Putin chiede le vostre sanzioni, dice l’ambasciatore russo

Tatarincev ha rivolto ad Aftonbladet una conversazione abbastanza franca mentre gli Stati Uniti hanno iniziato a ritirare i loro diplomatici dalla missione dell’Organizzazione per la sicurezza e la cooperazione in Europa (OSCE) nell’Ucraina orientale, temendo un'”inevitabile” invasione russa nel prossimo futuro.

Secondo Tatarincev, la possibilità di sanzioni non influirà in modo significativo sull’economia russa. “Siamo più indipendenti e in grado di aumentare il volume delle esportazioni. Non abbiamo formaggio italiano o svizzero, ma abbiamo imparato a fare altrettanto buon formaggio russo secondo ricette italiane e svizzere”, ha affermato l’ambasciatore.

“Scusa la mia espressione, ma stiamo cercando delle sanzioni. “Abbiamo imposto sanzioni, quindi hanno un impatto positivo sulla nostra economia e agricoltura”, ha continuato.

L’ambasciatore ha affermato che ulteriori nuove sanzioni non sarebbero direttamente vantaggiose, ma “non sarebbero così gravi come ha descritto l’Occidente”.

Sabato il ministro degli Esteri britannico Liz Truss ha twittato che se la Russia avesse invaso l’Ucraina, avrebbe dovuto affrontare “gravi conseguenze”, comprese “sanzioni diffuse”.

Domenica, il ministro dell’Interno ombra Yvette Cooper ha affermato che c’era bisogno di una risposta molto forte e unificata a questi “militanti russi”.

L’Occidente di Tatarince lo ha accusato di non capire la mentalità russa. “Più l’Occidente farà pressione sulla Russia, più forte sarà la risposta russa”, ha detto. Allo stesso tempo, il diplomatico ha insistito sul fatto che Mosca stava cercando di evitare la guerra a tutti i costi. “Era la nostra unica preoccupazione in quel momento. L’ultima cosa che il popolo russo vuole è la guerra”, ha detto Tatarincev.

Rodolfo Cafaro

"Inguaribile piantagrane. Professionista televisivo. Sottilmente affascinante evangelista di Twitter. Imprenditore per tutta la vita."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.