“Putin è stato incoraggiato dai ministri, dal partito e dal popolo russi…

Il presidente russo Vladimir Putin è stato “spinto” nella guerra contro l’Ucraina per formare un nuovo governo a Kiev, ha detto giovedì scorso l’ex primo ministro italiano Silvio Berlusconi, in commenti che potrebbero preoccupare gli alleati occidentali in vista delle elezioni in Italia.

Non è nuovo per Berlusconi, il cui partito Forza Italia fa parte di una coalizione di estrema destra che dovrebbe vincere le elezioni generali di domenica, difendere le azioni di Putin in Ucraina. I suoi commenti evidenziano le crepe nella coalizione durante la guerra.

Berlusconi, amico personale del leader russo, ha minimizzato gli istinti pro-guerra di Putin dopo aver minacciato di usare armi nucleari dopo la battuta d’arresto in Ucraina: “Putin è stato spinto dal popolo russo, dal suo partito, dai suoi ministri a creare questo speciale operazione”, ha detto Berlusconi, usando la parola -parola ufficiale russa per guerra.

Sotto il primo ministro Mario Draghi, l’Italia è stata un convinto sostenitore delle sanzioni occidentali contro la Russia in risposta alle sue azioni in Ucraina.

Giorgia Meloni delle Sorelle Italiane di estrema destra, che dovrebbe diventare il prossimo primo ministro, ha promesso di rimanere in carica, ma Berlusconi e l’altro suo alleato Matteo Salvini sono più indecisi.

I piani della Russia inizialmente erano di prendere Kiev “entro una settimana”, sostituendo il presidente ucraino Volodymyr Zelensky con un “vero governo popolare” e lasciandolo “entro una settimana”, ha aggiunto. “Non capisco nemmeno perché le truppe russe siano dispiegate in Ucraina, quando nella mia mente dovrebbero semplicemente aggirarsi per Kiev”, ha detto Berlusconi.

Xaviera Violante

"Premiato studioso di bacon. Organizzatore. Devoto fanatico dei social media. Appassionato di caffè hardcore."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.