di 1.800 persone a una cooperativa che si occupa di migranti. Il Comune di Riace è finanziato da anni con fondi europei e italiani. Secondo i media italiani, Domenico Lucano è stato condannato a restituire 500.000 euro da fondi europei.

I pubblici ministeri hanno chiesto quasi 8 anni di carcere per l’ex membro del consiglio comunale, che si è detto sorpreso dalla sua condanna molto più dura annunciata giovedì. “Spero di essere rilasciato. Sarò per sempre segnato da azioni che non ho fatto“, ha reagito. I suoi avvocati hanno annunciato che presenteranno ricorso in primo grado contro questa sentenza, sottolineando che l’ex sindaco non ha avuto guadagni monetari in questo caso. Notevole nel 2010 come terzo “miglior sindaco del mondo“, citato tra le 100 figure più influenti della rivista Fortune nel 2016, Lucano ha ispirato un documentario di Wim Wenders e un film per la TV.


GUARDA ANCHE – Accoglienza migranti: “Cristo parla alle coscienze individuali e non ai governanti”

Rodolfo Cafaro

"Inguaribile piantagrane. Professionista televisivo. Sottilmente affascinante evangelista di Twitter. Imprenditore per tutta la vita."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.