Russia: Gazprom annuncia la cessazione della fornitura di gas alla Finlandia

compagnia russa Gazprom ha ufficialmente annunciato la sua interruzione gas naturale a Finlandia. Dopo che lo stato si rifiuta di pagare rublo la commissione da cui ha ricevuto Russiagli ha chiuso il rubinetto del gas, confermando quanto precedentemente affermato dalla società finlandese di gestione del sistema di trasporto del gas Gasgrid Finland.

La Russia, con un decreto presidenziale firmato il 31 marzo, chiede che i cosiddetti “paesi amici”, compresi i paesi dell’UE, paghino il gas in rubli. Questi sono i paesi che hanno accettato di imporre sanzioni alla Russia a causa di ciò la sua invasione dell’Ucraina il 24 febbraio.

In Finlandia, è probabile che la mancata fornitura abbia un impatto limitato sulla sua economia, poiché il carburante rappresenta solo il 5% circa del mix energetico. Quella fornitura ricevuto viene utilizzato principalmente dalle fabbriche e non per il riscaldamento come avviene nella maggior parte dei paesi europei.

QUELLO Finlandiadopo Polonia e Bulgariaè diventato il terzo paese in Europa a rifiutarsi di pagare l’ingresso rublo Russia. Il Cremlino nega le accuse di utilizzare forniture di gas come mezzo di estorsione. Va tenuto presente che dopo l’intenzione ufficiale della Finlandia di aderire alla NATO, la Russia ha risposto sospendendo le esportazioni di elettricità.

I paesi europei erano divisi su come affrontare la richiesta di Mosca di fine marzo che tutti i pagamenti del carburante fossero effettuati in rubli e le utility hanno risposto alla sfida in modo diverso. La Russia ha dichiarato giovedì che circa la metà dei suoi clienti stranieri Gazprom soddisfare la richiesta e aprire un conto in rubli, senza nominare alcuna società.

Come pagano gli altri paesi europei

L’Italia converte gli euro in rubli, quindi non ha problemi con la quantità di gas naturale necessaria per soddisfare il proprio fabbisogno. Come è noto, italiano ENI ha annunciato di aver avviato il processo di apertura di due conti con Gazprombank. Un conto sarà in euro e l’altro in rubli, aggiungendo che 48 ore dopo il deposito, gli euro saranno convertiti in rubli.

In un comunicato stampa, la società ha affermato che le nuove procedure “non sono in conflitto con le sanzioni esistenti” e per ora non dovranno affrontare le normative europee per cercare di fermarle.

E Tedesco compagnia energetica RWE (RWEOY) ha dichiarato alla CNN Business di aver aperto un nuovo conto bancario per pagare le importazioni di gas russe, tuttavia non rivelare a quale banca.

“Siamo pronti a pagare in euro e abbiamo aperto un conto adeguato”, ha detto un portavoce dell’azienda.

“Pertanto, agiamo in conformità con le normative europee e tedesche”.

Francia Engie (ENGIY) ha anche affermato di aver trovato un compromesso con Gazprom.

Il gas russo rappresenta circa il 20% del consumo di gas naturale dell’azienda.

“Stiamo cercando una soluzione che ci permetta di pagare, utilizzando la valuta del contratto, che Gazprom sembra accettabile e che rispetti le sanzioni dell’UE, almeno per come la intendiamo noi”, ha affermato Catherine McGregor.

McGregor ha detto che il prossimo pagamento del gas di Engie era imminente, ma non ha detto se aveva aperto o intendeva aprire un conto presso Gazprombank.

QUELLO distributori tedeschi gas naturale Uniper Ha detto il mese scorso che avrebbe continuato a pagare le forniture russe in euro, ma ha aggiunto che credeva che fosse possibile “la conversione dei pagamenti ai sensi della legge sulle sanzioni”.

Tuttavia, l’Europa ha proposto di ridurre i consumi gas russo del 66% alla fine di quest’anno.

Xaviera Violante

"Premiato studioso di bacon. Organizzatore. Devoto fanatico dei social media. Appassionato di caffè hardcore."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.