Scelti dal papa, i migranti lasciano Cipro per l’Italia

Giorni prima di Natale, giovedì sei richiedenti asilo hanno lasciato Cipro per l’Italia, dove sperano di iniziare una nuova vita, sostenuti dalla comunità cattolica dopo la visita di papa Francesco nell’isola del Mediterraneo all’inizio di dicembre. Secondo fonti vaticane, il primo gruppo di dieci migranti provenienti da Cipro dovrebbe arrivare a Roma entro giovedì per le cure in Italia. Questo trasferimento è stato coordinato dalla comunità di Sant’Egidio, che organizza regolarmente operazioni di questo tipo attraverso il corridoio umanitario. I migranti dovrebbero essere ricevuti venerdì in Vaticano in udienze private. Le autorità cipriote hanno indicato la loro parte che “12 dei 50 richiedenti asilo selezionati durante la visita di papa Francesco“è andato”essere accolto in Vaticano».

Contattati in più occasioni, né il Vaticano né la Comunità di Sant’Egidio hanno risposto alle richieste dell’Afp. La nazionale somala Hinda Warsame, 25 anni, e le sue sorelle Naïma e Fadoumo, 22 e 19 anni, avrebbero dovuto partire mercoledì. I tre fratelli sono cresciuti in Arabia Saudita prima di essere deportati in Somalia, un paese afflitto da una forte instabilità politica. precedentemente “incuboricorda indù. Molto incitante a sposarsi contro la sua volontà di”proteggere“sua sorella e di sottoporsi all’escissione, rifiutò, credendo che se avesse ceduto a questa pratica, i suoi parenti avrebbero insistito”lo stesso per sua sorellaUtilizzando visti per studenti, i tre fratelli sono fuggiti nella Repubblica Turca di Cipro del Nord (TRNC), un’entità riconosciuta solo da Ankara, che occupa il terzo settentrionale di Cipro.L’isola è stata divisa dal 1974 dopo l’invasione turca, in risposta a un colpo di stato guidato dal regime del colonnello ad Atene.

Le sorelle Warsame sono poi entrate clandestinamente attraverso la Linea Verde che divide l’isola e nella Repubblica di Cipro dell’Unione Europea, che secondo le statistiche europee ha il più alto tasso pro capite di richiedenti asilo.

‘Senza futuro’

Quando ha saputo di essere stata scelta per stabilirsi in Italia, Hinda non ha “senza dormire per una settimana“, ha assicurato. “Sono musulmano ma ammiro molto il papa e la Chiesa cristiana ha deciso di aiutarci.Tra coloro che si preparano a partire per l’Italia c’è Issa Chamma, 37 anni, fuggito dalla Siria con la sua famiglia nel vicino Libano nel 2017.nessun futuro per i miei figli lì“, si rammaricò. Mentre stava salpando per Cipro, le autorità cipriote intercettarono la sua barca e lo separarono dai suoi tre figli, di 12, 9 e 2 anni.

Come decine di altri rifugiati sulla nave, i suoi figli sono stati rimandati in Libano mentre Chamma, per motivi di salute, è stata trasferita in un ospedale di Cipro. Ora spera di portare i suoi figli in Italia. Anche lui musulmano, il sig. Chamma ha ringraziato il papa e l’Italia. “Nessun paese arabo (…) ci accetta come rifugiati. I paesi occidentali hanno aperto le loro porte a noi e ai nostri figli.»

“Sii paziente”

Pronti a partire anche Grace Enjei, 24 anni, e Daniel Ejube, 21 anni, arrivano a Cipro dopo aver dovuto fuggire dal Camerun, tormentato da violenti scontri comunali. “La situazione a casa è davvero terribile (…) non siamo al sicuro“Il signor Ejube ha spiegato, dicendo che la milizia di lingua inglese voleva registrarlo e il suo rifiuto di metterlo in pericolo. Dalla fede cristiana, due camerunesi si sono detti molto felici e “carostato scelto dal papa.

Se Grace spera di continuare i suoi studi in Italia, Daniel spera di diventare un calciatore, anche se lo ammettenon so niente del calcio italianoNonostante le difficoltà incontrate, Grace Enjei non riuscì a scoraggiare altri candidati a una vita migliore.mantieni la calma e abbi pazienza“, consigli.

Rodolfo Cafaro

"Inguaribile piantagrane. Professionista televisivo. Sottilmente affascinante evangelista di Twitter. Imprenditore per tutta la vita."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.