Secondo Moody’s, le restrizioni alla capacità di Nord Stream aumenteranno il rischio di tagli all’offerta

Rinnovare: 01/08/2022 17:58
Rilasciato da:

Londra – La recente riduzione della fornitura del gasdotto Nord Stream 1 a circa il 20% della capacità aumenta il rischio di un’interruzione totale delle forniture di gas russo ai paesi europei. Austria, Repubblica Ceca, Germania, Ungheria, Italia e Slovacchia sono alcuni dei paesi che affrontano la maggiore minaccia in questo contesto. Lo ha annunciato oggi l’agenzia di rating internazionale Moody’s Investors Service.

“Abbiamo rivisto al ribasso le nostre previsioni macroeconomiche di base per diverse economie dell’Unione europea per tenere conto dei rischi fluttuanti dell’offerta, nonché delle recenti tendenze della crescita economica, delle politiche e dei tassi di interesse”, ha affermato Kelvin Dalrymple di Moody’s. Ha sottolineato che l’effetto di un’interruzione dell’approvvigionamento di gas russo sulle valutazioni del merito creditizio differirà in modo significativo da paese a paese.

Secondo Moody’s, questo impatto dipenderà dalla capacità generale di resistere agli shock, in particolare dalla diversificazione e adattabilità di una particolare economia e dalla situazione del bilancio statale. “Ad esempio, la Germania ha un profilo creditizio molto più resiliente rispetto ad altri paesi europei che fanno affidamento sul gas russo, mentre i paesi dell’Europa centrale e orientale e l’Italia hanno una resilienza economica inferiore”, ha affermato Moody’s.

Lo scenario di base di Moody’s per l’economia della zona euro, che non presuppone un’interruzione totale dell’approvvigionamento di gas russo, prevede ora un aumento del 2,2% del prodotto interno lordo (PIL) dei paesi che utilizzano l’euro quest’anno. Il prossimo anno, si aspetta che la crescita rallenti allo 0,9%. A maggio, Moody’s prevede che l’economia della zona euro crescerà del 2,5 per cento quest’anno e del 2,3 per cento l’anno prossimo.

Il Nord Stream 1 trasporta il gas dalla Russia alla Germania lungo il fondo del Mar Baltico ed è la principale via di approvvigionamento di gas russo verso l’Unione Europea. La Russia ha giustificato i tagli alle forniture con le sanzioni europee che hanno ritardato la riparazione delle turbine dei gasdotti. I tedeschi parlano di giochi di potere, rifiutando le argomentazioni con le turbine.

Europa Russia economia gas finanza Moody’s

Franco Fontana

"Fanatico della musica amatoriale. Ninja dell'alcol. Piantagrane impenitente. Appassionato di cibo. Estremamente introverso. Nerd di viaggio certificato."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.