Putin è pronto ad affrontare la crisi alimentare: la condizione resta la revoca delle sanzioni

Draghi ha poi affermato che in una conversazione con uno statista russo, ha notato la generale volontà di Putin di trovare soluzioni alla crisi alimentare. Discuterà l’argomento anche telefonicamente con il presidente ucraino Volodymyr Zelensky. Secondo il presidente del Consiglio italiano, la telefonata con Putin è avvenuta su iniziativa della Roma.

“Sento che è mio dovere prendere (l’iniziativa) per la gravità della crisi umanitaria che può colpire le persone più povere del pianeta”, ha detto Draghi. Ha aggiunto che Putin gli aveva detto che le sanzioni anti-russe erano responsabili della crisi alimentare.

“Vladimir Putin ha sottolineato che la Federazione Russa è pronta a dare un contributo significativo per risolvere la crisi alimentare esportando cereali e fertilizzanti. Dipende dal rilascio di sanzioni politicamente motivate in Occidente”. ha detto il Cremlino in una nota.

Alla domanda se durante la telefonata avesse ascoltato le speranze di Putin di riprendere i colloqui di pace tra Mosca e Kiev, Draghi ha detto di no, ha riferito il DPA.

Dopo aver bloccato militarmente la vicina Ucraina alla fine di febbraio, la Russia ha bloccato i porti ucraini del Mar Nero, rendendo impossibile per il paese esportare il suo grano. In questo contesto, l’ONU ha avvertito della carestia in alcuni paesi poveri, poiché l’Ucraina è stata uno dei maggiori esportatori mondiali di grano, mais e olio di girasole fino alla guerra. L’invasione russa ha interrotto questa fornitura e, ad esempio, centinaia di migliaia di tonnellate di grano si sono accumulate nei magazzini portuali di Odessa.

Kiev accusa Mosca di ricatto in relazione alle richieste di sgravio delle sanzioni. Era preoccupato per un’altra condizione in Russia, vale a dire il disinnescare le mine costiere ucraine, che avrebbe consentito la creazione di corridoi per le navi mercantili. Allo stesso tempo, tuttavia, l’Ucraina potrebbe aprire la strada alle truppe russe, ha scritto il DPA.


Cari lettori, per il termine della trasmissione online di oggi dall’Ucraina, si ricomincerà in mattinata. Vi auguriamo la buona notte.


“L’attuale attacco degli occupanti nel Donbas potrebbe facilmente ridurre la popolazione della regione. “Tutto questo, compresa la deportazione del nostro popolo e il massacro di civili, è una chiara politica di genocidio perpetrata dalla Russia”. ha detto il presidente ucraino Volodymyr Zelensky. “Ogni giorno ritardi, debolezze, disaccordi o proposte per placare l’aggressore a spese delle vittime significano che sempre più ucraini vengono uccisi”. il canale lo cita Trucha.


“L’occupazione della centrale idroelettrica di Kachovka rappresenta una minaccia di inondazioni per le città e i villaggi vicini”, ha avvertito lo Stato Maggiore dell’Ucraina su Twitter. Sotto la diga sul Dnepr inferiore c’è, ad esempio, Kherson.

Vedi tutto in linea

Franco Fontana

"Fanatico della musica amatoriale. Ninja dell'alcol. Piantagrane impenitente. Appassionato di cibo. Estremamente introverso. Nerd di viaggio certificato."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.