Salvini e Berlusconi si sono rifiutati di discutere con Mosca della caduta del governo. I media italiani hanno scritto di una telefonata con la Russia iRADIO

I leader dei due partiti di estrema destra italiani, Matteo Salvini e l’ex presidente del Consiglio Silvio Berlusconi, hanno negato di aver discusso della caduta del governo del presidente del Consiglio Mario Draghi con i rappresentanti dell’ambasciata russa a Roma. I quotidiani La Stampa e La Repubblica hanno scritto del contatto di destra italiana e leghista con l’ambasciata russa. Le forze di centrosinistra chiedono un’indagine sul ruolo che Mosca potrebbe aver giocato nel crollo della coalizione di governo, ha scritto l’agenzia EFE venerdì.




Roma

Condividi su Facebook




Condividi su Twitter


Condividi su LinkedIn


Stampa



Copia l’indirizzo URL




Indirizzo abbreviato





Chiudere




Silvio Berlusconi, ex presidente del Consiglio e capo dell’Upper Italia | Foto: Max Rossi | Fonte: Reuters

Venerdì il quotidiano La Repubblica ha scritto, che Berlusconi ha avuto una lunga conversazione telefonica con l’ambasciatore russo Sergey Razov mercoledì 20 luglio, il giorno prima dell’importante voto di fiducia contro il governo. Secondo il quotidiano, Berlusconi avrebbe poi informato ministri e massimi rappresentanti del suo partito in Italia dell’intervista, che copriva, tra l’altro, la guerra in Ucraina.

Tuttavia, venerdì l’ex primo ministro ha negato le informazioni del quotidiano. “Non ho mai incontrato l’ambasciatore russo e non gli ho mai parlato al telefono”, ha detto Berlusconi all’ANSA.

Giovedì, il quotidiano La Stampa ha riferito dei legami tra l’ambasciata russa e un altro grande partito di estrema destra, la Lega.


Il presidente italiano scioglie il parlamento in risposta alle dimissioni di Draghi, lasciando il Paese alle elezioni anticipate

Leggi gli articoli


Secondo testimoni dei servizi segreti incontrati dal quotidiano, Antonio Capuano, consigliere di politica estera del capo della Lega, Matteo Salvini, ha incontrato a maggio i diplomatici russi. Stanno cercando di ottenere da lui informazioni sulle condizioni alle quali la Lega lascerà il governo, scrive il quotidiano La Stampa.

“Sono stronzate”, ha detto Salvini. In precedenza aveva preso atto dei contatti con l’ambasciata russa in aprile e maggio, quando intendeva recarsi a Mosca per “negoziare la pace”. L’ambasciata russa ha persino acquistato un biglietto aereo da Istanbul a Mosca per il capo della Lega, perché il politico italiano sarebbe privo di rubli. Tuttavia, Salvini alla fine non ha viaggiato sotto la critica dei media.

Franco Gabrielli, coordinatore dei servizi segreti italiani, ha smentito giovedì che le informazioni rilasciate al quotidiano La Stampa provenissero dai servizi segreti. Ma il quotidiano torinese ha insistito sul fatto che si riferisse a un rapporto informale inviato dai servizi segreti al più alto funzionario costituzionale.

Richieste da potenze straniere?

Sia Salvini che Berlusconi in passato erano vicini alla Russia. Salvini ha elogiato il presidente russo Vladimir Putin, che Berlusconi ha ospitato durante le sue vacanze estive nella sua villa in Sardegna. Tuttavia, Salvini ha respinto l’aggressione contro l’Ucraina e Berlusconi ha affermato che Putin lo aveva deluso per la sua decisione di attaccare un paese vicino.

Sia la Lega che Rise Italia, insieme al Movimento Cinque Stelle, una settimana fa non hanno votato per la fiducia al gabinetto di Draghi, che alla fine ha portato alle dimissioni del presidente del Consiglio e alla richiesta di elezioni anticipate che si terranno il 25 settembre.

Rappresentanti delle forze di centrosinistra hanno chiesto un’indagine sui contatti dei rappresentanti dei partiti di destra con l’ambasciata russa. “Vogliamo sapere se chi ha fatto cadere il governo Draghi lo ha fatto su richiesta di potenze straniere”, ha detto il capo del Pd Enrico Letta.


Preoccupazioni per i rifugiati e aumento dei prezzi della benzina. La campagna di disinformazione russa colpisce l’Europa orientale

Leggi gli articoli


Il politico di sinistra ha ripetuto più volte questa settimana i suoi timori che Mosca possa tentare di influenzare il voto italiano diffondendo disinformazione ed esortando le forze di sicurezza a essere vigili. Una parte dei rappresentanti del partito di Berlusconi Up Italy ha identificato i contatti tra Berlusconi e la Russia come uno dei motivi per lasciare il partito dopo la caduta del governo.

Il campionato italiano e Vzhůru sono tra i favoriti per le elezioni di inizio settembre nel blocco negoziato con il partito di estrema destra Fratelli d’Italia. Lo dimostrano i sondaggi pubblicati sui media nei giorni scorsi. Sottolineano che i blocchi elettorali avranno un grande vantaggio nella distribuzione dei collegi uninominali, che costituiscono i tre ottavi dei seggi in parlamento.

Venerdì, le tre parti hanno annunciato un accordo sulla distribuzione dei candidati in queste circoscrizioni. Il candidato primo ministro deve quindi essere il leader del partito che ottiene il maggior numero di voti nel blocco.

CTK

Condividi su Facebook




Condividi su Twitter


Condividi su LinkedIn


Stampa



Copia l’indirizzo URL




Indirizzo abbreviato





Chiudere




Franco Fontana

"Fanatico della musica amatoriale. Ninja dell'alcol. Piantagrane impenitente. Appassionato di cibo. Estremamente introverso. Nerd di viaggio certificato."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.